Più veloce del vento

di Tommaso Percivale
Einaudi Ragazzi

Da bambina, Alfonsina non ci pensava: era una femmina, e le femmine devono fare quello che fanno le madri e le nonne. Ma il giorno in cui il padre porta a casa una bicicletta lei scopre il suo talento… Tanto evidente che gli stessi maschi la invitano ad allenarsi con loro. E Alfonsina corre, corre. Corre al punto che riesce ad iscriversi al Giro d’Italia gareggiando fianco a fianco con i colleghi maschi. È il 1924, e Alfonsina Strada sarà ricordata negli annali di storia del ciclismo come la prima donna italiana a disputare un Giro d’Italia, quando non esistevano ancora le gare femminili e alle donne mancavano ancora tante altre opportunità per confrontarsi alla pari con gli uomini.

Leggi l’estratto

 

Lascia il tuo commento

1451 Commenti

  1. 1
    Tarci SILVER 1 day ago

    Mi ha fatto veramente piacere leggere questo libro di Alfonsina, bravo lo scrittore Tommaso che con molta fantasia e verità narra la storia di una donna molto forte di carattere e atletica costante e molto determinata con un “aiuto cavalleresco” ma non molla mai e arriva vincitrice!!! A una età di trentatrè anni con la sola forza della natura!!! Quale differenza alle sostanze di oggi? Allora dov’è la forza nel sesso maschile? Anch’io sono ciclista da anni: è uno sport sempre piaciuto, lo pratico ancora (anche se abbastanza faticoso).
    Grazie per l’opportunità. Auguro una lieta e S.Pasqua a tutti.

  2. 1
    Maria SILVER (Peio) 1 day ago

    (commento di VOTO)
    Voto il libro “Più veloce del vento” di Tommaso Percivale perché è un contributo all’abbattimento anche oggi di molti pregiudizi sulle donne.

  3. 1
    topodibiblioteca ( Borgo Valsugana ) 1 day ago

    Mi a fatto riflettere quanto erano discriminate le femmine al tempo e a quanti progressi abbiamo fatto. Il libro mi è piaciuto molto perchè Alfonsina era ferma sui suoi ideali.

  4. 1
    Rainbowgirl08 ( Roncegno ) 1 day ago

    Caro Tommaso,
    Il tuo libro mi è piaciuto particolarmente per i seguenti motivi:
    1. Ho apprezzato molto il carattere forte e sicuro di Alfonsina
    2. Sono rimasta molto colpita dal coraggio di Alfonsina nel rubare, e poi scappare di notte con la bici del suo papà per poter realizzare il suo sogno
    3. È stato carino quando Alfonsina ha confidato ad Emma il suo segreto, cioè la passione per la bici. Lei sapeva che si poteva fidare della sorella!
    4. Ho gradito in particolar modo il fatto che Emma sapesse ascoltare e comprendere Alfonsina, se lei non avesse dato il suo sostegno alla sorella per Alfonsina sarebbe stato ancora più difficile diventare una ciclista
    5. Ho trovato molto carino il modo in cui Jacopo si è reso disponibile per aiutare Alfonsina
    6. É stato davvero saggio e maturo il gesto di Alfonsina: ha infatti donato alla sorella i soldi che aveva risparmiato per comprarsi la bicicletta
    7. Mi ha stupito molto la determinazione di Alfonsina, perché se non ci avesse creduto fino in fondo non ce l’avrebbe mai fatta a diventare una ciclista professionista!
    8. Infine é stato molto carino il negoziante che ha permesso alla protagonista del libro di comprare la bicicletta a rate

    Questo libro mi ha fatto capire che non bisogna mai abbattersi davanti ai primi ostacoli, si deve sempre guardare avanti e mai darsi per vinti. Bisogna lottare per realizzare i propri sogni!
    Grazie Tommaso per aver scritto questo magnifico libro, ciao!

  5. 1
    lucy2007 ( Borgo Valsugana ) 1 day ago

    Mi è piaciuto tantissimo l’inizio, perché per me è commovente , ci fa vedere come si era tanto severi sul genere femminile tanti anni fa e pensare che adesso siamo un po’ migliorati.
    Le donne possono : andare a lavorare, educare i figli …ecc
    Ed è per questo che mi piace.

  6. 1
    lucy2007 (Borgo Valsugana) ( Borgo Valsugana ) 2 days ago

    (commento di voto) Perché Alfonsina è una donna coraggiosa e determinata.
    Vorrei essere come lei.

  7. 1
    Icardi009 ( Dimaro Folgarida ) 2 days ago

    FANTASTICO!!!!!!!!!

  8. 1
    KEY KEY ( Folgaria ) 2 days ago

    Stupendo mi ha veramente lasciato a bocca aperta

  9. 1
    Mario Anti-Pro ( Lavarone ) 2 days ago

    Ciao Tommaso,
    ho iniziato a leggere il tuo libro.
    È bellissimo!

  10. 1
    Hermione10 (Lavis) ( Lavis ) 2 days ago

    (commento di voto) Questo libro mi é piaciuto molto perché racconta la storia di una femmina che non si é mai arresa e ha dimostrato che le femmine ce la possono sempre e comunque fare.

  11. 1
    Chiocciolina14 (Arco) ( Arco ) 2 days ago

    (commento di voto) COMMENTO DI VOTO:
    Questo libro mi è piaciuto moltissimo; mi ha dato un grande “spinta” nel credere in sè stessi, perche nessuno e niente potrai mai fermarci. Alfonsina è stata molto coraggiosa nel fare la scelta di correre contro sè stessa e vincere per lei e non per la gloria di battere un altro corridore.
    Spero molto che la sua storia riesca a diffondersi in tutto il mondo e dare ispirazione a chiunque e dimostrare che nulla è impossibile.

  12. 1
    ilmOndOdiOz2236 ( Dimaro Folgarida ) 2 days ago

    ciao Tommaso il tuo libro non mi è piaciuto molto… ti dico subito il perchè… perchè non sono molto amante del ciclismo quindi l’argomento del libro non era per me interessante ma per quanto riguarda la scrittura (descrizioni,parole, aggettivi, ecc…) mi hai ispirato molto.

  13. 1
    Spirit ( Ossana ) 2 days ago

    Ciao, Tommaso,
    questo libro mi è piaciuto un sacco

  14. 1
    Maris SILVER 2 days ago

    Ho letto con piacere la storia di questo libro. L’argomento della donna, come era vista in passato, ci fa tornare alla memoria i tempi della sottomissione in famiglia. Interessante anche la narrazione della povertà nel mondo contadino in cui viveva Alfonsina. La sua forza, la sua determinazione, il suo imporsi per raggiungere il suo obiettivo-sogno di diventare ciclista e di emergere anche fra gli uomini, l’ha portata a raggiungere il suo scopo.

  15. 1
    Pioggia 2008 ( Dimaro Folgarida ) 2 days ago

    Questa lettura mi è piaciuta molto perchè mi ha fatto sognare come è il mondo

  16. Peio Biblioteca 3 days ago

    Mi riferisco al commento di ieri della lettrice “volpina88” che … “nome – homen” è decisamente furba e sveglia come una volpe.
    Ma certo ragazzi! Si può commentare anche un libro che non si è letto o che si è scelto deliberatamente di non leggere chiarendo i motivi. Anche questo vuole dire sviluppare senso critico sulle cose e sulle proposte, a scuola come nella vita.
    Quindi volpina88 mia, ci hai dato un bell’esempio di sincerità, chiarezza di idee, determinazione e ti ringraziamo per questo. Mi pare che ora non ti resti che il compito di VOTARE entro il 3 Maggio il tuo libro preferito della Cinquina e venire alla Festa a conoscere gli autori.
    Buona Pasqua a te, a tutti i lettori/lettrici piccoli e grandi, agli autori, ai colleghi e colleghe in vista della corsa finale e della GFF al Palasport fissata per il venerdì 17 Maggio … e facciamo gli scongiuri del caso 🙂 🙂 … il vostro riderò!

  17. 1
    Maria SILVER 3 days ago

    Problemi seri di famiglia mi hanno lasciato il tempo di leggere solo uno dei cinque libri proposti. Questo di Percivale mi aveva subito incuriosita quando ci sono stati presentati i libri all’Università della terza età da parte dei nostri bibliotecari. È una bella vicenda quella di Alfonsina Morini Strada: una ragazza che si riscatta dalla povertà contadina con la sua grande volontà di lavorare e sbaragliando secoli di pregiudizio intorno alla donna. Un grande esempio per tutte noi. Un grazie allo scrittore.

  18. 1
    MarCy MiliTare ( Dimaro Folgarida ) 3 days ago

    Mi è piaciuto molto questo libro e vorrei votarlo buona fortuna, a presto

  19. 1
    Ida SILVER (Peio) 3 days ago

    (commento di VOTO)
    Voto per il libro «Più veloce del vento» perché contribuisce a considerare la figura femminile in maniera positiva: lottare per i propri sogni e ideali, faticare e soffrire per raggiungere i propri scopi nella vita. La scrittura è efficace e ricca, tanto che la considero più adatta a giovani e adulti che ai ragazzini.

  20. 1
    Elisa SILVER (Peio) 3 days ago

    (commento di VOTO)
    Voto per il libro «Più veloce del vento» perché per mio istinto preferisco questa storia di una ragazza ribelle che ha raggiunto il suo sogno di campionessa della bicicletta.

  21. 1
    Bruna SILVER (Peio) 3 days ago

    (commento di VOTO)
    Voto per «Più veloce del vento», libro che preferisco per la storia della campionessa bolognese di ciclismo che si è fatta dal nulla per riscattarsi dalla povertà della famiglia contadina. Si legge volentieri anche da adulti.

  22. 1
    Davide ( Ala ) 3 days ago

    Caro, Tommaso
    Questo libro mi è piaciuto molto, perché è stato molto avventuroso e anche appassionante. La pagina che mi è piaciuta di più, è quella in cui Alfonsina rompe il manubrio della bici e allora decide di usare un manico di scopa. Quella parte mi ha elettrizzato molto e mi ha convito che Alfonsina quando è a cavallo della sua bici non la può fermare niente e nessuno!!!

  23. 1
    cubeboy ( Borgo Valsugana ) 3 days ago

    Ho letto il libro qui in classe . Bello

  24. 1
    Griezmann7juve (Arcivescovile) ( Arcivescovile ) 3 days ago

    (commento di voto) Il libro mi piace molto perché è una storia del mio tipo e è ambientata in ambienti e tempi che mi piacciono molto. Mi congratulo con lei e complimenti per il libro!

  25. 1
    rosaviola ( Borgo Valsugana ) 3 days ago

    Libro realistico…fa proprio pensare a quante restrizioni c’erano, a quel tempo ,per le donne…Alfonsina riesce a dare a noi tutti forza e coraggio!!Complimenti per il libro!!!!

  26. 1
    volpina88 ( Peio ) 3 days ago

    Caro Tommaso Percivale, io non ho letto il suo libro però ritenevo giusto specificarle il perché.
    Il primo appunto che vorrei farle è che non dico che il suo libro sia brutto però non è la tipologia che leggo io. Il secondo appunto è che ho letto la trama che non mi ispirava e quindi ho deciso di escluderlo!!
    Un bacio Volpina88

  27. 1
    Ida SILVER 3 days ago

    Della cinquina in concorso ho trovato il tempo di leggere solo questo. Direi che è un bel libro, ben scritto, però un po’ “difficile” per lettura a ragazzi di quinta primaria; più efficace e adatto a ragazzi più grandi. Anche perché viene gustato dagli adulti… Questa figura di donna è molto positiva e va ringraziato l’autore che ce l’ha proposta in forma narrativa.

  28. 1
    Irma SILVER 3 days ago

    Tommaso Percivale, con la storia vera di una donna dell’inizio del XX secolo, racconta la situazione della classe contadina in Italia. Racconta il difficile cammino dell’emancipazione femminile che Alfonsina Strada, forte del suo fisico e del suo temperamento, deve fare, sostanzialmente senza riuscirci.
    Il ciclismo che lei ama moltissimo le concede vittorie, ma non il cambiamento della mentalità che la circonda.
    Oggi le cose sono cambiate? Le discriminazioni sono cambiate, ma il maschilismo cambia solo aspetto, è una vena sottile che non muore.
    Questo insegna che è necessario stare allerta, e come Alfonsina Strada non mollare mai.
    Visto che si scrive di una persona vera, può aiutare le/i ragazze/i a capire che il mondo è in continuo cambiamento, ed è anche opera di persone come Alfonsina e di ognuno di noi.
    Può insegnare a ragazze e ragazzi ad inseguire i propri sogni, magari contro i dettami della famiglia e della società. Cercare di realizzare i propri sogni è certo fatica, ma è vita.

  29. 1
    mick ( Borgo Valsugana ) 3 days ago

    Ciao Tommaso Percivale il tuo libro mi è piaciuto molto . Non riuscivo più ad addormentarmi quando ho incominciato a leggerlo perchè volevo leggerlo tutto . Questo libro mi ha riempito di emozioni negative e positive.

  30. 1
    a.c.2008 (Pinzolo) ( Pinzolo ) 4 days ago

    (commento di voto) Ho votato questo libro perchè mi ha fatto capire che non bisogna mollare mai.La parte del libro che mi è piaciuta di più è quando il suo amico gli ha chiesto se voleva provare ad andare in bicicletta e anche quando ha fatto il giro d’Italia ma sono rimasta colpita da tutto il libro: veramente bello.

  31. 1
    MieleMiao! ( Valle di Cavedine ) 4 days ago

    CIAOOOOO!!!!!!😂💖

  32. 1
    MieleMiao! ( Valle di Cavedine ) 4 days ago

    Devo dirlo a volte mi sono proprio annoiata.😤
    Però la terza parte era proprio bella!😺👍

  33. 1
    jennifer5 (Ala) ( Ala ) 4 days ago

    (commento di voto) Questo libro è reale… dalla prima pagina ho sentito una grande emozione , ma anche tanto dolore , non riesco ancora a capire quanta intolleranza c’era a quell’epoca . E così, i tentativi di sua madre di capirla facevano sentire Alfonsina ancora più sbagliata, “orfana di un posto nel mondo.” Questa frase mi ha lasciato un vuoto nel cuore , uno che mi ha rabbrividito la pelle e le ossa . Uno talmente doloroso che mi fa riflettere su una cosa :
    ogni mamma apprezza il proprio figlio accogliendolo in braccio ed incoraggiandolo , ma a me questa mamma non mi è sembrata così ! Quando ho letto questa cosa sentivo i lucciconi agli occhi e ho sentito un sussurro vicino agli orecchi che diceva : “ Se non hai mai mangiato con le lacrime agli occhi non consci il sapore della vita “. Ora che ho scritto il mio pensiero non pensate sia così? Io penso sia così perché noi abbiamo troppo, ora non mi dilungo molto su questo argomento, ma era solo per dire che Alfonsina era grata anche di una semplicissima bicicletta e noi ne vorremo due così.

  34. 1
    Pesca ( Riva del Garda ) 4 days ago

    Caro Tommaso:
    il tuo libro mi è un sacco a cuore perchè Alfonsina una ragazza qualunque riesce a fare una cosa pazzesca fare il suo sogno!!
    Credo che questo libro grazie a Alfonsina e a te ognuno può fare il proprio desiderio come alla fine Alfonsina con la sua bici e riuscita a fare il giro d’italia come una bambina può fare il suo desiderio lottando
    il tuo libro è stato bellissimo

  35. 1
    Maddi07 (Riva del Garda) ( Riva del Garda ) 4 days ago

    (commento di voto) Perché il libro “Più veloce del vento” fa immergere nella storia chi sta leggendo. Usa un linguaggio un po’ complesso che, secondo me era uno dei suoi punti di forza.
    Insomma, questo libro è stato meraviglioso!!!

  36. 1
    zampa (Peio) ( Peio ) 4 days ago

    (commento di VOTO)
    Il libro che mi è piaciuto di più è stato “Più veloce del vento” perché i libri che parlano di storie a noi vicine e di attualità mi piacciono.

  37. 1
    Sofia ( Folgaria ) 4 days ago

    buon giorno signor Tommaso, ho letto volentieri il suo libro perchè parla anche di un mezzo di trasporto che a me piace molto la bicicletta.
    in questo mondo dove si vedono tante discriminazioni nei confronti delle donne questo libro dimostra che simo tutti uguali.
    che possiamo fare tutti le stesse cose.
    forza Alfonsina siamo tutti con te!!!

  38. 1
    gaia1 ( Ala ) 4 days ago

    Egregio Tommaso,
    il suo libro mi è piaciuto molto perché ci sono state delle parole che mi ricordano il mio passato, per questo mi è piaciuto molto.
    la ringrazio e arrivederci.

  39. 1
    paolob07 ( Lavis ) 4 days ago

    Ciao Tommaso non sono un grande amante della lettura ma nonostante tutto mi è piaciuto molto leggere il tuo libro perché la storia era molto avvincente. A me piace tanto andare in bicicletta e la storia di Alfonsina mi ha fatto immaginare di vivere anch’io un’avventura come la sua.
    Mi ha fatto riflettere su come le cose sono cambiate nell’arco di quest’ultimo secolo infatti l’impresa di Alfonsina non è stata affatto facile, se fosse vissuta ai giorni nostri probabilmente la sua avventura sarebbe stata molto diversa.

  40. 1
    paky2007 ( Lavis ) 4 days ago

    Mi dispiace ma purtroppo il suo libro non mi è piaciuto molto per la storia trattata .
    Un caro saluto

  41. 1
    emmus1008 (Baselga di Pinè) ( Baselga di Pinè ) 4 days ago

    (commento di voto) Il libro mi ha fatto capire che si deve credere ai propri sogni e mai rinunciare.

  42. 1
    artypro07 ( Riva del Garda ) 4 days ago

    ciao!
    volevo ringraziarti per avermi dato quest’emozione nuova è spero di leggerne altri
    un saluto da me, ciao!

  43. 1
    Ines SILVER 4 days ago

    Ho partecipato al Premio volentieri ed ho letto l’intera Cinquina.
    Questo tuo libro mi è piaciuto particolarmente. La storia vera di questa forte donna che ha raggiunto con costanza il suo sogno mi ha colpito e sono contenta di aver conosciuto a fondo la sua storia. Grazie per il tuo lavoro letterario.

  44. 1
    marti3006 (Baselga di Pinè) ( Baselga di Pinè ) 5 days ago

    (commento di voto) perchè è molto bello

  45. 1
    Nyke2018 (Lavis) ( Lavis ) 5 days ago

    (commento di voto) Questo libro mi è piaciuto perchè ci fa comprendere quanto il mondo per le donne sia cambiato negli ultimi cento anni! Mi ha fatto riflettere quanto Alfonsina abbia sofferto e lottato per poter realizzare il suo sogno: è una grande lezione di vita per tutti noi.

  46. 1
    Ritarose ( Lavis ) 5 days ago

    Caro Tommaso,
    il suo libro era fantastico. Alfonsina non era come le altre ragazze ma era molto diversa e adesso vorrei diventare come lei forse ci riuscirò ma non penso di aver coraggio come lei.

  47. 1
    Ines SILVER (Peio) 5 days ago

    (commento di VOTO)
    Voto per “Più veloce del vento” di Tommaso Percivale per la sua scrittura molto bella e per l’istruttiva storia narrata.

  48. 1
    OWEN07DJ (Arcivescovile) ( Arcivescovile ) 5 days ago

    (commento di voto) Il libro in se era bello ma potevate allungarlo un po di più se fosse in valutazione darei 4,6 stelle.

  49. 1
    endriw ( Rumo ) 5 days ago

    Questo libro non mi è piaciuto tanto perché non mi ha coinvolto e non mi ha invogliato ad essere letto

  50. 1
    oro bianco.silver ( Predazzo ) 5 days ago

    Una bellissima narrazione di coraggio e determinazione nell’inseguire una passione in una situazione di miseria, di disparità di genere e di molte altre difficoltà. Molto buono ed educativo

  51. 1
    Betty ( Ala ) 5 days ago

    Caro Tommaso.
    Mentre leggevo il suo libro pensavo che anche io come Alfonsina studio di notte, non solo perchè durante la giornata ( oltre alla scuola ) sono impegnata nelle attività sportive e finisco molto tardi, ma anche perché come Alfonsina aiuto la mia famiglia non fermandomi mai.
    Mi piace dare il mio contributo in famiglia e sentirmi utile, lasciando il mio segno.
    CI VEDIAMO A TRENTO 🙂 😉

  52. 1
    Matrix 002 ( Romeno ) 5 days ago

    Più veloce del vento è un libro fantastico!!!
    Alfonsina ha combattuto per la sua felicità.
    Ogni giorno ogni notte sperava, sognava e pensava. Ci vediamo alla prossima. Nei tuoi libri fantastici.

  53. 1
    unicorno008 (Taio) ( Taio ) 5 days ago

    (commento di voto) Più veloce del vento è bello perchè spiega che le donne possono fare tutto;sono invincibili!

  54. 1
    Lol ( Valle di Cavedine ) 5 days ago

    Questo libro mi piaciuto molto perché sapere che una ragazza è riuscita a completare il suo sogno in un’epoca dove tutto era per maschi.
    Lei una semplice sarta povera è riuscita a ispirare molte ragazze a essere come lei una ragazza senza limiti che pur di completare il suo sogno andava di nascosto la sera ad esercitarsi con la bicicletta.
    Bellissimo questo libro, ciao Tommaso!!!!!!!

  55. 1
    Banana blu (Riva del Garda) ( Riva del Garda ) 6 days ago

    (commento di voto) Questo libro mi è piaciuto perché il personaggio di Alfonsina fa capire al mondo l’ importanza dell’essere l’uno diverso dall’altro. Fa capire inoltre che se hai una passione la devi coltivare con le tue doti e con il tuo amore!

  56. 1
    Nina ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    la pagina del libro “più veloce del vento” che mi è piaciuta di più è l’ultima perché in questa si parla di Alfonsina che riesce ad esaudire il suo sogno: gareggiare nel Giro d’Italia e arrivare fino alla fine. In questa pagina si parla della sua infanzia, dei sopranomi ridicoli che le davano. nessuno avrebbe mai pensato che lei, Alfonsina Strada ce l’avrebbe fatta. Proprio lei una sartina di Castenaso, un paesino sconosciuto.
    Alfonsina dimostra che anche le donne possono diventare atlete, imprenditrici, pittrici… Non solo gli uomini.
    Lei mi ha insegnato che anche se qualcuno ti prende in giro, è meglio lasciar correre, anche se è difficile, non abbassarsi al livello dello schernitore, ma di proseguire a testa alta perché ogni persona è libera di fare e pensare quello che vuole.

  57. 1
    Nina ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    leggendo la storia di Alfonsina mi sono ricordata della mia prima volta in bicicletta.
    La mia prima bici era bellissima, era tutta viola con dei fiori fucsia e bianchi.
    Me l’avevano regalata i miei zii quando avevo compiuto due anni ma solo a sei ho imparato ad andarci senza rotelle. Ricordo quel giorno d’estate in cui era venuta a trovarci una nostra amica di famiglia, Angela, e quindi la mamma si era messa a chiacchierare con lei in giardino.
    Io avevo notato da subito che lei era arrivata con una bicicletta ma non era come la mia: non aveva le rotelle. Allora ho voluto provare a tutti i costi ad andarci anch’io senza! Così ho chiesto al papà di togliermi le rotelle dalla bicicletta e lui lo ha fatto.
    Avevo provato svariate volte ad andarci, ma era più difficile del previsto. Così mentre la mamma continuava a parlare con Angela, il papà mi dava consigli su come tenere l’equilibrio.
    Successivamente, io e mio papà avevamo trovato una tecnica per pedalare in equilibrio senza cadere: lui mi teneva mentre io pedalavo. Ad un certo punto il papà mi ha lasciato e io mi sono ritrovata a pedalare da sola quindi, tutta emozionata ho urlato:”Mamma, guarda! Guarda! Mamma! ” però lei non mi ha guardato perché era troppo impegnata a chiacchierare.
    Quando finalmente si è girata io ero caduta. Dopo alcuni tentativi ero riuscita a trovare il giusto equilibro. E anche la mamma mi guardava.
    Ce l’avevo fatta! Avevo imparato ad andare in bicicletta senza rotelle! Così queste finirono in cantina.

  58. 1
    Malak ( Ala ) 6 days ago

    IL suo libro mi è piaciuto tantissimo, ho provato a mettermi nei panni di Alfonsina una ragazza che vuole inseguire i suoi sogni , anche se e caduta e si è rialzata lei non ha mai mollato neanche quando voleva comprarsi una nuova bici.
    Il suo libro mi ha lasciato delle grandi emozioni ,e sono riuscita a ricordare i miei belli e brutti ricordi.

  59. 1
    IRENE ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    sono Ayoub e approfitto dell’ account della mia compagna per scriverle il mio commento.
    come Alfonsina, anch’io adoro andare in bici letta,e’ la mia passione, oltre la nuoto.la mia bici e’ grigia metallizzata e il pomeriggio sfreccio veloce nel cortile di casa insieme a mio fratello e ai miei amici.la storia di Alfonsina mi e’ piaciuta molto, al computer ho visto la sua foto reale e il percorso. Che ha fatto nel giro d’ Italia. Sono rimasto davvero colpito.

  60. 1
    Fedez ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    a me piace il capitolo 1, perché è lì che inizia l’ avventura e il sogno di Alfonsina; e è li che Alfonsina comincia la sua avventura con la bicicletta realizzando il suo più grande sogno. Per me, il primo capitolo di ogni libro è importante perché è da lì che nasce la storia, che si delineano i personaggi e i luoghi. E’ essenziale il primo capitolo perché è un po’ come la vetrina di un negozio che ti invoglia ad entrare ed a esplorare. E infatti mi sono immerso nel libro più veloce del vento con Alfonsina.
    Grazie

  61. 1
    Gallad ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    la mia ‘pagina preferita è quando Alfonsina tutte le notti prendeva la bici di suo papà, ma un giorno di maggio sua sorella Emma la insegui. Alfonsina le disse che lei tutte le notti prendeva la bicicletta, e si allenava in un campo poco più avanti. Il campo, era piatto con l’ erba schiacciata. Mi piace questo brano perché racchiude un po’ tutto il libro: Si racconta della passione di Alfonsina, e viene descritto bene, anche se al inizio deve farlo di nascosto.
    Mi piace anche il modo in cui viene descritto il campo, infatti viene paragonato ad un altare per dire che è “liscio” e l’ erba è paragonata a “capelli bagnati”.

  62. 1
    Alessia 33 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso ,
    mi è piaciuta la pagina 190 , è quando Alfonsina si trova a Bologna per una tappa del giro .
    “E poi si trovò davanti lei, mamma Virginia, ed Emma, papà Carlo, Jacopo . Travolta da un’ondata di commozione, Alfonsina si gettò tra le braccia della sua famiglia. Grondava sudore e sangue, e non era mai stata più felice.”
    Questo pezzo mi è piaciuto molto perché anche se sua mamma desiderava che Alfonsina fosse una donna come tutte le altre e suo papà volesse un figlio maschio, loro erano lì a guardarla gareggiare.
    Tutti sperano che la propria famiglia sia orgogliosa dei propri figli, e per questo loro erano lì, per sostenere Alfonsina che stava compiendo un’impresa leggendaria.
    Anche a me piace quando la mia famiglia mi sostiene .
    cari saluti !
    cari saluti e spero di incontrarla !

  63. 1
    ginny07 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    ho finito il suo libro e mi è piaciuto molto fin dal primo capitolo. Mi hanno stupita parecchie frasi come per esempio: “lavorare non le pesava” e faceva anche lavori pesanti!!!!! Alfonsina aveva ancora 10 anni, io quando avevo 10 anni aiutavo a casa ma non così tanto. poi un’altra frase che mi ha colpita anche se per me non è così è: “uomo e donna sono come ago e filo: l’uomo è l’ago,che decide cosa fare e disfare, la donna è il filo, che si lascia governare”. Io sinceramente preferisco essere l’ago, perchè ho un po’ il carattere così, che governa, che fa da capo…

  64. 1
    Federik4 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    ho appena iniziato a leggere il suo libro e sono in disaccordo con gli uomini di quel tempo che credevano di essere più importanti delle loro donne che avevano il compito di educare e crescere i figli. Ancora nel 2019 ci sono uomini che considerano la donna un gradino più in basso rispetto a loro. Consiglierei a tutti questo libro e mi è piaciuta la frase:”L’impossibile è possibile”. Perché vuol far capire che Alfonsina anche se non vincerà avrà partecipato al Giro d’Italia , la prima donna nella storia del Giro!

  65. 1
    JACOPO2.0 ( Ala ) 6 days ago

    La mia pagina preferita è stata quando Alfonsina e Jacopo si imbattono in altri due ciclisti che le dicono loro:”Vi siete visti? Non arrivate neanche ai pedali! Sete due mocciosi che non hanno idea di cosa voglia dire andare in bicicletta”. Secondo me, questi uomini hanno ragione perché se hai una bici devi usarla come si deve.

  66. 1
    Gallad ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    al inizio questo libro non lo avrei mai letto ma dopo 3,4 capitolo mi è incominciato a piacere. A me piace perché l’autore riesce a trasmettere le emozioni di Alfonsina. Come quando è andato a comprare la bicicletta. Si capiva che era emozionate, infatti era tutta rossa, perché non aveva abbastanza soldi.

  67. 1
    Betty ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso.
    “RENDERE POSSIBILE L’IMPOSSIBILE”
    per Alfonsina significava realizzare un sogno per me significa continuare a provare e riuscire a vincere l’impossibile.
    A scuola qualche giorno fa sono venuti due attori di teatro a presentarci il loro spettacolo; intitolato DEsPRESSO.
    Un’attrice ha la sindrome di down quindi ha difficoltà a memorizzare le parti da recitare ma “RENDENDO POSSIBILE L’IMPOSSIBILE”
    è diventata una bravissima attrice.
    SPERO DI VEDERLA A TRENTO.

  68. 1
    Tom ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    Mi è piaciuta la parte in cui Alfonsina riesce ad arrivare fini in fondo al Giro e i giornalisti, increduli, le chiedono se ha avuto un aiuto magari qualcosa la trainava
    Ma lei risponde:”Certo che hanno aiutata ma non trainandomi; in ogni tappa c’era almeno una persona che tifava per me.”
    Mi piace perché mi fa ricordare che Alfonsina non si arrende mai, si fa scivolare addosso le critiche dei suoi denigratori, mentre si fa incoraggiare da chi la tifava.
    Ciaoooo!! 😉

  69. 1
    Nina ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso Percivale,
    quando ho cominciato a leggere il suo libro, lo ritenevo noioso e ingiusto perché a nessuno andava bene com’era Alfonsina: al padre perché era una femmina e alla madre perché non era aggraziata ed elegante come voleva lei.
    Però quando Alfonsina ha scoperto la sua passione, andare in bicicletta, e a fare le gare mi è subito piaciuta di più, queste sue avventure mi tenevano col fiato sospeso.
    Io ammiro Alfonsina per il suo coraggio. Un giorno mi piacerebbe essere tenace come lei.
    non vedo l’ore di vederla a Trento

  70. 1
    Nikki07 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    Il suo libro è molto bello, mi ricorda i tempi lontani dei miei nonni. Una volta era molto meglio che adesso, si andava più d’accordo e ci si voleva più bene, mi piacerebbe tornare a quei tempi, come mi racconta mia nonna, quando andavano a piedi anche per chilometri per andare a scuola. Di Alfonsina era la vita però che contava l’amicizia con Iacopo, le discussioni con mamma e papà, i segreti tra lei ed Emma. Mi piace molto l’espressione “la donna è il filo e l’uomo è l’ago” . Per me adesso non è più così, ognuno in casa deve fare il necessario per vivere. La cosa che mi è piaciuta di più del libro è quando finalmente Alfonsina può partecipare al giro, a dire la verità ogni singola cosa di questo libro è la mia preferita, da quando nasce e il padre voleva un maschio a quando va dallo Zar, quando le regalano le rose e quando non si arrende per arrivare in fondo al Giro. Mi dispiace perché è arrivata ultima, ma tanti si erano arresi. per me nello spirito però è arrivata prima, ha superato tutti ed ha tagliato il traguardo.Il suo libro è bellissimo. nikki07

  71. 1
    Gallad ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    quello che mi restato impresso nel libro è l’ affermazione “ago e filo” dove si dice che l’ uomo governa mentre la donna segue. Io non condivido e mi ha sorpreso che proprio una donna dicesse questo a sua figlia.

  72. 1
    isaheer ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    Il suo libro è molto bello, soprattutto la parte in cui Alfonsina durante il Giro d’ Italia cade ma si rialza e instancabile riesce ad arrivare fino al traguardo finale ricevendo gli applausi di tutti. Lei per me è un grande scrittore! Io non avrei mai letto il suo libro se non ci fosse stato questo concorso. Spero che ci incontriamo presto.

  73. 1
    Nikappaola ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    a me il suo libro è piaciuto perché una persona come Alfonsina, in difficoltà, perché la sua famiglia aveva pochi soldi, ed è riuscita comunque a fare successo e ricevere un regalo dallo zar di Russia e dal re d’Italia, come c’è scritto sul libro Alfonsina è riuscita a fare l’impossibile.
    Grazie tante di avermi regalato queste emozioni, un abbraccio!!

  74. 1
    Fransisco_noemi ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    ho scelto la tappa L’Aquila-Puglia, Alfonsina cadeva e si rialzava, non mollava mai, lei voleva concludere il Giro d’Italia a tutti i costi.
    Alfonsina aveva rotto il manubrio a furia di utilizzare la bici, allora i sostenitori di Alfonsina mandavano alla Gazzetta cinquecento lire ed era da consegnare ad Alfonsina Strada, numero 72, campionessa. Alfonsina anche se è molto stanca va avanti perché vuole riuscire a far capire a tutti che chiunque può fare gare ciclistiche, anche altre cose, soprattutto donne. Mi è piaciuto questo pezzo perché se vuoi riuscire a fare una cosa e sei la prima, e diverso da tutti gli altri che lo fanno, devi far vedere chi sei e che riesci a farlo, anche se sei diverso da tutti. Mi è piaciuta anche la parte in cui quando Alfonsina vide il pubblico applaudire e tifare per lei, anche se aveva addosso vestiti da uomo. Alfonsina scese dalla bici perché era finita la tappa, vide i suoi genitori in mezzo alla folla e li andò ad abbracciare. Vide Emma, mamma Virginia, papà Carlo e Iacopo, lei si è commossa molto.

  75. 1
    Miri_08 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    questo libro mi ha colpito molto perché parla di una ragazza che ha trovato la sua passione e l’ha vissuta fino in fondo: il ciclismo. Lei non si è arresa ma ha continuato a fare quello che voleva nonostante le critiche dei suoi genitori e delle altre persone. Per questo ho imparato a non arrendermi mai anche davanti agli ostacoli più difficili ma proseguire.
    Ci vediamo a Trento!

  76. 1
    Alessia 33 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso ,
    Devo ancora finire di leggere il suo libro, mi piace un mondo perché non credevano che Alfonsina fosse brava in bici solo perché era una femmina , invece, guarda qua, quanta strada ha fatto ed è pure diventata una campionessa!
    è successo pure a me di essere sottovalutata ma la mia famiglia e dei miei insegnanti mi hanno insegnato che non bisogna ascoltare chi ti denigra e andare avanti e crederci e non mollare mai perché tutti possono avere l’opportunità di crescere nel proprio sport .
    Beh, sai chi credeva in me aveva ragione! Ora grazie a loro sono entrata a far parte di una squadra agonistica di pallavolo e sono molto soddisfatta di questo risultato, anche perché lo sport per me aiuta a crescere e a stare con gli altri .
    Per me lo sport è tutto.
    Cari saluti e spero tanto di incontrarla!

  77. 1
    Fulmine.12 ( Ala ) 6 days ago

    caro Tommaso,
    il libro mi è piaciuto molto perché la storia di Alfonsina mi ha suscitato moltissime emozioni, per esempio: la sensazione di libertà, Alfonsina quando è in sella non la può fermare nessuno!
    Il senso di ingiustizia nei confronti delle donne, Alfonsina non ci sta a vivere in una società in cui la donna è considerata solo come moglie e madre.
    La sua forza e la sua determinazione nel cercare di realizzare il suo sogno mi hanno commosso!
    la prof ci ha chiesto di scegliere la nostra pagina preferita del libro ma a me in realtà Non c’è solo una pagina del libro che mi è piaciuta perché a me il libro è piaciuto tutto.
    La frase che di sicuro non dimenticherò è quando: “Alfonsina respiro forte è sognò di essere un seme impiantato giù nel fondo per ricrescere rigoglioso”
    La ringrazio per avermi regalato tutte queste emozioni.
    Spero di incontrarla a Trento.

  78. 1
    Nikappaola ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    la parte in cui Alfonsina parla della punizione nella stalla in cui il padre si slaccia la cintura per darla sul sedere a chi non si comportava bene , mi faceva ricordare mio nonno, che non vedo da tempo perché l’ho perso,quando da piccolo non faceva il bravo c’era il bastone sul muro e il mio bisnonno glielo dava sul sedere.

  79. 1
    IRENE ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    l’inizio del libro non mi ispirava, perché non era tanto avventuroso ma andando avanti, pagina per pagina iniziava a piacermi perché quando
    Alfonsina se ne andò di casa iniziava una nuova avventura per lei, è da lì che mi è sembrato molto bello.
    Grazie.

  80. 1
    miele ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso,
    la frase “Come se si potessero chiudere le orecchie alle brutte parole” mi ha fatto pensare al mio passato, per tutte quelle offese che ho ricevuto ma che mi hanno reso più forte. GRAZIE.

  81. 1
    ginevrolly21 ( Ala ) 6 days ago

    Caro Tommaso ,
    Mi piace molto la parte in cui Alfonsina corre , la frase diceva : QUANDO CORREVA IL MONDO ATTORNO CAMBIAVA. Alfonsina mentre correva sembrava che i doveri sparissero , le infinite cose da fare , il lavoro . Spariva il tedio della miseria . Questa cosa mi fa pensa ad una ragazza che per togliere i brutti pensieri e le incertezze correva , mentre correva non pensava ad altro , come se vedesse solo la strada e l’arrivo e nient’altro .

  82. 1
    sergio07 (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Tra tutti i libri che abbiamo letto per il progetto “Sceglilibro”, un percorso per giovani lettori, il mio preferito è
    -Più veloce del vento di Tommaso Percivale-.
    Ho scelto questo libro per la forza, il coraggio e lo spirito battagliero da parte della protagonista del libro: Alfonsina Morini, chiamata da tutti Alfonsina Strada.
    Con il suo carattere e la sua determinazione
    è riuscita ad ottenere ciò che voleva: partecipare e finire il Giro d’Italia, cambiando la vita del ciclismo per sempre.E da donna che era diventò leggenda.

  83. 1
    Fulmine.12 (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) allora, prima di tutto vorrei ringraziare moltissimo tutti gli autori dei libri che ho letto, perché mi hanno regalato moltissime emozioni e avventure.
    il libro che mi é piacuto di più è
    PIù VELOCE DEL VENTO DI TOMMASO PERCIVALE
    ho votato questo libro perché la protagonista “Alfonsina” è come se mi rappresentasse. Secondo me, non è giusto associare sempre alle femmine il rosa, le barbie, lo smalto, il trucco, che debbano farsi belle tutti i giorni. A me, ad esempio, piace il blu e da piccola giocavo sempre con le macchine, indosso sempre vestiti maschili e mi piace moltissimo il calcio anche se sono una femmina.
    i miei genitori vorrebbero che ogni tanto indossassi la gonna o un vestito rosa e preferirebbero che facessi ginnastica artistica piuttosto che calcio, perché, dicono, che ho un fisico di una ginnasta. Ma a me non piace né il rosa, né le gonne, e la ginnastica artistica non mi entusiasma perché è individuale e a me piacciono i giochi di squadra.
    Grazie Tommaso per avermi regalato un sacco di emozioni e per avermi fatto fare un tuffo nel passato

  84. 1
    seba10 (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Caro Tommaso,
    Il libro che mi ha attratto di più è “Più veloce del vento” perché parla di biciclette e a me piace andare in bicicletta.
    Inoltre mi ha incantato la storia di Alfonsina per come sia riuscita a diventare una ciclista.
    Mi ha sorpreso come Fonsina, pur essendo l’unica donna del Giro d’italia, sia riuscita ad arrivare al traguardo.
    La ragazza è stata coraggiosa e tenace, ha realizzato i suoi sogni con fatica e anch’ io, come lei, vorrei riuscirci.
    Cordiali saluti seba10

  85. 1
    Fransisco_noemi (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Io voto “Più veloce del vento”, perché mi ha fatto capire che chiunque può riuscire a fare quello che si desidera anche se sei diverso da tutti.
    Basta crederci fino in fondo.

  86. 1
    Tom (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Voto Più veloce del vento perché parla di una ragazza che lotta per tante cose: la famiglia che suo padre voleva un maschio invece che una femmina per andare in bici ma non la lasciano …
    Però lei non si arrende mai ed è per questo che voto per questo romanzo.

  87. 1
    Nikki07 (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Mi è piaciuto tantissimo questo libro perché aveva molti colpi di scena, ti faceva vivere le esperienze in prima persona e in certi punti ti fa capire che una volta quando si era donne si era sottovalutate, ma grazie a lei la storia è cambiata, inoltre mi piace quando partecipa al Giro e anche se è arrivata ultima per me è arrivata prima. Il mio giudizio è di 10 stelle, il massimo.

  88. 1
    IRENE (Ala) ( Ala ) 6 days ago

    (commento di voto) Perché Alfonsina è stata coraggiosa, ha sempre
    affrontato ogni traguardo senza imbrogliare,
    un po’ tragico perché quando sua mamma le disse che se le piaceva così tanto se ne doveva andare via. Questo libro mi piace perché Alfonsina ha trovato la sua passione più grande.

  89. 1
    delphin07 ( Mezzolombardo ) 6 days ago

    Il libro non mi è piaciuto molto perché le vicende erano tutte ripetute e non mi trasmetteva emozioni. Questo romanzo però ti dice anche di andare avanti, credere nei tuoi sogni e portarli avanti finché non li realizzi. Non mi è piaciuta la parte dove Alfonsina va a cercare la bicicletta perché secondo me doveva parlarne con la sua famiglia anziché scappare di nascosto. E’ vero che i suoi genitori non erano d’accordo con l’idea che lei andasse in bicicletta, ma secondo me l’avrebbero aiutata comunque.
    Una cosa che invece mi è piaciuta è stata quando Alfonsina lavorava tantissimo tempo per arrivare a una cifra di soldi abbastanza alta da comprarsi la bici. Questo vuol dire che ci teneva proprio tanto! Era disposta a tutto pur di riuscire un giorno ad acquistarsi una bicicletta, magari anche vecchia e non proprio messa bene!
    Tanti complimenti a Tommaso Percivale!

  90. 1
    SEDOOOOOO ( Valle di Cavedine ) 6 days ago

    Questo libro mi è piaciuto molto perché ha dimostrato come la passione e la voglia di riuscire nelle cose ci fanno fare sforzi per finire quello che iniziamo.
    Come Alfonsina ha fatto con il giro d’Italia. Leggere queste pagine è stato molto facile e bello. Questo è uno di quei libri che non vorresti mai finire.

  91. 1
    draghetto08 ( San Michele all’Adige ) 6 days ago

    Ciao!
    Mi spiace dirlo ma il tuo libro non mi è piaciuto molto e per leggerlo ci ho messo tre settimane circa. Ma era pieno di emozioni ed è stato bello seguire Alfonsina nel suo viaggio se così si può chiamare. 😀🤩😁🏅🏅🏅

  92. 1
    el lettor ( Riva del Garda ) 6 days ago

    ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto perché Alfonsina è una donna che vuole dimostrare che anche le donne possono fare quello che fanno gli uomini e lei sfiderà tutti e tutto per la sua libertà ciao un abbraccio

  93. 1
    Panda06 ( San Michele all’Adige ) 7 days ago

    Questo libro a me non è piaciuto per via dell’ argomento.

  94. 1
    sirena ( Andalo ) 7 days ago

    Ciao Tommaso ho iniziato a leggere il tuo libro . Mi rende un pò triste il fatto che Alfonsina nn fosse accettata dal padre.Per il resto molto bello ti farò sapere. Un bacioooooooooooooooo!.

  95. 1
    PERVINCA (Fiera di Primiero) ( Fiera di Primiero ) 7 days ago

    (commento di voto) Mi è piaciuto Più veloce del vento perché parla di sport e spiega che bisogna sempre cercare di realizzare i propri sogni,anche se non è nel ordinario(come nel caso di Alfonsina Strada,che ha fatto il Giro d’ Italia anche se era una donna.

  96. 1
    Luna-Sole ( Fiera di Primiero ) 7 days ago

    Ho letto il libro ma mi è sembrato un po noioso all’inizio ma nel finale mi ha conquistato

  97. 1
    matthew ( Valle di Cavedine ) 7 days ago

    Questo libro mi è piaciuto soprattutto perchè c’è una bambina che gareggia in bicicletta e i maschi che la vedono correre la deridono, ma lei non li asolta e corre veloce arrivando prima di loro. Infatti, lei da quanto corre veloce partecipa al Giro d’Italia arrivando al traguardo e poi diventa famosa

  98. 1
    Biscottino ( Andalo ) 7 days ago

    Questo non mi è piaciuto molto

  99. 1
    pretty (Andalo) ( Andalo ) 7 days ago

    (commento di voto) Mi è piaciuto perché è una storia reale e commovente

  100. 1
    pretty (Andalo) ( Andalo ) 7 days ago

    (commento di voto) Mi è piaciuto perché è una storia reale e commovente

  101. 1
    Farfalla ( Riva del Garda ) 7 days ago

    ciao. Libro un po faticoso da leggere,all’inizio non mi ha colpito cosi tanto ma dopo è stato bellissimo. Un saluto

  102. 1
    giuseSILVER (Peio) 7 days ago

    (commento di VOTO)
    Preferisco “Più veloce del vento” perché la storia nell’ambiente di povertà di Alfonsina destava in me ricordi di racconti e fatti di vita vissuta dai miei genitori.

  103. 1
    Lore SILVER (Peio) 7 days ago

    (commento di VOTO)
    Dei cinque mi è piaciuto di più “Più veloce del vento”: per la storia vera di Alfonsina e per come è stato scritto.

  104. 1
    MaRica SILVER (Peio) 8 days ago

    (commento di VOTO)
    Scelgo “Più veloce del vento” perché è una efficace storia vera e perché mi ha toccato miei ricordi di bambina quando si imparava ad andare in bicicletta che era più grande di noi!

  105. 1
    stefi08 ( Baselga di Pinè ) 8 days ago

    Caro Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto tantissimo perché hai fatto sapere a tutti la storia di un personaggio esistito veramente che ha difeso i suoi diritti consentendo anche alle donne di andare in bicicletta . Ciao!

  106. 1
    stefi08 (Baselga di Pinè) ( Baselga di Pinè ) 8 days ago

    (commento di voto) PERCHE’ HA PERMESSO A TUTTE LE DONNE DI ANDARE IN BICICLETTA E RAGGIUNGERE UNA COSA CHE LE DIFFERENZIAVA DAGLI UOMINI –

  107. 1
    Arcobaleno07 ( Lavis ) 8 days ago

    Il suo libro mi è piaciuto molto perché parla di una ragazzina che non si è fermata davanti alle avversità ed è andata avanti per realizzare i suoi sogni, cosí Alfonsina Strada è stata una delle poche femmine a riuscire a finire il giro d’ Italia.

  108. 1
    aleleobenny ( Fiera di Primiero ) 8 days ago

    Cara Alfonsina, leggere la tua vita e’ stata un’avventura entusiasmante,appassionante e commovente. Io e mio figlio abbiamo condiviso tutte le sere la lettura del libro ed e’stato esattamente come vedere un film o trovarsi sui bordi della strada a tifare per la ciclista Morini!
    Ad essere sincera il libro l ‘ avremmo dovuto leggere insieme la sera ,invece il giorno dopo l ‘ avevo gia’ finito con l ‘ ingordigia di un bimbo di fronte un pezzo di cioccolata.
    Ho amato Alfonsina ,che non conoscevo, sin dalle prime pennellate descrittive,ho sofferto con lei quando prendeva le frustrate dal padre ma ho anche gioito per le sue vittorie!!
    L ho cercata su google e ho trovato meravigliose foto di lei in bianco e nero…e questo mi ha emozionato moltissimo.Ho mostrato le foto a mio figlio e ho continuato a parlare delle gesta di Alfonsina per giorni…sinceramente un po con tutti…ormai Alfonsina e’ nel podio eterno della mia conoscenza.Grazie Tommaso.

  109. 1
    aleleobenny ( Fiera di Primiero ) 8 days ago

    Cara Alfonsina, leggere la tua vita e’ stata un’avventura entusiasmante,appassionante e commovente. Io e mio figlio abbiamo condiviso tutte le sere la lettura del libro ed e’stato esattamente come vedere un film o trovarsi sui bordi della strada a tifare per la ciclista Morini!
    Ad essere sincera il libro l ‘ avremmo dovuto leggere insieme la sera ,invece ad essere sincera,il giorno dopo l ‘ avevo gia’ finito con l ‘ ingordigia di un bimbo di fronte un pezzo di cioccolata.
    Ho amato Alfonsina ,che non conoscevo, sin dalle prime pennellate descrittive,ho sofferto quando prendeva le frustrate dal padre con lei ma ho anche gioito per le sue vittorie!!
    L ho cercata su google e ho trovato meravigliose foto di lei in bianco e nero…e questo mi ha emozionato moltissimo.Ho mostrato le foto a mio figlio e ho continuato a parlare delle gesta di Alfonsina per giorni…sinceramente un po con tutti…ormai Alfonsina e’ nel podio eterno della mia conoscenza.Grazie Tommaso.

  110. 1
    aleleobenny (Fiera di Primiero) ( Fiera di Primiero ) 8 days ago

    (commento di voto) E’ entusiasmante…

  111. 1
    bibi ( Coredo ) 8 days ago

    Mi e piaciuto questo libro perche ha un bel significato, perche tutte le ragazze possono fare quello che fanno i maschi.

  112. 1
    VG042 (Lavis) ( Lavis ) 8 days ago

    (commento di voto) Mi è piaciuto tantissimo questo libro perchè ti aiuta a capire che tutti possono inseguire i propri sogni, basta crederci. Alfonsina ha creduto nel suo sogno di diventare una ciclista professionista, ed ecco il meraviglioso risultato. Ho scelto questo libro perchè mi appassiona molto ed anch’io ho ben tre sogni e questo libro mi ha aiutato a credere in me stessa. Grazie signor Tommaso Percivale di aver scritto questo meraviglioso libro. Arrivederci!!! Che vinca il migliore!

  113. 1
    MAUER ( Vermiglio ) 8 days ago

    Ciao Tommaso il tuo libro è molto commovente, mi è piaciuto. CIAO

  114. 1
    scorpione ( Predazzo ) 8 days ago

    qual’è il messaggio che vuoi mandare con questo racconto

  115. 1
    felixpalloncino ( Andalo ) 9 days ago

    Il tuo libro non mi convinceva molto all’inizio però mi è piaciuto dopo qualche capitolo

  116. 1
    lince ( San Michele all’Adige ) 9 days ago

    Questo libro è bellissimo e facile da leggere ma molto avventuroso sono soddisfatta del tuo ravoro vai avanti così.

  117. 1
    eleumas 72 (Canal San Bovo) ( Canal San Bovo ) 9 days ago

    (commento di voto)

  118. 1
    conigliogrigio ( Lavis ) 9 days ago

    Caro Tommaso, questo libro è uno tra i più belli in assoluto che ho letto. E’ scritto molto bene e una pagina tira l’altra! Una volta cominciato il libro, non volevo più staccarmi per sapere come continuava la storia. Mi dispiace che Alfonsina Strada non sia poi così famosa, anche se quest’anno su Focus junior di febbraio c’è proprio una foto di lei con una didascalia per far conoscere “Il diavolo in gonnella”. E’ stata bella la parte dedicata al Giro d’Italia e prima ancora tutti gli episodi in cui lei diceva piccole bugie per raggiungere il suo scopo. E’ stata proprio una donna forte e tenace!
    Mi dispiace che sia morta in quel modo, durante la gara di moto.
    Perchè hai deciso di far conoscere a noi ragazzi la sua storia?
    Ciao e grazie.

  119. 1
    nellemeraviglie ( Denno ) 9 days ago

    Caro Tommaso, il suo libro non mi ha particolarmente colpito. All’inizio ho trovato la storia un po’ noiosa, poi pian piano i fatti erano più curiosi e avvincenti. Mi è sembrato però che ha avuto un po’ di fretta a raccontare chi ha sposato Alfonsina. Non ho capito molto la crescita della protagonista però lo continuato a leggere e il finale mi è piaciuto molto perché mi è sembrato che hai dato una spinta in più al libro per farlo diventare più avvincente

  120. 1
    T-S-M- MIT ( Cavalese ) 9 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto molto, perchè insegna che non sono solo i ragazzi ad essere sportivi ma, anche le ragazze, quindi sono ingiuste secondo me tutte quelle persone che sottovalutano il “potere” delle donne non solo nello sport ma, in tutti i campi.
    GRAZIE, Filippo.

  121. 1
    lettrice_segreta ( Mezzocorona ) 9 days ago

    Caro Tommaso,
    questo libro l’ho trovato molto appassionante, perché la storia di cui parla insegna a credere nella forza delle donne, a non smettere mai di credere nei propri sogni e a dimostrare che se c’è la passione e la determinazione non esiste distinzione tra uomo o donna.
    Alfonsina in questo caso lo dimostra partecipando al giro d’Italia e coinvolgendo molte altre donne nel mondo della bicicletta.

  122. 1
    Unicorn_07 ( Cavalese ) 9 days ago

    Il tuo libro è bellissimo e avventuroso ; mi piace molto perchè Alfonsina non accetta di essere uguale agli altri .
    Spero che riesca a trovare la sua bicicletta perfetta e che diventi una campionessa.
    P.S.:l’ho finito

  123. 1
    AlE ( Cavalese ) 9 days ago

    Questo libro è bellissimo lo consiglio a tutti……
    Non potete perderlo.

  124. 1
    DANY ( Cavalese ) 9 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro purtroppo non mi è piaciuto molto. Già dall’inizio non l’ho trovato coinvolgente ed ho fatto fatica a leggerlo. Forse si tratta di una storia troppo seria per i miei gusti. Preferisco racconti di avventura meno impegnativi.
    Ciao ciao da DANY

  125. 1
    Alli ( Cavalese ) 10 days ago

    Ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto .Come fa capire, anche le donne hanno i loro diritti!

  126. 1
    mango1 ( Riva del Garda ) 10 days ago

    Caro Tommaso, piú veloce del vento é un libro veramente fantastico perché rappresenta questa ragazza; che pur di inseguire il duo sogno ha lottato contro tutto e tutti e che non si é mai arresa e sempre, anche se nessuno credeva in lei o solamente pochi ha sempre creduto in se stessa e non a mai abbandonato il suo vero obbiettivo.Questo libro rappresenta anche la forza delle donne e la loro determinazione.

  127. 1
    Albus ( Cavalese ) 10 days ago

    Tommaso Percivale il tuo libro all’ inizio mi annoiava, ma quando ero a metà mi son reso conto che quella storia era proprio emozionante quindi sono soddisfatto del tuo lavoro.

    Ossequi Albus.

  128. 1
    rosequarze ( Arco ) 10 days ago

    A me il libro è piaciuto tanto perchè ci vuole coraggio ad andare contro la volontà di parecchie persone e ora grazie a lei anche le donne possono andare in bici . 🚴‍♀️🚴‍♂️

  129. 1
    gattinabianca10 ( Roncegno ) 10 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto moltissimo perchè parlava di una bambina di nome Alfonsina perchè per fare il giro d’Italia ci vuole molto moltissimo impegno e poi chi ce la farebbe? Io di sicuro no. Ciao e bel libro.

  130. 1
    jennifer5 ( Ala ) 10 days ago

    RECENSIONE :”Più VELOCE DEL VENTO ”
    Buongiorno signor Percivale, il suo libro mi ha colpito molto. Questo racconto narra di Alfonsina,
    una ragazza molto coraggiosa, che volle realizzare un suo sogno, e per farlo
    sfidò il mondo intero, pedalando per conquistare la libertà. A quei tempi solo gli uomini avevano la liberà e
    invece non mi sembra per niente giusto, anzi non lo è. Per me
    anche le donne avrebbero potuto dare il massimo di sé, e questo libro lo dimostra; il racconto ha un
    significato molto profondo ed è molto importante per far capire che tutti possono essere quel che si vuole ,
    noi siamo nati liberi, , non siamo nati per occupare un letto in camera, ma per dimostrare al mondo
    quello che siamo e quello che siamo capaci di fare. Lei , con il suo libro , ha voluto far capire alla gente il vero senso della vita . Come ad esempio :

    Amelia Earhart :
    La prima donna pilota ad attraversare l’Atlantico in solitaria, e la prima in assoluto a sorvolare i due oceani Atlantico e Pacifico. Partecipò alla fondazione di un’organizzazione di donne pilota chiamata “The ninety nines”.

    Wangari Maathai :
    La prima donna centroafriana a laurearsi nel 1966. Fu una delle fondatrici del Green Belt Movement, associazione nata per sensibilizzare le persone sui problemi della natura. Vinse il Nobel per la Pace nel 2004, prima donna africana ad ottenerlo, per “il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace”.

    Malala Yousafzai :
    La persona più giovane ad aver mai vinto il Nobel per la pace, a soli 17 anni. Il suo impegno è stato diretto all’istruzione delle donne in Pakistan, negato da un editto dei talebani. Continuamente minacciata di morte continua nonostante tutto il suo lavoro per garantire l’istruzione a tutti i bambini del mondo.

    E molte altre , donne , che hanno lottato come Alfonsina , ma lei , non ha avuto molto , solo una bicicletta per esprimere i suoi sentimenti nei miglior dei modi .
    Questo libro è reale… dalla prima pagina ho sentito una grande emozione , ma anche tanto dolore , non riesco ancora a capire quanta intolleranza c’era a quell’epoca . E così, i tentativi di sua madre di capirla facevano sentire Alfonsina ancora più sbagliata, “orfana di un posto nel mondo.” Questa frase mi ha lasciato un vuoto nel cuore , uno che mi ha rabbrividito la pelle e le ossa . Uno talmente doloroso che mi fa riflettere su una cosa :
    ogni mamma apprezza il proprio figlio accogliendolo in braccio ed incoraggiandolo , ma a me questa mamma non mi è sembrata così ! Quando ho letto questa cosa sentivo i lucciconi agli occhi e ho sentito un sussurro vicino agli orecchi che diceva : “ Se non hai mai mangiato con le lacrime agli occhi non consci il sapore della vita “. Ora che ho scritto il mio pensiero non pensate sia così? Io penso sia così perché noi abbiamo troppo, ora non mi dilungo molto su questo argomento, ma era solo per dire che Alfonsina era grata anche di una semplicissima bicicletta e noi ne vorremo due così.
    avevo qualche domanda da farle :

    Tommaso, come ti è saltato in testa di fare lo scrittore?
    Secondo te, allora, per imparare a scrivere bisognerebbe prima “imparare” a leggere…
    La domanda può sembrare banale, ma te la faccio lo stesso: scrittori si nasce o si diventa?
    Quindi lo scrittore è un avventuriero…
    Tu ami definirti “scrittore per ragazzi”. Perché questa etichetta? Non ti sta un po’ stretta?
    Ma è vero che voi scrittori, a forza di vivere nel mondo della immaginazione, siete diventati personaggi di fantasia, praticamente irraggiungibili?
    Ultima domanda. Soffri anche tu del blocco dello scrittore? Quella specie di paralisi che si prova davanti ad una pagina bianca…

    E senza farla troppo lunga le volevo raccontare una cosa che mi è capitata. Un giorno sono
    andata a Torino con mia mamma e delle mie amiche . Mi è venuta l’idea di parlare di lei , quando
    appena muovo le labbra e pronuncio il suo nome apparve un certo signore con dei baffi
    stravaganti ed inizia a raccontarmi di chi era veramente lei , Tommaso Percivale . Mi racconta
    che:” Conoscere Tommaso Percivale è un po’ come incontrare un gentiluomo d’altri tempi. Elegante, colto, attento e cordiale, il Nostro è uno scrittore ‘a tempo pieno che vive e lavora a Castelletto d’Erro, un Comune di 149 abitanti in provincia di Alessandria, “sulla cima di una collina, circondato da castagni, caprioli e aria buona”, come egli stesso ama dire.
    In Italia e all’estero, Percivale è autore conosciuto e apprezzato da una sempre più folta schiera di affezionati lettori, che lo seguono libro dopo libro. Venerdì scorso ha presentato al Salone del Libro di Torino il suo ultimo lavoro, Messaggio dall’Impossibile, in una sala gremita da oltre 150 ragazzi.
    Questo episodi è stato uno dei più buffi della mia vita veramente pazzo quel tipo
    Spero tanto di non averla annoiata con il mio commento perché ho detto veramente molte cose, e penso di essermi dilungata un po’ di più del previsto .Grazie per aver letto il mio commento (forse anche noioso)  e ci vediamo il 17 maggio a Trento al “raduno” Sceglilibro 2018/2019
    CIAOOOOOOOO !!!!!!! ♥♥♥♥അ♥65♣J5♣U87☻☺☻♥♦♣♠•◘○◙♂♀

  131. 1
    Cavalli ( Cembra Lisignago ) 10 days ago

    Questo libro mi ha un po’ annoiata. Non vorrei che ti offendessi Tommaso;non è il mio hobby

    • 1
      Tommaso Percivale 2 hours ago

      Tranquilla, non mi sono offeso 🙂

      Però io credo che leggere sia divertente, e che semplicemente si debba scoprire il libro giusto per cominciare.

      Quindi ti auguro di trovare questo libro. Ti aspettano un mare di avventure!

  132. 1
    Estia ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Tommaso Percivale, il tuo libro mi è piaciuto perchè Alfonsina coltiva il sogno di andare in fondo pur sapendo di non poter gareggiare. Non mi è piaciuto perchè all’inizio è stato difficile capire però andando avanti mi ha appassionata molto.😄😄

  133. 1
    Atena ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Il libro mi è piaciuto molto perché c’è questa ragazza appassionata di bici che all’inizio viene presa in giro, ma dopo è diventata una leggenda.

  134. 1
    Piera SILVER (Peio) 11 days ago

    (Commento di VOTO)
    Scelgo il libro “Più veloce del vento” perché viene fuori una figura positiva e forte di donna e mi trovo a paragonarla con le nostre mamme e nonne che han dovuto spesso lottare e soffrire nel silenzio per farsi spazio in famiglia.

  135. 1
    Apollo ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Caro Tommaso Percivale, il tuo libro mi è piaciuto tantissimo perché fare il giro d’Italia è un grande sforzo.
    A me è piaciuto quando Alfonsina cadeva ma si rialzava sempre senza lamentarsi e piangere.

  136. 1
    Ares ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Ciao Tommaso Percivale, il tuo libro per me è stato ispirante e pieno di avventura però io lo avrei preferito con delle figure e una copertina più bella. Quando hanno fatto il giro d’Italia avrei voluto che Alfonsina arrivasse prima di tutti.

  137. 1
    Anubi ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Il libro mi è piaciuto molto però mi aspettavo qualcosa di più. Il libro è un po’ difficile perché ha tante parole che non si usano spesso. Sopratutto nella parte iniziale dove viene descritta la triste infanzia di Alfonsina.😎😎😇

  138. 1
    Artemide ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Complimenti Tommaso, il libro mi è piaciuto molto. All’inizio è stato un po’ difficile da capire, ma alla fine è molto bello e sai, hai ragione l’impossibile può diventare possibile!😘😘

  139. 1
    Polifemo ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Questo libro è stato sorprendente perché io, appena vista la copertina, ho pensato che era un libro noioso, ma leggendolo fino in fondo ho realizzato che non c’è differenza tra maschi e femmine.

  140. 1
    Posaidone ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Alfonsina è una che non molla, ce la mette tutta, è così che bisogna fare. Se magari il mondo non gira nel tuo verso non bisogna mollare e Alfonsina ha dimostrato proprio questo.

    Un sogno può diventare realtà.

  141. 1
    Afrodite ( Castel Ivano ) 11 days ago

    Caro Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto molto. All’ inizio non capivo bene di che cosa parlava né chi fossero i personaggi ma dopo un po’ mi era tutto più chiaro. Mi dispiace tanto per Luigi il marito di Alfonsina e devo dire che Carlo Messori mi è risultato più simpatico. Mi piacerebbe molto un’ altra storia di una donna coraggiosa come Alfonsina 😍😍😍

  142. 1
    Nobody (Tione) ( Tione ) 11 days ago

    (commento di voto) per me questo libro è molto bello e significativo perché mi ha coinvolto e appassionato molto.

  143. 1
    ILOVERUN ( Cles ) 11 days ago

    il tuo libro mi è piaciuto moltissimo, mi sono rivista nel personaggio, anche io sono come Alfonsina mi piace moltissimo andare in bicicletta.
    Sono stata colpita veramente tanto quando ho letto la parte in cui lei, Tommaso Percivale, spiegò come gli esseri umani, in questo caso Alfonsina una ragazza come me ha combattuto per inseguire i suoi sogni:
    CORRERE CON LA BICICLETTA!

  144. 1
    @http.alicedance (Ala) ( Ala ) 11 days ago

    (commento di voto) Tutti i libri mi sono piaciuti molto ma questo che ho votato in particolare perché pur essendo il primo che ho letto la storia me la ricordo benissimo ancora!!!Complimenti a tutti gli autori!!

    • 1
      Tommaso Percivale 2 hours ago

      Grazie Alicedance, quando un libro ti resta dentro così vuol dire che ti è piaciuto davvero tanto!

  145. 1
    Candy ( Lavis ) 11 days ago

    Buongiorno Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto molto e per questo ti devo dire un po’ di cose. La vera storia inizia dal secondo capitolo, mentre il primo narra della nascita della protagonista. Ho trovato divertente l’idea di mettere l’esempio dei 7 re di Roma e della domanda che fa un bambino chiedendo alla maestra se i Romani avevano anche loro una regina come Cleopatra, ma la maestra rispose di no. Questo esempio credo che voglia significare che i re “rappresentano” i maschi che praticavano il ciclismo, e che Cleopatra sarebbe Alfonsina, che non potrebbe praticare il ciclismo, ma che alla fine diviene un “idolo” anche per i ciclisti più “famosi”. Poi, Tommaso, non ti viene da pensare che sia strano che due sorelle siano così diverse? A me sì. Alfonsina la “forzuta” e determinata ed Emma la “malaticcia” ma fedele, ma d’altronde si aiutano a vicenda e questo è il loro punto forte. Devo dirti che mi ha fatto ridere quando hai scritto di cosa potevano rifornirsi i ciclisti durante la giornata, soprattutto quando hai scritto della pastasciutta a colazione. Il Giro d’Italia? Chi si sarebbe aspettato che una donna di un povero paese avrebbe mai imparato ad andare in bici? E poi anche se si fosse iscritta al Giro dopo 100 metri, sarebbe stata stanca morta, no? Tutti pensavano così, tutti tranne Alfonsina. Lei con le sue capacità riuscì a compiere l’impresa impossibile per una donna: fare il Giro d’Italia e per questo diventare un esempio ancora oggi da seguire.
    Candy

    • 1
      Tommaso Percivale 2 hours ago

      Ciao Candy!
      Ti rispondo subito:
      * non mi sembra strano che due sorelle siano diverse, anzi! Sarà che io sono cresciuto con un fratello, che sia mia madre che mio padre hanno fratelli e sorelle e così via nell’albero genealogico della mia famiglia. Non mi viene in mente un solo parente che sia figlio unico, quindi di fratelli e sorelle ne conosco un bel po’. Sono tutti diversi, ciascuno con la propria personalità, gusti e carattere. Quindi mi sembra una cosa normale!

      * pastasciutta con piattoni giganteschi, vino a fiaschi, uova (anche crude), polenta… tutto ciò che poteva dare energia andava bene. La carne costava troppo, quindi i ciclisti non se la potevano permettere quasi mai. La storia del ciclismo di quel periodo è piena di cose folli come queste 😀

      * Alfonsina era davvero una tipa tosta. La sua storia mi ha conquistato subito, e sono felice che abbia conquistato anche te.

      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  146. 1
    de jong 537 ( Coredo ) 12 days ago

    il tuo libro è veramente bello e ogni pagina è sempre più coinvolgente e appassionante tanto che a me sembrava di andare nel mondo di quell’ epoca e guardarla mentre si svolgeva dall’ alto della lettura.

  147. 1
    de jong 537 (Coredo) ( Coredo ) 12 days ago

    (commento di voto) a me piacciono le persone che non solo sognano in grande ma anche che ci mettono molto impegno

  148. 1
    IPF_Darkstalker ( Pinzolo ) 12 days ago

    La storia di Alfonsina mi ha catturato dal momento in cui suo padre ha portato la bicicletta a casa. Questa ragazza coraggiosa ha dimostrato che nulla è impossibile e ha realizzato il suo sogno lottando contro il maschilismo di quell’epoca. Vincendo ha fatto capire alle altre donne che credendo in loro stesse possono raggiungere grandi traguardi!

  149. 1
    Genziana2008 ( Castel Ivano ) 12 days ago

    Io non sono proprio riuscita a leggere questo libro perché non mi sono appassionata alla storia.
    Ho trovato il linguaggio troppo difficile: infatti dovevo leggere una frase più e più volte per capirla, e anche per questo la lettura non era mai scorrevole. Secondo me questo libro è più adatto a ragazzi e ragazze delle medie.😞

  150. 1
    LUCA2008 ( Borgo Valsugana ) 12 days ago

    Un libro che mi ha lasciato a bocca aperta e che mi ha insegnato a non perdermi mai d’animo.
    Anche a me sarebbe piaciuto vivere una storia così.

  151. 1
    Vermiglio08 ( Vermiglio ) 12 days ago

    Il libro mi è piaciuto perché parla di sport e ci insegna a non mollare ed andare avanti a fare le nostre passioni.

  152. 1
    INTER008 ( Borgo Valsugana ) 12 days ago

    QUESTO LIBRO MI È PIACIUTO MOLTO!
    A ME È PIACIUTO TUTTO IL LIBRO, NON C’È UNA PARTE CHE NON MI SIA PIACIUTA!
    SPERO CHE QUESTO LIBRO CONTINUI.
    BELLISSIMA STORIA TOMMASO PERCIVALE. 😎😎😎❤️❤️👍😘😘🎉🥇

  153. 1
    Splendida2008 ( Castel Ivano ) 12 days ago

    il tuo libro mi è piaciuto molto vorrei rileggerlo più e più volte. Ciao.

  154. 1
    Vermiglio08 (Vermiglio) ( Vermiglio ) 12 days ago

    (commento di voto) Perché a me piace lo sport e mi ha insegnato ad
    andare sempre avanti.

  155. 1
    gianfro ( Riva del Garda ) 13 days ago

    il libro è molto bello

  156. 1
    a.c.2008 ( Pinzolo ) 13 days ago

    Questo libro mi è piaciuto molto perchè questa bambina non sapeva andare in bici e provando e riprovando ci è riuscita senza mai demordere. Questo libro mi ha insegnato che non bisogna mollare mai.

  157. 1
    Thor ( Cavalese ) 14 days ago

    Il libro è molto bello soprattutto perché mi fa capire che con impegno si può fare tutto.

  158. 1
    eta beta ( Tione ) 14 days ago

    Finalmente un libro che parla di una vera sportiva! Mi ha colpito sapere che una volta le donne non erano molto apprezzate, come si capisce dai primi capitoli. Non potevano nemmeno girare da sole! Secondo me, vivere tra fine 800 – inizio 900 era abbastanza noioso per le ragazze! Questa storia insegna che le donne non hanno limiti. 😊

  159. 1
    Fillante ( Pinzolo ) 14 days ago

    Questo libro mi è piaciuto molto.è scritto bene e è veramente bello.

  160. 1
    sole ( Arco ) 15 days ago

    Caro Tommaso Percivale il suo libro è molto bello e interessante!!!!!!!!!!!!!!
    Complimenti e vada avanti cosi per i suoi prossimi libri!!!!!!!!
    Le faccio ancora i miei complimenti !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  161. 1
    Dolce Unicorno ( Lavis ) 15 days ago

    Caro Tommaso,
    il tuo racconto mi è piaciuto moltissimo perché mi ha fatto riflettere sulla situazione di povertà della famiglia Morini e su Alfonsina, che viveva in una situazione incredibile: non apprezzata dal padre, poverissima, nata donna, doveva usare le buone maniere e non poteva fare nulla. Nonostante tutto lei ce l’ha fatta ed è stata coraggiosissima💪💪. Io se fossi stata in quei tempi non ce l’avrei fatta perché non ho tutto il coraggio che ha lei🤣🤣. Questo è l’ultimo libro che ho letto e quello che mi è piaciuto di più✨✨. Secondo me scrivi dei libri bellissimi e io d’ora in poi prenderò spunto da questa donna fantastica. Ti meriti un 10 e lode e spero che tu vinca il concorso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!🥇🥇🥇💖💖

    tanti saluti,
    Dolce Unicorno
    PS: una domanda: è difficile scrivere un libro?

    • 1
      Tommaso Percivale 3 days ago

      Ciao Dolce Unicorno, grazie per la tua generosissima recensione!
      Sì, scrivere un libro è molto difficile. Per scrivere più veloce del vento ho impiegato ben sei mesi facendo solo quello tutto il giorno. Ci sono scrittori che impiegano anni per completare un libro, e per tutto quel tempo devi pensare alla storia, ai personaggi e a come trasmettere le emozioni attraverso quelle strane macchie di inchiostro.
      Ma se è un lavoro che ti piace significa che è anche molto facile, perché lo fai volentieri e affronti i momenti difficili con piacere ed entusiasmo.
      Quindi, forse, la risposta giusta alla tua domanda è: dipende 🙂

      Grazie ancora per il 10 e lode e buone letture!

      • 1
        Dolce Unicorno ( Lavis ) 2 days ago

        grazie per avermi risposto!! ti ho fatto questa domanda perché a me piace moltissimo leggere e scrivere e da grande vorrei anch’io scrivere uno ( o più ) libri. Spero che il tuo libro vinca!!!🥇🥇

  162. 1
    LPN ( Cles ) 15 days ago

    Caro autore,
    il libro “Più veloce del vento” nella parte iniziale non mi è piaciuto, perché il papà era cattivo, non voleva una figlia femmina e si arrabbiava spesso. Nella seconda parte, invece, è stato piacevole ed avvincente: mi hanno colpito il coraggio e la tenacia di Alfonsina, che ha creduto fino in fondo nella sua passione ed è andata oltre le regole che c’erano ai suoi tempi. Grazie alla sua caparbietà, lei è stata la prima donna a correre il giro d’Italia; alla fine della gara i corridori del giro sono rimasti solo in trentatré, e Alfonsina era una di quelli!

    Un caro saluto.

    • 1
      Tommaso Percivale 3 days ago

      Ciao LPN, grazie per il tuo messaggio!

      Il povero papà non era cattivo, anzi voleva bene ad Alfonsina. Era severo, sì, e anche ignorante, ma quello che hai visto era il suo modo di essere papà.
      Fare i genitori è una delle cose più difficili che esistano al mondo. Nessuno ti insegna come fare, devi imparare da solo e quindi è facile fare tanti errori. Penso quindi che sia la mamma che il papà di Alfonsina facessero del loro meglio per allevare una ragazza “a modo”. Solo che Alfonsina non era a modo proprio per niente! 😀

      Buone letture!

  163. 1
    cactus pungente ( Pinzolo ) 15 days ago

    ”Più veloce del vento” questo libro non mi è piaciuto proprio,la scrittura e abbastanza difficile.Certe scene non si capivano per niente,ho fatto molta fatica a capire tutta la storia

  164. 1
    forestanera ( Canal San Bovo ) 15 days ago

    Ciao Tommaso Percivale, il tuo libro mi è piaciuto molto perchè Alfonsina sognava di usare una bicicletta, e grazie a suo padre il suo sogno si è realizzato ed ha partecipato al giro d’Italia, emozionante.

  165. 1
    tartaruga ( Andalo ) 16 days ago

    il libro mi e piaciuto perchè parla di alfonsina strada e spiega molto bene che cosa gli accade diciamo che lo preferisco rispetto ad altri libri co. complimenti continua a scrivere libri di questo genere .

  166. 1
    Gatta Nera ( Telve ) 16 days ago

    Caro Tommaso Percivale; ho letto il tuo libro, è stato un po’ difficile digerirlo ma mi è piaciuto moltissimo;dopotutto anche io faccio gare di bicicletta e non sempre vinco, ma nonostante tutto non mollo mai!!GRAZIE MILLE dell’insegnamento.

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Gatta,
      non si può vincere sempre una gara agonistica, ma lo sport è una sfida con sé stessi. Se tu continui a dare il massimo e non molli mai allora ogni gara sarà la tua vittoria.
      Grazie per il tuo messaggio e buone pedalate!

  167. 1
    Smartis ( Riva del Garda ) 16 days ago

    ciao!!caro autore questo libro mi è piacuto anche se era un pò complesso grammaticalmente e c’era poca avventura ed azione .Anche se insegna di non arrendersi mai ed usare tutte le proprie forze a disposizione , credere nei propri sogni ed avverarlianche se bisogna rischiare.
    ho temuto di abbandonarlo all’ inizio ma dopo ho capito la forza di vivere di Alfonsina non riuscivo più a smettere di leggere , veramente una grande emozione.
    ciao!!

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Grazie a te Smartis, le emozioni sono proprio ciò che rende irresistibile una storia, per cui mi stai facendo un GRAAAAAAAAAAANDE complimento 🙂

  168. 1
    Imperiale ( Roncegno ) 16 days ago

    Alfonsina è una ragazza molto coraggiosa e ha seguito la sua passione ma pur avendo problemi li ha affrontati senza paura.
    Il libro è stato molto bello e mi ha fatto capire che se i sogni si vogliono realizzare magari ci possono essere anche problemi ma bisogna affrontarli.

  169. 1
    ronaldo1213 ( Pinzolo ) 16 days ago

    Mi è piaciuto questo libro perchè racconta la forza di volontà di questa ragazzina che è riuscita addirittura a partecipare al giro d’Italia, allenandosi per lo più di nascosto. E’ stato un libro avvincente, mi ha coinvolto nella lettura mi ha dimostrato che la forza di volontà riesce a superare anche gli ostacoli più duri! Complimenti Tommaso un libro Super!!!

  170. 1
    Cane bianco ( Pinzolo ) 16 days ago

    “Più veloce del vento”. Questo libro non mi è piaciuto per niente. Le parole erano difficili e il contesto era molto confuso. La trama non l’ ho capita, forse è anche per questo che non mi è piaciuto per niente.

  171. 1
    Delfino08 ( Pinzolo ) 16 days ago

    Caro Tommaso,
    Il suo libro mi è piaciuto molto perché parla di una ragazza che avrebbe dovuto fare la donna di casa come le sue compagne ma che aveva una passione per la bici. Continuando a esercitarsi e con caparbietà riesce a gareggiare con i ciclisti maschi e a raggiungere il suo obiettivo di fare il giro d’Italia
    Io vorrei che il nome di Alfonsina sia ricordato nella storia del ciclismo
    Mi è piaciuto molto sopratutto perché ti spiega che una volta le donne non potevano fare le cose che facevano gli uomini per fortuna oggi non è più così
    Al tuo libro darei un bel 10
    Ci vediamo caro Tommaso

  172. 1
    Amolalettura ( Cles ) 16 days ago

    Ho fatto fatica a capire la storia.

  173. 1
    Amolalettura ( Cles ) 16 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro non mi è piaciuto molto.

  174. 1
    Aquila ( Roncegno ) 16 days ago

    Questo libro “Più veloce del vento” di Tommaso Percivale parla di una ragazza di nome Alfonsina. Un giorno porta a casa una bicicletta scassata e Alfonsina se ne innamora. Un giorno suo padre però le vieta di usarla così lei, lavorando come tessitrice riesce a comprarne una nuova. Da li in poi sogna di gareggiare finché un bel giorno ci riesce. Ho incominciato a leggere il libro in maniera indifferente come fosse una storia inventata, finché mia mamma mi ha fatto vedere in internet una foto di Alfonsina in bianco e nero, e allora, a quel punto, mi sono reso conto che si trattava di una storia vera successa tanti anni fa; ho capito che nel periodo in cui ha vissuto Alfonsina non era facile soprattutto per una donna realizzare un sogno come il suo. Del libro mi è piaciuto il coraggio e la determinazione di Alfonsina tanto da arrivare a correre con la sua bicicletta il Giro d’Italia. Non mi è piaciuto invece, perché mi ha un po’ rattristato, il momento in cui durante la guerra la casa e l’officina di Luigi e Alfonsina venne svaligiata portando Luigi per il dispiacere avuto a diventare matto .

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Aquila,

      grazie per la tua recensione! Anche a me è dispiaciuto moltissimo per Luigi, era un uomo geniale e sensibile ma la guerra è spietata.

      Un grande saluto anche a tua mamma!

  175. 1
    cavallino ( Roncegno ) 16 days ago

    Il tuo libro è bello perchè parla di una bambina coraggiosa e ti insegna che non devi arrenderti mai nella vita e che se ci credi i tuoi sogni si potranno prima o poi avverare e crederci . Non devi scoraggiarti se qualcuno ti prende in giro o se ti dice che i sogni non si possono avverare .

  176. 1
    cavallino ( Roncegno ) 16 days ago

    Il tuo libro è bello perchè parla di una bambina coraggiosa e ti insegna che non devi arrenderti mai nella vita

  177. 1
    Unicorno Arcobaleno ( Lavarone ) 16 days ago

    Mi è piaciuto molto il libro Più veloce del vento perché parla della lotta di una ragazza per arrivare ad essere indipendente e per poter fare quello che facevano gli uomini a quel tempo, perché si sa che a quei tempi le donne venivano sottovalutate ingiustamente. Dovevano fare le donne di casa ma Alfonsina ha dimostrato che siamo tutti allo stesso livello sia maschi che femmine. Alfonsina in questo modo fa una “rivoluzione” dalla quale credo e spero che molte donne abbiano preso esempio, e oltre a dimostrare che noi donne siamo uguali agli uomini dimostra che spesso possiamo essere superiori.

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Unicorno,
      secondo me è giusto pensare che uomini e donne siano uguali.
      Questi due grandi insiemi comprendono persone che sono più capaci di altre ma questo non riguarda il loro sesso.
      Detto questo: forza donne!

  178. 1
    alfonsino78 ( Cavalese ) 17 days ago

    A me il libro è piaciuto molto perché i personaggi si comportano proprio come in quell’epoca e mi è piaciuto molto anche l’idea di rappresentare Alfonsina come una donna indipendente

  179. 1
    matthews 34 ( Pinzolo ) 17 days ago

    il libro è molto bello a me è piaciuto il capitolo 7.

  180. 1
    Bananita ( Riva del Garda ) 17 days ago

    Mi e piaciuto molto questo libro in particolare la parte in cui Alfonsina ha dato i soldi alla mamma per curarla perché la sorella era ammalata.

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Bananita, hai proprio ragione. La generosità è il sacrificio di qualcosa di personale per aiutare un’altra persona.

  181. 1
    Chiocciolina14 ( Arco ) 17 days ago

    Ciao Tommaso,
    scusami per il ritardo di questa domanda anche se ho letto il tuo libro molto tempo fa.
    Volevo porti 2 domande:
    1) quando e perchè hai iniziato a scrivere libri?
    2) come hai conosciuto lo storia di Alfonsina Morini? E come mai hai scelto di scriverci un libro?
    Ciao. Spero di incontrarti alla festa finale di Sceglilibro.
    Chiocciolina

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Chiocciolina, due domande e due risposte:

      1> ho iniziato nel 2005 perché un caro amico, Pierdomenico Baccalario, mi ha contattato per lavorare ad un libro con lui. Il lavoro mi è piaciuto così tanto che oggi, dopo quattordici anni, non vorrei essere da nessun’altra parte 🙂

      2> l’ho conosciuta per caso perché io non sono mai stato appassionato di ciclismo. Quando però ho approfondito la sua storia ho capito che dovevo scrivere un libro su di lei. La sua vita è fatta di coraggio, ribellione e libertà, i mie temi preferiti!

      Grazie a te! Ci vediamo alla festa!

  182. 1
    CRIIOB-2008 ( Lavis ) 17 days ago

    Questo libro all’inizio non mi è piaciuto molto, mi sembrava un po’ noioso, ma quando Alfonsina inizia a correre di nascosto con quella bici scassata e a vincere delle gare mi ha iniziato a incuriosire. E’ stato bello quando è riuscita a superare degli uomini e a raggiungere il suo sogno: partecipare al Giro d’Italia e sono diventato triste quando è arrivata la guerra e per Alfonsina e suo marito è stato difficile andare avanti perdendo tutto. Il modo in cui è stato scritto l’ho trovato semplice perché non c’erano molte parole difficili. L’argomento per fortuna non è attuale, almeno nei paesi come il nostro dove le donne fanno più o meno le cose che fanno gli uomini. Mi ha colpito molto la forza di Alfonsina ed è incredibile che una volta le donne dovessero sopportare queste ingiustizie e che non potessero essere libere di fare quello che volevano.

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Criiob, purtroppo il libro è ancora attualissimo! Di recente ho letto una ricerca che dice che a parità di lavoro le donne guadagnano il 20% in meno degli uomini. È una cosa molto grave e dimostra che ancora uomini e donne non sono uguali e che c’è bisogno di parlarne.
      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  183. 1
    LORENZO2008 ( Borgo Valsugana ) 17 days ago

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto molto perchè Alfonsina all’inizio, anche se non può realizzare il suo sogno, ci crede e non molla mai.
    Grazie per questa bella storia di forza e coraggio.

  184. 1
    NEVE GIOIOSA ( Castel Ivano ) 17 days ago

    Caro Tommaso, il libro mi è piaciuto anche se a volte ho fatto fatica a leggerlo. Credo che tra un paio di anni lo rileggerò.

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Neve, hai scritto una cosa che mi ha fatto pensare. Io credo che ogni libro abbia un “momento giusto” per essere letto. Questo momento giusto è diverso per ciascuno di noi perché è legato alla nostra vita, che è unica e speciale. Spero quindi che troverai il momento giusto per te e che ti appassionerai leggendo le avventure della mitica Alfonsina Strada.
      Un grande abbraccio!

  185. 1
    noemina ( Castel Ivano ) 18 days ago

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto molto.

  186. 1
    azzurrina ( Pinzolo ) 18 days ago

    Questo libro è molto bello e interessante, mi ha insegnato molte parole nuove; io non conosco molto bene l’italiano. Mi ha colpito molto la copertina…una ragazza con il vento nei capelli su una veloce bicicletta senza mai fermarsi!! E’ stato un LIBRO FANTASTICOOOOOO!!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 5 days ago

      Ciao Azzurrina, leggere è il miglior modo per imparare parole nuove divertendosi. Quindi buone letture!

  187. 1
    giukygiu ( Predazzo ) 18 days ago

    caro Tommaso il tuo libro mi ha fatto capire che non bisogna arrendersi mai.

  188. 1
    Vituar ( Cavalese ) 19 days ago

    ciao Tommaso il tuo libro è bellissimo perchè tutti ce la possono fare

  189. 1
    star fire 2008 ( Castel Ivano ) 19 days ago

    Alfonsina, non ti arrendere mai!!!!!!!

  190. 1
    gianfro ( Riva del Garda ) 19 days ago

    davvero molto bello mi ha fatto riflettere sulla parita di genere

  191. 1
    Rudi2008 ( Mezzocorona ) 19 days ago

    Ciao Tommaso, questo libro mi è piaciuto molto perchè parla della determinazione di Alfonsina nel raggiungere il proprio sogno, perchè i propri obiettivi bisogna raggiungerli anche se c’è qualcuno che te lo impedisce, pure rischiando di essere scoperti perchè si fanno cose che non si possono fare.
    Questo libro ha spiegato che non c’è differenza tra uomo e donna, e che siamo tutti uguali.
    Si potrebbe descrivere non con tante parole ma con una sola parola “STUPENDO”; spero che questo libro vinca il concorso.

  192. 1
    ROBBOCOP ( Riva del Garda ) 19 days ago

    Ciao Tommaso Percivalle, volevo dirti che il tuo libro è molto ma dico molto bello, la storia di Alfonsina una ragazza governata da sua madre e suo padre,una famiglia povera; come quasi tuti i libri è uno di quelli che mi è piaciuto tanto. La bicicletta che allora veniva chiamata macchina, lei che voleva vivere la vita come voleva ma c’era sempre sua madre che le lo impediva.Il libro è molto bello spero che continui a farli ciao e in bocca al lupo.

  193. 1
    seba10 ( Ala ) 20 days ago

    Caro Tommaso,
    Non sono d’accordo sulla frase: “Uomo e donna sono come ago e filo:L’ uomo è l’ago, che decide cosa fare e disfare, la donna è il filo che si lascia governare.
    Perché anche le donne devono essere pari agli uomini, mi sono sorpreso che la madre dicesse a sua figlia di lasciarsi governare dall’uomo.

    Il libro mi è piaciuto poiché a me interessano molto le biciclette e le gare. La storia di Alfonsina mi ha colpito molto per come sia riuscita a diventare una ciclista con impegno e tenacia.
    Continuerò a leggere il libro con piacere e con curiosità

    La pagina del libro che mi è piaciuta è quella in cui Iacopo mostra la sua bicicletta ad Alfonsina.
    Dopo quel momento Alfonsina di appassiona alla bicicletta, ma non avendone una sua, usa quella del padre di nascosto. La ragazza diventa sempre più fino a diventare una campionessa. Questa parte del libro, per me, è l’inizio del viaggio di Alfonsina verso le corse in bicicletta

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Grazie Seba, anche io non sono d’accordo, naturalmente. La mamma Virginia, però, aveva sempre vissuto così. Nel suo mondo le donne dovevano seguire la volontà degli uomini. Era normale e tutto se lo aspettavano. È proprio questo che rende Alfonsina una grande e coraggiosa rivoluzionaria. Viva Alfonsina!

  194. 1
    evyz08 ( Malè ) 20 days ago

    Ciao Tommaso Percivale, il tuo libro mi è piaciuto molto perchè anche se Alfonsina all’ inizio non può realizzare il suo sogno ci crede e non molla mai. Vorrei tanto anch’io trovare un giorno la mia vera passione nella vita e fare di tutto per inseguirla!!!
    Non vedo l’ora di leggere un altro tuo libro e grazie per avermi fatto conoscere questa bellissima storia e spero mi aiuterà in futuro a credere nei miei sogni!!!

  195. 1
    mallard08 ( Andalo ) 20 days ago

    Di questo libro ho ammirato come lo scrittore ha saputo descrivere il coraggio della protagonista.

  196. 1
    Pollon14 ( Arco ) 20 days ago

    Ciao! Il tuo libro mi è piaciuto tantissimo, perchè la storia di Alfonsina è molto interessante e ho sempre voluto conoscerla e tu hai saputo scrivere un bellissimo libro per ragazzi. Hai anche trasmesso molto bene il messaggio di Alfonsina:se puoi sognarlo, puoi farlo, credi nei tuoi sogni! Questo è ora diventato il mio motto,grazie per avermelo insegnato con questo libro. Hai anche insegnato a molti ragazzi che le ragazze non hanno paura di niente, che dentro sono tutte delle piccole Alfonsine. avrei una domanda da farti: perchè ti ha affascinato la storia di questa ragaza e quindi ci hai scritto un libro?

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Pollon!
      Ho deciso di scrivere un romanzo sulla sua vita perché adoro le storie di coraggio, i personaggi anticonvenzionali e i grandi sogni. La storia di Alfonsina è tutto questo, come potevo non raccontarla?

  197. 1
    Sivi ( Mezzolombardo ) 21 days ago

    Ciao Tommaso volevo dirti che il tuo libro mi è piaciuto. Mi è piaciuta molto la forza di Alfonsina e i suoi sentimenti di libertà.

  198. 1
    Utopia ( Ala ) 21 days ago

    Ciao Tommaso il libro che hai scritto è davvero bello e io sono molto contenta di averlo letto. Questo è stato il libro che mi è piaciuto di più perché anche io adoro andare in bicicletta come Alfonsina. E’ stata molto coraggiosa e ha tenuto fino in fondo per arrivare alla fine e per questo io la ammiro molto.

  199. 1
    cla2008 ( Pinzolo ) 21 days ago

    Il libro è bello. Io non ce la farei mai a fare il giro del mondo con una bici:” Che fatica!”

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Non devi pensare “che fatica” ma “che bello!” Così puoi trovare le energie per fare tutto.

  200. 1
    debby ( Malè ) 21 days ago

    Ciao Tommaso ho letto il tuo libro e all’ inizio non mi è piaciuto ma poi è stato bellissimo perché Alfonsina esprimeva tutte le sue emozioni.
    Spero che tu scriva ancora libri così e ti auguro una buona cariera ciaoooooooooooooooooooo!

  201. 1
    genius88 ( Arcivescovile ) 22 days ago

    Caro Giuseppe, il suo libro mi è piaciuto moltissimo anche se conoscevo già la storia di Alfonsina. Lei era una donna forte e indipendente e tutti dovremmo seguire il suo esempio anche perchè è difficile inseguire i tuoi sogni fattibili o impossibili che siano. La cosa migliore è provarci anche se ti può sembrare folle. Quindi le ripeto che il libro mi è piaciuto moltissimo complimenti!!!

  202. 1
    pretty ( Andalo ) 22 days ago

    Ciao Tommaso Questo libro mi piace perché fa capire che non importa chi sei o cosa sei l’importante e’ inseguire i propri obbiettivi e mettercela tutta.

  203. 1
    Pleiadi ( Baselga di Pinè ) 23 days ago

    scusa se ti disturbo ancora Giuseppe è che mi sono dimenticata di specificare che per questo libro c’è da dire solo una parola: BELLISSIMO!!!!!!

  204. 1
    Pleiadi ( Baselga di Pinè ) 23 days ago

    Ciao Giuseppe il tuo libro mi è piaciuto moltissimo, perché a volte è difficile decidersi ad affrontare i sogni che ci sembrano impossibili e questo libro mi ha fatto capire che nulla è impossibile basta provarci. Mi è piaciuto inoltre perché a volte è più probabile che una femmina non riesca a realizzare i suoi sogni perché i maschi glielo impediscono.

  205. 1
    bello leggere ( Riva del Garda ) 23 days ago

    Mi spiace fare il cattivo ma l’inizio proprio troppo difficile devi leggerlo più e più volte mentre mi è piaciuto la parte quando partecipa al Giro d’Italia e sfida i maestri di questa disciplina e anche l’aiuti offerti perché pensi ” perché aiutare una donna che non vincerà mai” mentre che si è guadagnata con sudore quell’orgoglio che la fatta diventare famosa.
    Quindi ha qualche punto difficile da comprendere come detto in precedenza e altri belli e meno complicati.
    bravo Tommaso un bel libro.
    Cordiali saluti
    Bello Leggere

  206. 1
    farfallablu07 ( Riva del Garda ) 23 days ago

    Di questo libro l inizio è stato un Po noioso ma senza questa parte la storia non avrebbe lo stesso significato (Non si capirebbe quanti sforzi abbia fatto Alfonsina per raggiungere il suo sogno)

  207. 1
    Alli ( Cavalese ) 23 days ago

    Ciao Giuseppe!
    Il tuo libro è bellissimo e mi aiuta a capire che ogni sogno si può realizzare mettendoci impegno.
    ❤️

  208. 1
    YouandMe ( Lavis ) 23 days ago

    Ciao, io sono YouandMe e ovviamente ho letto il tuo libro. E penso che sia un bel libro anche perchè racconta una storia di questa ragazza che è molto coraggiosa a iniziare a pedalare in quei tempi duri per noi donne, ma anche per tutti. Nel senso che le donne a quel tempo erano “fatte” per prendersi cura dei figli, della casa e dare alla luce nuove vite. E lei, Alfonsina Morini, ha fatto una cosa non normale per una donna. Bel libro, perchè mi è piaciuto il fatto che è una storia vera e che racconta anche una storia di coraggio. Grazie per il bel libro e della bella esperienza. Mi dispiace dirlo, però non lo metterei nei miei libri preferiti, scusa, comunque è un bel libro. Grazie ancora e buon proseguimento. Ciao!

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Youandme, non hai nessun bisogno di scusarti, ci mancherebbe altro! È tuo pieno diritto avere i tuoi libri preferiti e solo tu puoi scegliere quali vanno bene e quali no. Il tuo messaggio è bellissimo e ti ringrazio molto per avermi scritto 🙂

  209. 1
    Ema008 ( Riva del Garda ) 23 days ago

    Ciao Tommaso percivale,
    questo libro è fantastico, sul serio è bellissimo parla proprio di una donna che si mette contro tutti, e quello che preferisco é il suo grande amico Jacopo perchè senza di lui, Alfonsina, non avrebbe imparato ad andare in bici.
    Secondo me il tuo libro é stato bellissimo!!!

  210. 1
    Nuvola ( Vermiglio ) 24 days ago

    Il libro mi è piaciuto, sono contenta che alla fine Alfonsina sia riuscita a realizzare il suo sogno, e che abbia dimostrato che anche lei che era una femmina poteva andare in bici e poteva fare le cose che facevano normalmente maschi della sua età.

  211. 1
    Penna ( Tione ) 25 days ago

    Il suo libro è stato molto bello …ho capito che se si ha buona volontà si possono fare moltissime cose ….grazie per avermi fatto leggere il suo fantastico libro….penna

  212. 1
    SARASMACH110 ( Ville d’Ananunia ) 25 days ago

    Ciao Tommaso , questo libro mi è piaciuto molto. La copertina è bellissima!!! Il libro era molto interessante e mi ha fatto immaginare tanto che sono entrata con l’ immaginazione nel ruolo di Alfonsina :). A me non mi è mai piaciuto che le donne dell’ antichità e alcune di oggi non possono fare le cose che fanno gli uomini e sono veramente fiera delle donne che hanno cambiato il nostro stato e quello delle altre donne!!!

    E Alfonsina è stata proprio una ragazza ribelle che ha cambiato le condizioni delle donne!!!

    Congratulazioni per il libro è proprio bello!!

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Hai ragione Sarasmach, ci sono molte donne che hanno combattuto per la parità tra i sessi e sono state davvero eroiche. Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  213. 1
    Ita ( Riva del Garda ) 25 days ago

    Ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto perché mi ha insegnato che se credi in te stesso dopo un pò di volte sicuramente c’é la farai. E anche se sei una ragazza non vuol dire che sei scarsa perché tutti c’é la possono fare, sia maschi che femmine. Grazie per aver fatto questo libro, bravo, continua cosí, spero che il prossimo anno farai un altro libro… Grazie!

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Ita, grazie mille per l’incoraggiamento!
      Io non smetto mai di scrivere, sai? Scrivere è il mio lavoro e lo faccio tutti i giorni. Per esempio è appena uscito un libro intitolato Il caso dei sessantasei secondi e sto lavorando al suo seguito che uscirà tra un po’ di mesi.
      Non posso smettere, ho le storie che mi scappano via dalle dita! 😀

  214. 1
    spike ( Riva del Garda ) 26 days ago

    Alfonsina é stata bravissima non ha pensato a niente e a nessuno è a realizzato il suo sogno é stato un libro molto interessante

  215. 1
    CATERINA ( Cembra Lisignago ) 26 days ago

    Ciao Tommaso, sono Caterina e ho letto il tuo libro. Mi è piaciuto soprattutto perché parla di una donna che nonostante le difficoltà è riuscita a raggiungere il suo obbiettivo.

  216. 1
    HERMES ( Cavalese ) 26 days ago

    Molto bello
    Questo libro dimostra che le ragazze non devono solo stare in casa a cucinare,pulire,accudire i bambini etc.

  217. 1
    Kitty ( Malè ) 27 days ago

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto mi ha insegnato
    che non bisogna mai rinunciare ai propri sogni.

  218. 1
    sdit ( Arco ) 27 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto, perchè ti fa capire quanta povertà c’era e la voglia che aveva Alfonsina di scoprire cose nuove.

  219. 1
    EmyGym-22 ( Ala ) 27 days ago

    Caro Tommaso Percivale,
    io sono dell’idea che il suo libro sia molto bello, può colpire veramente tanto soprattutto alcune persone. Tutti hanno un sogno nel cassetto, una speranza, un desiderio, qualcosa che faresti di tutto per avere… ma a volte sembra quasi che il mondo sia contro di noi e che quel sogno sia totalmente impossibile da realizzare…
    all’inizio una persona continua a sperare, ma dopo un po’, spesso, la gente si arrende e con il passare degli anni magari si dimentica anche di quel desiderio di tempo fa’.
    Ci sono però certe persone che non si arrendono, continuano a sfidare i propri limiti, infrangere le regole…continuano e non mollano mai.
    Queste persone, al contrario delle altre, dopo un po’ di tempo non si dimenticano del loro sogno, anzi, al contrario, riescono a tramutarlo in realtà e così tutti i loro sacrifici, i loro sforzi, le loro rinunce, i loro fallimenti…verranno ripagati. Alfonsina Morini è una di queste persone, che non si arrendono e raggiungono i loro obiettivi.
    Stavo dicendo che, secondo me, questo libro può piacere moltissimo soprattutto a quelle persone che hanno un cosiddetto “Sogno nel cassetto”, ma non un desiderio superficiale che alla prima difficoltà si arrendono. Ma quelle persone che ci tengono veramente. Alfonsina può essere un modello da prendere come esempio in alcuni casi…
    …Si capisce benissimo che lei è molto, ma molto, ma veramente mooooooolto appassionata e si intuisce anche che per lei, il ciclismo è quella cosa che le mancava per sentirsi libera.
    Mi è piaciuta moltissimo la parte in cui Emma (la sorella di Alfonsina) chiede a sua sorella cos’è per lei pedalare e Alfonsina le risponde semplicemente dicendole: “È come scoprire di essere vivi.” È una frase fantastica, fa veramente capire al lettore che per lei la bici, le gare, il ciclismo sono la vita, sono come l’ossigeno senza il quale una persona morirebbe, è una cosa essenziale per Alfonsina. “La natura non l’aveva fatta uccello? Ebbene, lei poteva volare lo stesso” WOW! Non so proprio cosa dire… magari sono io sensibile e questa frase non è niente di che, ma io la reputo meravigliosa!!
    “Quando ogni singolo respiro è dedicato a un sogno, e il sogno è quello di volare, il respiro diventa vento.” A volte non c’è un motivo, a volte, senza alcuna ragione, le cose ci piacciono…ad esempio questa frase, come molte altre del suo libro…frasi fantastiche, piene di significato, che ti fanno battere il cuore ♥♥♥
    Ok, ora non posso scrivere tutto quello che mi è piaciuto del suo libro perchè altrimenti ci metterebbe circa 24 ore prima di finire di leggerlo…
    ….comunque, le faccio i complimenti, come molti altri libri, all’inizio, questo libro non mi piaceva molto ma quando la storia ha iniziato a svilupparsi ho iniziato a capire che MI SBAGLIAVO DI GROSSO!!!
    Questo è veramente un libro emozionante e pieno di significato, Alfonsina è veramente una ragazza forte e in gamba….se fosse ancora viva farei il tifo per lei e, anche se non c’è più, la stimooo!!!! Anche io faccio uno sport e non sono bravissima, diciamo che me la cavo…ma non mi importa essere super brava e fare gare super importanti ecc. Perché so che non accadrà mai…appunto per questo, io, non penso a quello. Penso solamente che lo sport mi piace un sacco e non smetterei mai e poi mai. Anche se ci sono delusioni o cose che veramente farebbero pensare: “Basta, ora proprio non ce la faccio più, io mollo!” Io non rinuncerò ad una cosa che adoro e fino a quando sarò abbastanza giovane continuerò a praticare questa attività. Aver letto il suo meraviglioso libro, e aver scoperto la storia di Alfonsina, mi ha convinto ancora di più a non lasciare mai ciò che ti piace, ciò che per te è essenziale…
    So di averlo già detto ma glielo dico di nuovo: Complimenti! E grazie mille di aver scritto questo libro, mi è servito molto.
    Avrei mole altre cose da dire ma non voglio stancarla, tanti saluti da EmyGym-22
    ☺☻ ☺☻ ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao EmyGym! Grazie per il tuo messaggione! 🙂

      Hai scritto una cosa che mi ha colpito molto: che fai sport perché ti piace moltissimo e non per vincere.
      Per me quella è la concezione più bella dello sport. Quando ci sono delle gare importanti l’agonismo prende il sopravvento. Cioè diventa più importante vincere piuttosto che divertirsi facendo qualcosa che ci piace.
      Per cui continua così e divertiti senza preoccuparti delle classifiche. Sarai molto più felice di quelli che vogliono arrivare primi ad ogni costo.
      Un grande saluto!!!

  220. 1
    Nina.2425 ( Ala ) 28 days ago

    Recensione del libro, più veloce del vento.
    Buongiorno signor Percivale, il suo libro mi ha colpito molto. Questo racconto narra di Alfonsina, una ragazza molto coraggiosa, che volle realizzare un suo sogno, e per farlo sfidò il mondo intero, pedalando per conquistare la libertà. A quei tempi solo gli uomini avevano la liberà e invece non mi sembra per niente giusto, anzi non lo è. Secondo me anche le donne avrebbero potuto dare il massimo di sé, e questo libro lo dimostra; il racconto ha un significato molto profondo ed è molto utile per far capire che tutti hanno la libertà, noi siamo nati liberi, , non siamo nati per occupare un letto in camera, ma per dimostrare al mondo quello che siamo.
    Alfonsina è una ragazza molto coraggiosa, anzi moltissimo, nonostante che i suoi genitori non l’abbiano incoraggiata , lei l’ha fatto, ha dato il massimo di se ed è quello che dovrebbe fare ognuno di noi. Questo libro è vero…lo sento, sento una grande emozione a leggerlo, sento molto, ma sento anche rimpianti, non ci posso credere che a quei tempi non tutti avevano la libertà; non parliamo di come trattava le persone quel malefico di Hitler, non fatemelo ricordare per piacere. Al mondo ci sono persone che negano la liberta…
    una frase delle tante frasi che mi hanno colpito molto è: “Le donne, non ma. E così, i tentativi di sua madre di capirla facevano sentire Alfonsina ancora più Sbagliata, orfana di un posto nel mondo.” Quando mai ho sentito dire che una madre non incoraggiava la propria figlia, il proprio figlio; Alfonsina, non veniva incoraggiata da sua madre, altroché. Io penso che vostra mamma vi dica: “Bravo/brava, anche se questa volta non sei andata/andato bene la prossima volta migliorerai.” Oppure: “Brava/bravo, mi complimento con te , ti sei impegnata/impegnato molto, e ti devo qualcosa.”, quanti di voi hanno una mamma così, il 99% penso, ogni mamma si prende cura del proprio gioiello e non lo scoraggia a realizzare il suo sogno anzi fa il contrario. Anzi direi che i genitori sono d’oro, e averne è il regalo più grande che noi possiamo avere. Personalmente io ho dei genitori fantastici che mi appoggiano sempre e spero sia così per tutti voi e se non sono così i vostri genitori siatelo voi con la vostra futura famiglia. Spero di non averlo annoiato con questo argomento, per questo passo ad u altro. Più veloce del vento è il titolo adatto che può esprimere tutti i sentimenti che si possono provare leggendo questo libro, anzi servirebbero due o anche tre titoli per esprimere tutte le emozioni che ho provato leggendo questo testo; sono molto contenta di averlo letto perché spiega ad ognuno di noi ragazzi che abbiamo troppo. Vi accorgete quanto i ragazzi in Africa, ad esempio, quanto soffrono?! E quanto soffriamo noi in confronto a loro?! Ad Alfonsina è bastata una semplice bicicletta per ribellarsi, una semplice bicicletta e noi invece che vogliamo una “bmx”, ma chi siamo per chiedere così tanto? Quando lasciamo il cibo nel piatto senza averlo assaggiato e dicendo che fa schifo non pensiamo a tutta la gente che soffre, hai bambini che non si possono permettersi un pezzo di pane, altro che “bmx”.
    Ora che ho scritto il mio pensiero non pensate sia così? Io penso sia così perché noi abbiamo troppo, ora non mi dilungo molto su questo argomento, ma era solo per dire che Alfonsina era grata anche di una semplicissima bicicletta e noi ne vorremo due così.
    Prima di tutto mi complimento con lei per aver scritto questo magnifico libro che ho letto ogni giorno perché ogni singola pagina mi strappava un sorriso e mi lasciava in presso un significato profondo, dopo di che le chiederei se potrebbe fare la continuazione perché sono molto entusiasta di leggere un suo prossimo libro soprattutto se è la continuazione di questo. E infine avevo qualche domanda da farle…
    A quanti anni ha iniziato a leggere libri?
    Quando le è venuta l’idea di fare lo scrittore e perché?
    Come prese l’ispirazione per scrivere questo libro?
    Perché gli diede questo titolo?
    Questo testo è ispirato da una storia reale?
    Nel libro ce qualche esperienza che è capitata anche a lei?
    Qual è il libro più bello che ha scritto, secondo lei?
    Secondo lei qual è il clima adatto per leggere, o quello che usa lei?
    Leggendo e in contemporaneamente ascoltando la musica
    Oppure leggere in un clima silenzioso da soli, senza essere disturbati
    Leggere con gli amici, o in compagnia
    O infine leggere nel posto che più ci rassicura, che ci rappresenta, dove ci sentiamo meglio, il nostro posto, confortevole e nostro.
    Lei quale di queste ha utilizzato?
    Io per ora, a volte leggo in biblioteca con delle mie amiche ad esempio l’altro giorno sono andata con delle mie amiche che non sono di qui e gli ho fatto leggere il suo libro, erano affascinate, le piaceva tantissimo, hanno detto che ha un significato molto profondo e che sarebbe molto utile farlo leggere ai bambini “viziati” in modo che possano capire che il mondo non gira in torno ai soldi e a loro.
    Spero tanto di non averla annoiata con il mio commento perché ho detto veramente molte cose, e penso di essermi dilungata un po’ di più del previsto.
    Come ultima cosa le dico che i titoli dei capitoli erano fantastici, lei ha una fantasia magnifica per aver inventato questi capitoli e tutto questo…
    Grazie per aver letto il mio commento (forse anche noioso) e ci vediamo il 17 maggio a Trento,al “raduno” sceglilibro 2018/2019
    E un saluto da Nina.2425 ciaoo!

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Nina! Ho letto il tuo titanico messaggio con grandissimo interesse. Hai detto delle cose davvero profonde! Ho capito che saremmo andati d’accordo quando hai scritto che non siamo fatti per occupare un letto in camera. Dobbiamo sforzarci di usare al massimo il nostro tempo, di fare qualcosa anche se è scomodo o faticoso, perché per realizzare grandi sogni bisogna fare grandi fatiche.

      Vediamo le tue domande:
      > A quanti anni ha iniziato a leggere libri?
      Ho iniziato da bambinissimo, perché mia madre leggeva molto e io volevo fare come lei. Ho capito subito che leggere è divertente e non ho mai smesso 🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      >Quando le è venuta l’idea di fare lo scrittore e perché?
      Ho iniziato a scrivere a 29 anni, quando il mio caro amico Pierdomenico Baccalario mi ha proposto di fare un libro insieme. Poi ho capito che scrivere era il lavoro perfetto per me: potevo raccontare le storie e, tramite loro, cambiare il mondo.
      > Perché gli diede questo titolo?
      Io coi titoli sono un disastro! Questo, in particolare, l’ha scelto l’editore.
      > Questo testo è ispirato da una storia reale?
      Sì, è una ricostruzione il più fedele possibile della vera vita di Alfonsina Strada.
      > Nel libro ce qualche esperienza che è capitata anche a lei?
      Quando racconto vado sempre a pescare nelle mie esperienze in modo da rendere più “vive” le scene. La gara in bici nel paesino con Iacopo è ciò che mi ricordavo delle corse in bici che facevo con i miei amici 🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      > Qual è il libro più bello che ha scritto, secondo lei?
      Il mio libro “speciale” per me sarà sempre Ribelli in fuga. Affronta i temi del coraggio e della libertà attraverso una ribellione giusta, ed è stato il libro che mi ha trasformato da scrittore ad autore. Per me è importantissimo.

      > Secondo lei qual è il clima adatto per leggere, o quello che usa lei?
      Per leggere devo essere comodo, quindi voglio un bel sole primaverile, non troppo vento e, soprattutto, NIENTE ZANZARE!
      Ma ho visto che intendi il clima musicale. Quando avevo la tua età leggevo ascoltando musica, oggi preferisco il silenzio, ed anche per questo sono andato a vivere in campagna. Qui si sente solo il vento e, di notte, i versi dei caprioli che mi mangiano l’edera 😀
      Per me questo significa essere comodo e sentirmi al sicuro.

      Grazie per aver parlato di me alle tue amiche, è una cosa che mi onora.

      E grazie anche per le tue domande. Un grande saluto a te e alle tue amiche e buone letture!!!

  221. 1
    Cnit cinta ( Mezzolombardo ) 28 days ago

    All’ inizio non avevo capito il protagonista ma dopo grazie alle tue fantastiche parole si è capito tutto. Grazie mille!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  222. 1
    gerry ( Fiera di Primiero ) 29 days ago

    Ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto moltissimo infatti i miei compagni di classe me lo hanno consigliato molto. Mi piace sopratutto che le donne possano partecipare come gli uomini, in effetti questo in alcune parti del mondo non succede ancora, purtroppo.

  223. 1
    koala.7 ( Riva del Garda ) 29 days ago

    Caro Tommaso,
    a me è piaciuto molto il tuo libro ma ho notato che, in ogni pagina, c’è il nome Alfonsina e questa è una cosa al quanto bizzarra!!!!😊
    Ho avuto un po’ di confusione all’inizio perché prima corre, poi va in bici e questo mi ha messo in confusione. Devo farti i miei complimenti perché è un libro fantastico e stai sicuro che lo voterò. E’ il migliore tra tutti questi.
    Sei proprio un grande scrittore!!!!!!!!!!👏🏻👏🏻👏🏻
    Ciaooo👋🏻👋🏻

  224. 1
    KTM65 ( Fiera di Primiero ) 29 days ago

    ciao Tommaso ,il libro non lo ho letto tutto perché no mi piaceva tanto.

  225. 1
    Fiore SILVER 29 days ago

    Alfonsina, la ciclista che con la sua caparbietà è stata la prima donna che ha partecipato al Giro d’Italia, è stata forte e brava: “VOLERE è POTERE!”, ci hanno insegnato un tempo …

  226. 1
    mica635 ( Dimaro Folgarida ) 21/03/2019

    ciaooo volevo farti i miei più cari complimenti !!! sei davvero molto bravo olojng

  227. 1
    albero 07 ( Fiera di Primiero ) 21/03/2019

    Il libro all’inizio era un po’ noioso ma appena Alfonsina ha iniziato il Giro d’Italia mi sono immedesimata in lei.Ho capito che anche se era una donna poteva fare le stesse cose degli uomini. Bravo Tommaso!!!!!

  228. 1
    cane27 ( Coredo ) 21/03/2019

    caro TOMMASO PERCIVALLE il suo elaborato mi ha appassionato così tanto che l’ho letto tutto d’ un fiato mille grazie di avermi intrattenuta con il suo libro.

  229. 1
    kitty_339 ( Riva del Garda ) 21/03/2019

    L’inizio era un po noioso poi quando é cominciata la gara mi ha preso un po di più, finale inaspettato

  230. 1
    Krokorik ( Mezzocorona ) 21/03/2019

    Buongiorno Tommaso. Ho apprezzato molto il tuo operato in questo testo e ti vorrei ringraziare per avermi intrattenuto col tuo fantastico libro. Oltre alla storia “superficiale”, in fondo il messaggio è molto educativo e afferma l’importanza del passato per capire il presente. Grazie di aver letto il mio messaggio.

  231. 1
    beota ( Pinzolo ) 21/03/2019

    Questo libro mi ha consentito di conoscere un personaggio straordinario del secolo scorso. La storia di Alfonsina è appassionante e coinvolgente e ci racconta della vita di una grande donna ciclista che ha realizzato il suo sogno di correre al Giro d’Italia superando con determinazione tutti gli ostacoli. Questa storia ci insegna che nessun sogno è troppo grande per essere inseguito.

  232. 1
    Margherita ( Riva del Garda ) 21/03/2019

    Buongiorno Tommaso, il libro mi è piaciuto davvero tanto! Racconta la storia avvincente di una donna forte e tenace che non si è mai arresa alle difficoltà della vita, soprattutto in un periodo dove una donna doveva faticare molto per competere al pari di un uomo. Alfonsina è stata una campionessa di vita, ha realizzato il suo più grande sogno, cioè quello di gareggiare al giro d’Italia e di arrivare fino in fondo nonostante le avversità. Un esempio, una leggenda.

  233. 1
    kitty_339 ( Riva del Garda ) 21/03/2019

    Non mi é piaciuto

  234. 1
    ANGEL WINGS ( Dimaro Folgarida ) 20/03/2019

    Ciao Tommaso!!
    ti vorrei tanto dire che il tuo libro è stato bellissimo e credo che Alfonsina sia stata veramente un’ eroina per tutte le donne,spero che lei venga ricordata in eterno perchè era una donna veramente magnifica. Il tuo modo di scrivere è veramente unico, volevo chiederti quale sarà il tuo prossimo libro e ti volevo dire che sarebbe bellissimo se tu scrivessi altri libri su donne straordinarie . COMPLIMENTI SEI UNO SCRITTORE BRAVISSIMO !!!!
    Tanti saluti
    ANGEL WINGS

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Angel Wings, grazie mille per il tuo messaggio!!!

      Anche io spero che Alfonsina venga ricordata in eterno, penso che se lo sia meritato.

      Sai che ho già scritto un altro libro su una donna straordinaria? Il suo nome è Tina Merlin, faceva la giornalista e ha lottato in nome della verità. La sua storia si intreccia con quella della diga del Vajont, di cui magari hai sentito parlare, ed il libro si intitola Dalla montagna il tuono.
      Se sei curioso penso che in biblioteca ce l’abbiano!

      Grazie ancora e buone letture 🙂

  235. 1
    Marco ( Ville d’Ananunia ) 20/03/2019

    Più Veloce del Vento è un libro che ho letto volentieri.
    Mi ha colpito la determinazione e la tenacia che Alfonsina ha avuto per riuscire a raggiungere il suo obiettivo. Il libro è una lezione di vita.

  236. 1
    Cagnolina08 ( Ala ) 20/03/2019

    Ciao !!!! Il tuo libro “più veloce del vento ” non è stato il mio preferito però non è stato nianche cosi male, la parte che mi è piaciuta di più é stata quella di quando Alfonsina si è fatta coraggio per partecipare al giro d’Italia. Forse è anche perché a me non piace questo sport…😊

  237. 1
    criceto ( Borgo Valsugana ) 20/03/2019

    Il libro parla di una bambina figlia di contadini che ha la passione per la bicicletta anche se a quei tempi era uno sport che potevano praticare solo gli uomini. Lei va contro la volontà dei genitori e la regola di quei tempi e comincia a correre in bicicletta e dopo tanti sforzi e sacrifici diventa molto brava e veloce e vince anche delle gare.
    Questo libro mi è piaciuto perchè mi ha insegnato che se un ragazzo o ragazza si mette d’impegno riesce a superare tutto.

  238. 1
    Simo090 ( Riva del Garda ) 20/03/2019

    Ciao Tommaso, il tuo libro è quello che mi è piaciuto di più tra tutti . E’ una storia che ai giorni nostri sembra incredibile, non poter andare in bicicletta perché si è femmina. Mi sono emozionato a leggere di Alfonsina, della sua forza e perseveranza nel rincorrere il suo sogno nonostante le difficoltà che ha dovuto affrontare. Complimenti!!!

  239. STORM ( Mezzolombardo ) 20/03/2019

    Ciao Tommaso, ho finito il tuo libro! La storia di Alfonsina mi è piaciuta molto, davvero emozionante! Per lei è stata davvero dura raggiungere il suo obiettivo, vincere il giro di Italia per una donna di quei tempi era una cosa impensabile!! E’ riuscita ad aprire nuovi orizzonti alle donne anche in altre discipline sportive, un vero mito! Una cosa che mi ha colpito è che Alfonsina alla fine si sposa con Carlo Messori, anche se un po’ a metà del libro si intuiva che lei era molto legata a lui e provava un forte sentimento.
    Complimenti ancora e un caro saluto da Storm.

  240. 1
    Lettricesfegatata ( Cles ) 20/03/2019

    Ciao Tommaso,
    io sono una ribelle quindi ho trovato questo libro molto interessante.
    Alfonsina è fortissima!Mi piace il suo carattere molto determinato che assomiglia al mio!
    Ciao

  241. 1
    Diario ( Riva del Garda ) 20/03/2019

    Il tuo libro è molto bello mi è piaciuta la parte in cui alla fine al giro d’italia Quando Alfonsina riusci a tagliare il traguardo un libro bellissimo.

  242. 1
    La pinu ( Riva del Garda ) 20/03/2019

    Tommaso precivale il tuo libro è bellissimo mi piace soprattutto la parte in cui il ragazzo che era più ricco di Alfonsina la sfidó dicendo che è una perdente e Alfonsina allora si arrabbiò e gli lanció una sfida chi arrivava per primo al grande sasso vinceva e vincete Alfonsina

  243. 1
    coperta163 ( Arco ) 20/03/2019

    Ciao mi dispiace ma il tuo libro non mi è piaciuto

  244. 1
    sofia3 ( Ala ) 20/03/2019

    Caro Tommaso Percivale:
    il suo libro mi è piaciuto tantissimo, è emozionante, ha momenti di suspense, ti fa riflettere sui diritti della donna tanti anni fa. Io leggo sempre la sera per conciliarmi il sonno e quando leggo il suo libro mi sembra di sognare, di essere nei vari personaggi e di provare tutte le loro emozioni.
    Alla fine del libro non so ne come ne perché ma sentivo nelle gambe le fatiche che subiva Alfonsina nel Giro d’Italia , sentivo le sbucciature nelle mie ginocchia, mi sembrava di cadere dalla bicicletta con al posto del manubrio un manico di scopa e con i vestiti da uomo legati con uno spago.
    Il tratto di strada che doveva fare Alfonsina per completare il giro che mi è piaciuto di più è stato il tratto da l’Aquila a Bologna perché arrivata a Bologna si sentiva a case e i suoi parenti erano li che la aspettavano compreso Iacopo il suo grande amico.
    La parte del libro che mi è piaciuta di più è quando Alfonsina ha raggiunto il suo traguardo cioè di aver superato il Giro d’Italia.
    Il personaggio più riuscito secondo me è proprio Alfonsina. Di lei mi è piaciuta la determinazione, il voler arrivare in fondo alla meta non perché lo volevano gli altri, non per arrivare prima e vincere il premio ma perché lei voleva superare se stessa, fare cose che altre donne non avrebbero mai pensato, solo pensato che potesse accadere. Alfonsina è riuscita malgrado le dovute rimproverate a comprarsi una bici tutta sua facendo la sarta e a costruirsi una bella vita nonostante la guerra.
    Io penso che lei sia la persona più coraggiosa e determinata che abbia mai “conosciuto” in vita mia.
    Ma il marito di Alfonsina è tornato dall’ospedale o è ancora li ?
    Arrivederci

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Sofia, grazie per il tuo messaggio, è bellissimo!
      Sono davvero felice di averti fatto vivere le peripezie della nostra Alfonsina, con tutte le fatiche, le cadute e i grandi successi.

      Il povero Luigi Strada, ammalato di depressione, non si è più ripreso ed è morto nell’ospedale. La sua è una storia molto triste, purtroppo.

  245. 1
    Chia18 ( Taio ) 20/03/2019

    Ciao,
    ho letto quattro libri ma fino adesso il tuo è il più bello. il messaggio che hai trasmesso è di avere fiducia in se stesso.
    Perché ti è venuto in mente di scrivere questa storia? Quanto ci hai messo scrivere questo bellissimo libro? Io pratico e adoro il calcio e mi sono immedesimata nella protagonista.

    • 1
      Tommaso Percivale 19 days ago

      Ciao Chia!
      Ho voluto scrivere la storia di Alfonsina perché ha vissuto una vita piena di coraggio all’inseguimento di un sogno che sembrava irraggiungibile. Era una donna forte e caparbia che ha dovuto attraversare mille difficoltà per essere riconosciuta come campionessa. Era una storia troppo bella, non potevo lasciarmela sfuggire 🙂

      Per scrivere questo libro ho impiegato sei mesi.

      Grazie per il tuo messaggio e buon divertimento sul campo da calcio! 🙂

  246. 1
    eleumas 72 ( Canal San Bovo ) 20/03/2019

    Ciao Tommaso, scusa se ti disturbo ma mi sono dimenticato di chiederti perché proprio lei, Alfonsina Strada, nel 1924 ha voluto compiere quest’impresa pericolosa e proprio lei che è una femmina ha gareggiato con i maschi. Per un pezzo con un manico di scopa al posto del manubrio.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao di nuovo Eleumas!

      Alfonsina ha voluto correre il giro d’Italia per dimostrare cosa era capace di fare. Lei, la Ranocchietta, il Diavolo in gonnella, una FEMMINA scandalosa che affronta la gara più dura e massacrante di tutte. E arriva in fondo.
      Era davvero eccezionale questa Alfonsina 🙂

  247. 1
    Vacanza38 ( Riva del Garda ) 19/03/2019

    Ciao Tommaso se devo dirti la verità all’inizio mi ha incuriosito, andando avanti nn mi è piaciuto molto e leggerlo mi sono annoiato un po’. Grazie comunque di avermelo fatto leggere.

  248. 1
    paracolpi ( Riva del Garda ) 19/03/2019

    mi è piaciuto perchè è facile da leggere

  249. 1
    rubotubo ( Riva del Garda ) 19/03/2019

    Gentile Tommaso,
    All’ inizio non capivo molto e non mi piaceva tanto, però alla fine è veramente bello e ti tocca il cuore.

  250. 1
    stef6384 ( Riva del Garda ) 19/03/2019

    davvero un bel libro e strutturato bene lo leggerei una seconda volta

  251. 1
    spiderman ( Riva del Garda ) 19/03/2019

    il tuo libro a me non è piaciuto molto spero che scriverai altri libri

  252. 1
    Gabry08 ( Folgaria ) 19/03/2019

    Caro Tommaso,
    il libro è stato emozionante: ho provato suspence ogni volta che Alfonsina raccontava le sue gare, gioia quando le vinceva, dispiacere quando la mamma la sgridava perché non la capiva e tristezza quando arriva la guerra.
    Il linguaggio del testo è chiaro e semplice ed ha reso la lettura piacevole.
    Hai parlato di uguaglianza tra maschi e femmine in un periodo in cui purtroppo non era così, eppure a me sembra una cosa normale.
    Il messaggio più bello che hai trasmesso è che ogni sogno può realizzarsi se ci credi e ti impegni.
    Grazie
    Gabriele

  253. 1
    fiorettona ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    Ciao Tommaso, questo libro mi è piaciuto tantissimo e mi ha aiutato a capire di non arrendersi mai, anche ai sogni e ai desideri più grandi.
    Per me sei bravo, non arrenderti mai, continua così, sei stupendamente meraviglioso.TI ADORO

  254. 1
    eleumas 72 ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    Ciao Tommaso, volevo dirti che questo libro è quello che mi è piaciuto di più, proprio perchè a me piace andare in bici. Questo libro mi ha insegnato a non arrendermi mai e a continuare a lottare, però non mi sarei mai aspettato che Fumagalli si sarebbe arreso solo per un’osteria.
    Questo libro l’ha letto anche mio papà che è un ciclista e gli è piaciuto anche se lui si è fatto male alla rotula e ha dovuto andare dai medici per 3 anni. Ora ha le stampelle, anche mia mamma ha le stampelle perchè è caduta sul Cece con gli sci.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Eleumas, grazie per il tuo messaggio e un grande augurio di rapida guarigione a mamma e papà!

  255. 1
    fiorettona ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    QUESTO LIBRO MI E’ PIACIUTO TANTISSIMO, SE POTESSI LO LEGGEREI ALL’INFINITO.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Grazie Fiorettona, il tuo è il messaggio che tutti gli scrittori vorrebbero ricevere. GRAZIE MILLE!

  256. 1
    roki ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    Secondo me questo libro è molto bello e ti insegna che se ti impegni riesci a raggiungere un obbiettivo anche molto ambizioso.

  257. 1
    MORNY84 ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto perché racconta molto bene la storia, e mi è piaciuto soprattutto perché trasmette il messaggio che le femmine hanno gli stessi diritti dei maschi.

  258. 1
    SIMO26 ( Canal San Bovo ) 19/03/2019

    Questo libro è il più bello di tutti quelli che ho letto perchè mi ha insegnato a non arrendermi mai e anche perchè mi piace andare in bicicletta.

  259. 1
    perucattifil ( Egna ) 19/03/2019

    Buongiorno signor Percivale. il suo libro: “più veloce del vento”mi è piaciuto molto specialmente la protagonista Alfonsina, prima donna che ha deciso di partecipare al giro
    d’ Italia in bicicletta.
    Il suo libro mi ha insegnato che bisogna credere in sé stessi e non farsi scoraggiare dalle difficoltà perché con la forza di volontà si possono raggiungere obbiettivi che sembrano impossibili.
    Grazie
    Saluti da Filippo.

  260. 1
    faillagin ( Egna ) 19/03/2019

    Buongiorno signor Percivale sono Ginevra.
    se devo essere sincera quando ho iniziato a leggere il suo libro ho pensato che era troppo Lungo e che non l’avrei mai finito, però mentre leggevo, ho visto che invece era molto interessante.
    spero un giorno di riuscire ha realizzare i miei sogni proprio come Alfonsina.
    Grazie da
    Ginevra.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Ginevra! Anche Alfonsina pensava che il Giro d’Italia fosse lungo e che non sarebbe riuscita a finirlo. La tua esperienza è stata come la sua e, secondo me, questa è una cosa bellissima!
      Grazie per il tuo messaggio!

  261. 1
    perucattifil ( Egna ) 19/03/2019

    Buongiorno signor Festa, il suo libro “Cento passi per volare” mi è piaciuto molto perché il protagonista Lucio, nonostante sia cieco, riesce a vivere una vita normale e ci insegna a non abbatterci e a non arrenderci nonostante le difficoltà.
    Mi ha emozionato molto anche la parte in cui Tiziano ha riportato il piccolo aquilotto Zefiro nel nido dai suoi genitori.
    Saluti da
    Filippo.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Filippo, ho paura che tu abbia sbagliato pagina 😀
      Io sono Tommaso Percivale e ho scritto Più veloce del vento. Non ti preoccupare, è un errore che potevano fare tutti anche perché Giuseppe ed io abbiamo lo stesso parrucchiere 😀 😀 😀
      Grazie comunque per il tuo messaggio e buone letture!

  262. 1
    cainelligem ( Egna ) 19/03/2019

    “più veloce del vento”

    Salve signor Tommaso, sono Gemma.
    Leggere il suo libro: “più veloce del vento” mi è piaciuto tantissimo.
    Lo consiglierei a tutti, perché mi piace andare in bicicletta e non importa se arriva prima una donna o un uomo
    La sua storia è realistica?

    Grazie Gemma.

  263. 1
    brunale ( Egna ) 19/03/2019

    Buongiorno signor Tommaso,sono Alessia.
    Il suo romanzo :“Più veloce del vento” é il libro più lungo che ho mai letto.
    É interessante perché mi ha fatto capire com’era difficile essere donna agli inizi del 1900.
    Mi sono chiesta …dove avrà trovato tutte le informazioni per scrivere questo libro?
    Cordiali saluti
    Alessia

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Alessia, quando faccio ricerca trovo informazioni un po’ ovunque, soprattutto internet. Nel caso di Più veloce del vento ci sono stati alcuni libri particolarmente utili che ho citato nell’appendice. Il più importante è stato Gli anni ruggenti di Alfonsina Strada, un libro molto interessante e divertente che consiglio a tutti quelli che vogliono saperne di più.

  264. 1
    k96 ( Taio ) 19/03/2019

    Buongiorno Tommaso Percivale .Ho apprezzato molto il suo libro perchè ha un grande significato e perchè è tratto da una storia vera .Mi ha fatto capire che se nella vita si ha un sogno o un’ideale bisogna realizzarlo a tutti i costi , anche se si è poveri e non si hanno le risorse.Tutto sta nel credere in sè stessi .Molto importante è anche la collaborazione con le altre persone che possono aiutarci a realizare il nostro sogno.IL contenuto del libro è fantastico e lo consiglio a tutti i ragazzi della nostra età.Innoltre grazie a ragazze come Alfonsina adesso noi femmine possiamo fare cose che prima non potevamo fare . Volevo anche dire che è molto interessante fare un tuffo indietro nel passato per rivivere le avventure vissute da questi personaggi coraggiosi.Questo libro può anche ispirare molti di noi ragazzi a realizare i nostri ideali.Io ho una grande passione per la bicicletta e mi a fatto piacere leggere questo libro.molto la stesura del libro?Grazie dell’attenzione .

  265. 1
    tarta ( Taio ) 18/03/2019

    Buonasera signor Percivale,
    la lettura di questo libro mi è piaciuta molto e mi ha fatto riflettere sul fatto che non bisogna arrendersi mai ma crederci sempre. Inoltre mi ha fatto meditare, pensare e capire che quando si ha un sogno o un ideale, anche se sembra impossibile realizzarlo, bisogna avere fiducia e credere in se stessi.
    Cordiali saluti!

  266. 1
    vivi04 ( Arco ) 18/03/2019

    E’ un libro molto coinvolgente e mi piace molto il modo di scrivere di Tommaso Percivale perché lui non usa il solito modo di scrivere che molto spesso viene usato nei libri in cui si racconta la vita di una persona, ma lui fa provare le stesse emozioni che ha provato Alfonsina Strada (Morini), e così riesce non si sa come a scrivere libri molto belli e pieni di sensazioni; quando io leggo un libro mi piace immedesimarmi nel personaggio e in questo libro mi sono sentita davvero Alfonsina, grazie Tommaso Percivale😘

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Vivi04, grazie mille!
      È molto difficilissimo entrare nella testa di una persona, capirne i pensieri, provarne le emozioni. Per me, in particolare, è stato difficile perché Alfonsina era molte cose che io non ero:
      1- poverissima, ai limiti della denutrizione
      2- cresciuta in campagna ai primi del ‘900
      3- e soprattutto era una FEMMINA!
      Per questo il tuo messaggio mi rende particolarmente felice e orgoglioso come scrittore 🙂
      Grazie grazie grazie!

  267. 1
    sidious ( Mezzocorona ) 18/03/2019

    Caro Tommaso il tuo libro è molto bello.Conoscevo già la storia di Alfonsina perchè l’avevo letta in un altro libro ma era solo un piccolo riassunto mentre nel tuo libro si racconta tutta la sua storia . mi ha molto colpita che nonostante le difficoltà e pur avendo una famiglia povera Alfonsina è riuscita a ottenere quello che ama di più: CORRERE!
    Mi sembra molto ingiusto che a quel tempo le donne non potessero partecipare al Giro d’Italia ma lei con la sua determinazione e coraggio è riuscita comunque a tagliare il traguardo dimostrando che uomini e donne hanno gli stessi diritti.

  268. 1
    diamond ( Andalo ) 18/03/2019

    Questo libro non mi è piaciuto perchè è troppo difficcile .
    Ma mi piace perchè amo andare in bicicletta

  269. 1
    Infinito ( Taio ) 18/03/2019

    Ciao Tommaso,
    So che forse non vorrai leggere commenti perchè hai altre cose da fare.. voglio solo dirti che il tuo libro mi è piaciuto molto ,
    Ci sono tutti gli ingredienti per un bel libro ….
    Sono contenta che ogni tanto sbuchino fuori libri sia significativi sia molto belli
    Arrivederci
    PS:scusa se il messaggio è troppo corto

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Infinito, ma sai che io leggo tutti i commenti? Tutti tutti, e magari anche due volte?
      Per me è una cosa bellissima poter sentire i vostri pareri e poter rispondere alle vostre domande.
      Per cui grazie mille per il tuo messaggio -che non è corto ma lungo il giusto- e un grande abbraccio!

  270. 1
    Pigna ( Cles ) 18/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perché mi ha fatto capire che le femmine hanno le stesse capacità dei maschi e possono fare delle cose che non si possono neanche immaginare. Mi ha sconvolto quando provava la bici nuova a Bologna quella rossa.Questo libro è il mio preferito.

  271. 1
    aboulkhirmal ( Egna ) 18/03/2019

    Buongiorno signor Percivale, sono Malak.
    Ho letto il suo libro: “PIÙ VELOCE DEL VENTO” e mi è piaciuto tanto. Per me la parte più bella è stata il giorno in cui il padre di Alfonsina porta a casa una bicicletta e lei scopre il suo talento…bellissimo!
    Volevo chiederle una cosa: la storia che ha scritto è realistica?
    Grazie per aver scritto questo libro, perché leggendolo ho capito che se vuoi realizzare un sogno non devi mai arrenderti, come ha fatto Alfonsina.

    Cordiali saluti
    Malak

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Malak, è più che realistica: è vera! Alfonsina Strada è realmente esistita e io ho raccontato le varie fasi della sua vita dopo aver studiato minuziosamente la sua biografia. Le cose che ho inventato sono poche e per lo più concentrate nel periodo della sua infanzia. Questo perché i giornali non si occuparono di lei finché non vinse la corsa a Torino e le informazioni sulla Alfonsina bambina sono poche.
      Per il resto è tutto vero!

  272. 1
    braholliama ( Egna ) 18/03/2019

    Buongiorno signor Percivale, mi chiamo Amanda.
    Ho letto il suo libro “Più veloce del vento” e mi è piaciuto molto, ma in particolare,la parte in cui Alfonsina ha preso in mano per la prima volta una bicicletta.
    Anch’io ero come lei, quando ne ho avuta una per la prima volta… IMBRANATA!
    Volevo chiederle, da che cosa ha preso spunto per scrivere questa storia?
    Grazie per aver scritto questo libro, perché mi ha insegnato che non ci si deve mai arrendere!

    Cordiali saluti
    Amanda.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Amanda!
      Per questo romanzo ho seguito la vera storia di Alfonsina Strada. Lei è realmente esistita!
      Tutto ciò che hai letto è (quasi) vero.
      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  273. 1
    drake456 ( Peio ) 17/03/2019

    Ciao.. Il tuo libro finora è il migliore che ho letto…
    Forse perché a me piace molto la bicicletta ed è uno sport che pratico e la storia di Alfonsina mi piace molto. Sono sincero non mi è piaciuta molto la fine, non mi sarei mai aspettato che morisse in quel modo 😩. Ma dopo tutto hai scritto un bellissimo libro..bravo!

  274. 1
    ARIANA GRANDE ( Telve ) 17/03/2019

    Caro Tommaso,
    devo dirle che nel suo libro all’inizio ci sono troppi aggettivi e rendono la lettura noiosa ; ma la seconda e la terza parte sono più scorrevoli . A parte questo il suo libro è molto bello e significativo.Non pensavo, che a quell’ epoca, Alfonsina (essendo una donna), potesse partecipare al GIRO D’ITALIA e non mi aspettavo nemmeno che esistesse una gara di biciclette per sole donne.
    Il suo libro lo consiglierei a tutti.
    COMPLIMENTI!!!

  275. 1
    Alas siempre ( Arco ) 17/03/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto. La cosa che mi ha colpito di più è la determinazione di Alfonsina, che mi ha insegnato che non bisogna arrendersi davanti a una difficoltà.

  276. 1
    Lore SILVER 16/03/2019

    “Più veloce del vento” è un libro che ho letto con piacere. La figura di Alfonsina, tratta da una storia vera, ti conquista per la sua determinazione e combattività L’autore descrive in modo curato e competente i particolari tecnici di un ciclismo di altri tempi.
    Quello che mi ha colpito di più è la cura nel descrivere i sentimenti provati da una ragazza e poi donna, dei primi del ‘900.
    Lo consiglio agli adulti, ma specialmente ai ragazzi. Questa storia insegna loro a credere nei propri sogni e a impegnarsi a raggiungerli.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Grazie Lore, da scrittore provo una particolare soddisfazione a scrivere per ragazzi ed essere apprezzato anche dagli adulti. Non è una cosa che preparo a tavolino, non è studiata né ricercata. È lo spontaneo risultato del mio stile.
      Grazie per il suo messaggio e buone letture!

  277. 1
    MarLau SILVER 16/03/2019

    Ho letto tutti i cinque libri, ognuno con la sua storia di vita.
    Sono tutti belli, educativi, c’è tanto da imparare e mettere in pratica… Grazie a voi che avete scritto queste storie!

  278. 1
    Cavallo 07 ( Arco ) 16/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perché all’inizio è noioso ma poi diventa molto bello; il sogno di Alfonsina è molto interessante ma poi alla fine quando muore in mezzo a due ruote (se non sbaglio) secondo me dovrebbe morire in un altro modo ad esempio …

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Cavallo!!!
      La nostra Alfonsina è morta a cavallo della sua moto Guzzi 500, quindi sì, tra due ruote 🙂 E non posso cambiare niente perché Alfonsina è una persona realmente vissuta. Ciò che hai letto è (quasi) tutto vero!

  279. 1
    Ali007 ( Telve ) 15/03/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto molto anche se all’ inizio era un po’ noioso.
    La storia di Alfonsina Strada mi ha colpito molto perché nonostante il padre e la madre non le lasciassero andare in bicicletta lei non li ascoltava e seguiva il suo sogno.
    SEGUIRE I PROPRI SOGNI È IMPORTANTE!!!
    Ciao Ali007.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      È proprio così, Ali007, seguire i propri sogni è importantissimo! Ogni giorno della nostra vita è unico e irripetibile. Una volta andato non torna mai più. Dobbiamo usarli tutti il meglio possibile, e inseguire un sogno è uno dei modi più belli che io possa pensare 🙂

  280. 1
    Cucciolotta08 ( Cembra Lisignago ) 15/03/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro non mi è paciuto perchè a me non piacciono i ciclisti,ad ognuno di noi ha qualcosa che piace e non piace.
    Ogni bambino a le sue idee.
    Comunque ci sono sempre tanti libri da leggere.
    Il libro insegna tante cose belle e come si fa a farsi forza esuperare tutte le paure.
    Il tuo libro può essere bello per alcune persone ma per certe no, sei stato bravissimo a scrivere questo libro voglio ringraziarti per tutto queste cose che mi hai insegnato con questo libro. Ciao ciao

  281. 1
    SUPER LIBRI ( Arco ) 15/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto all’inizio era un po’ noioso poi però si accende quella scintilla in Alfonsina che ti sorprende quanta forza può avere una persona quando si mette lì con quella determinazione necessaria per raggiungere il proprio obbiettivo.

  282. 1
    Mirtillotto ( Canal San Bovo ) 14/03/2019

    Salve Tommaso. Il tuo libro è carino. Racconta la storia di Alfonsina, una bambina coraggiosissima che senza ascoltare la madre e non seguendo le regole del ” bon ton” è diventata una forte e dura ciclista!

  283. 1
    emmus1008 ( Baselga di Pinè ) 13/03/2019

    Ciao,
    il tuo libro mi è piaciuto moltissimo. Mi ha fatto capire che, chi ha un sogno non si deve mai arrendere.

    Bellissima scelta!!

  284. 1
    Panda2007 ( Vermiglio ) 13/03/2019

    Ciao Tommaso, il suo libro mi è piaciuto tantissimo!!!Perché parla di una ragazza sportiva, come sono io.
    Il mio personaggio preferito è Alfonsina perché è coraggiosa e non si arrende mai
    Complimenti!!!!

  285. 1
    milanista99 ( Cavalese ) 13/03/2019

    Lettore tommaso😆😆

  286. 1
    Cigno Nero ( Roncegno ) 12/03/2019

    Ciao Tommaso,il tuo libro mi è piaciuto,di Alfonsina ho apprezzato il modo di vedere le cose,la sua forza nel voler a tutti i costi arrivare al suo traguardo cioè quello di dimostrare l’uguaglianza tra l’uomo e la donna.

  287. 1
    Chiara 019 ( Vezzano ) 12/03/2019

    Ciao scusa ma ho letto il tuo libro e non mi piace molto ma… bravo perchè ti sei impegnato

  288. 1
    JUVE08 ( Lavis ) 11/03/2019

    Questo libro non mi è piaciuto tanto

  289. 1
    STE-08 ( Riva del Garda ) 11/03/2019

    Ciao,il tuo libro mi ha lasciato molto sorpreso e felice grazie.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Ciao Ste-08, grazie per il tuo messaggio! Cosa ti ha sorpreso in particolare? Sono molto curioso! 🙂

  290. 1
    scal073 ( Fiera di Primiero ) 11/03/2019

    Ciao , il libro è abbastanza bello però ci sono un po troppi personaggi , comuncue è un gran bel libro ! 😏

  291. 1
    minnie14 ( Telve ) 11/03/2019

    caro scrittore mi dispiace dirle che all’inizio il suo libro non mi aveva colpita e appassionata ad andare avanti ma dopo un pò di pagine mi è piaciuto. Quindi un consiglio anche se non sono una scrittrice la prossima volta l’inizio lo faccia meno articolato e complesso. comunque complimenti.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/03/2019

      Grazie per il tuo messaggio, Minnie14. Prendo nota per il prossimo (che si intitolerà Il caso del villaggio scomparso).
      Buone letture!

  292. 1
    TommyBerta ( Taio ) 10/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo perchè parla di una storia vera di una ragazza coraggiosa che crede sempre nelle sue imprese mirabolanti con la speranza e la voglia di vincere, portandolo a termine con tutte le sue forze!

  293. 1
    FulmineRosso ( Lavis ) 10/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto perché questa ragazza si è impegnata per il proprio sogno ed è riuscita a realizzarlo.
    Mi fa capire che anch’io se mi impegno riuscirò a realizzare i miei sogni.

  294. 1
    stellaluna ( Fiera di Primiero ) 10/03/2019

    Secondo me questo libro è stra bello perché racconta la storia di una ragazza che non si arrende mai e realizza il suo sogno è questo è quello che dovremmo fare tutte

  295. 1
    izabela ( Riva del Garda ) 09/03/2019

    Caro Tommaso Percivale il tuo libro è favoloso piú veloce del vento mi fa molto veloce grazie che fai questi libri bellissimi lasciami un messaggio ciao!
    😘

  296. 1
    fufi ( Peio ) 09/03/2019

    Ciao Tommaso, per me il tuo libro è il più bello in assoluto, una storia vera di una ragazza coraggiosa che non perde mai la speranza di vincere e che lotta con tutte le sue forze per quello in cui crede. COMPLIMENTI!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Fufi, mi sono impegnato al massimo per scriverlo per cui mi fa moltissimo piacere sapere che ti è piaciuto. GRAZIE!

  297. 1
    scavatore ( Castel Ivano ) 09/03/2019

    Ciao Tommaso Percivale, da poco ho finito il tuo libro “Più veloce del vento” e non è che mi sia piaciuto più di tanto; quando ho iniziato a leggerlo, dopo i primi capitoli non riuscivo ad andare avanti, però mi sono sforzato e l’ho letto tutto.
    Ciao, spero di leggere altri libri scritti da te.

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Scavatore, mi dispiace che ti sia dovuto sforzare. Leggere dovrebbe essere un piacere, una di quelle cose che ti prendono e che non ti fanno pensare ad altro. Forse non era il libro giusto per te (io penso che ci sia il libro giusto per ciascuno di noi).
      Puoi chiedere in biblioteca un altro libro dei miei. Magari ti potrebbe piacere il grande mistero di Messaggio dall’impossibile!

      Grazie comunque per la tua sincerità, la apprezzo molto 🙂

  298. 1
    DOLOMITICA PASSA 8 ( Predazzo ) 08/03/2019

    Il libro non mi ha appassionato perchè a me piacciono i libri con un po’ più di suspence, anche se la morale della storia ti insegna tanto!!
    Buona fortuna per la tua carriera di scrittore.

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Dolomitica, anche a me piacciono molto i libri col mistero! Infatti sto lavorando proprio su storie piene di segreti e colpi di scena e quest’anno ne usciranno almeno tre.
      Come autore, però, voglio affrontare sfide sempre nuove, e raccontare storie che mi colpiscano nel profondo. Alfonsina, con il suo coraggio, la sua tenacia e il suo talento, mi ha conquistato subito e sono molto orgoglioso di aver scritto questo romanzo.

      Grazie per il tuo messaggio e buone letture (di suspence)!

  299. 1
    LUCIO 08/03/2019

    Ho letto questo racconto bellissimo con tristezza e ammirazione per questa donna che ha sfidato tutto e tutti per raggiungere il suo sogno.Lei ha superato delle prove impensabili ai giorni nostri.Ogni corsa oggi parte con i ciclisti accompagnati da uno stuolo di assistenti e sponsor. Alfonsina doveva fare tutto lei con delle strade impossibili con un solo cambio di vestiti, ferite che si rimarginavano da sole.Un’eroina se pensiamo che alla donne dell’epoca vaniva negata ogni attività se non quella della casa e dei figli.Grazie all’autore per averci donato questa bellissima storia.

  300. 1
    la pallavolista ( Mezzocorona ) 08/03/2019

    Ciao Tommaso devo dirti che mi è piaciuto molto il tuo libro.
    Mi ha fatto ricordare me da piccola .
    Mi ha fatto capire che non ci si deve mai abbattere devi essere forte ed andare avanti .
    Questa è la cosa più importante della vita e questo libro lo dice.
    Mi ha fatto capire molte cose .
    Alfonsina è molto coraggiosa per tutto quello che ha fatto .
    Mi piace perchè Alfonsina nonostante tutto non si arrende mai, è questo da prendere come esempio .
    Molto bello questo libro.

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Grazie Pallavolista, il tuo è un bellissimo messaggio.
      Per me un libro deve innanzitutto divertire, perché va letto con piacere e non con la sensazione di fare un compito. Ma poi è suo dovere trasmetterci un’esperienza nuova, un pensiero, un’idea, una domanda. Ci deve far capire le cose.
      Per questo il tuo messaggio mi colpisce così tanto e ti ringrazio molto per avermelo inviato.

  301. 1
    CONIGLIO ( Castel Ivano ) 08/03/2019

    Molto bello!
    Questo libro mi ha insegnato che i sogni sono possibili!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Coniglio! Non sono solo possibili, sono lì per essere realizzati!
      A presto e buone letture!

  302. 1
    milanista99 ( Cavalese ) 08/03/2019

    Caro Tommaso Percivale,
    il tuo libro mi ha emozionato moltissimo, mi veniva da piangere nella parte in cui Alfonsina era tutta insanguinata a Bologna che abbracciava la sua famiglia. All’inizio mi dicevo ” Ma questo libro è incapibile, è pieno di paroloni!!!” Poi mi è apparsa però la luce sul muso. Questo libro lo consiglio a tutti perché è una storia vera di una ragazza ” Alfonsina Morini diventata poi Alfonsina Strada” che non si è arresa alle difficoltà, agli infortuni davanti ai propri sogni. Tommaso Percivale continua a scrivere perché tu sei lo Scrittore con la S maiuscola! A presto!

  303. 1
    mca digital ( Cavalese ) 08/03/2019

    Buongiorno signor Tommaso Percivale.
    Il 4 marzo 2019 avevo fini to il suo libro.
    Questo libro è stato molto interessante, perché spiega di non arrendersi di fronte ai propri sogni e di realizzarli senza timore.
    Purtroppo ho da fare un altro commento (brutto). Il libro è stato interessante, ma allo stesso tempo non mi ha trasmesso emozioni, non mi ha fatto rivivere l’ avventura svolta dalla protagonista. Mi spiace.

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Grazie Mca digital, la tua recensione è molto ben fatta e argomentata e l’ho letta con attenzione.
      Quando scrive un libro l’autore sa che non potrà piacere a tutti, è una cosa normale, Ti ringrazio comunque per il suo messaggio e spero di ritrovarti con un altro libro 🙂

  304. 1
    Mimi18 ( Riva del Garda ) 07/03/2019

    Buongiorno Tommaso,
    il tuo libro mi ha fatto pensare a quanto fosse dura a quei tempi essere una femmina:io non sarei resistito neanche un giorno! 😟
    Quando hai raccontato che Alfonsina era caduta e non ce la faceva più, perché si era fatta molto male mi ha fatto ricordare quando anch’io sono caduta (e mi ero rotta la spalla😭)
    ma comunque mi sono rialzata e sono andata avanti… anche se per poco…
    È proprio coraggiosa e forte Alfonsina!
    Hai fatto proprio bene a sceglierla come protagonista 😀

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Grazie Mimi, col suo esempio Alfonsina ha davvero molto da insegnarci. Adesso come va la tua spalla? Sei guarita?
      A presto!

  305. 1
    Etoile ( Riva del Garda ) 07/03/2019

    Mi é piaciuto tantissimo questo libro, perché parla di una ciclista che non si arrende mai anche se si fa male, e le esce tanto sangue.
    Lei va avanti sempre, nonostante le difficoltà.
    Ognuno di noi dovrebbe prendere esempio da lei per affrontare le difficoltà.

  306. 1
    ENKI2008 ( Borgo Valsugana ) 07/03/2019

    A ME PIU’ VELOCE DEL VENTO E’ PIACIUTO. SEI STATO BRAVISSIMO. UNA DOMANDA: QUANTO CI hAI MESSO A SCRIVERLO? UN GRANDE ABBRACCIO CIAO

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Enki, grazie per i complimenti!
      Per scrivere Più veloce del vento ho impiegato ben sei mesi! È stato un libro molto difficile e ho dovuto studiare tantissimo!

  307. 1
    raggio di sole ( Fiera di Primiero ) 07/03/2019

    Ciao, perchė hai scelto il nome Alfonsina?🤔🤔
    Da piccolo che lavoro volevi fare lo scrittore o qualcos’ altro?🤔🤔
    A quanti anni hai cominciato a scrivere libri?📖📚

    CIAO!!!!!🤗🤗🤗

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Raggio, vediamo subito le tue risposte:
      * Non l’ho scelto io, ma la sua mamma e il suo papà. Alfonsina è esistita davvero!
      * Da piccolo volevo fare il programmatore di videogiochi e ho sempre studiato per arrivare lì. Poi però ho cambiato idea e adesso sono felicissimo di fare lo scrittore 🙂
      * ho iniziato a ventinove anni. Giovanissimo!

      Se hai altre domande spara pure!

    • 1
      raggio di sole ( Fiera di Primiero ) 14/03/2019

      Ciao, grazie per le tue risposte!😊😊

      Cos’è che ti ha fatto cambiare idea di diventare scrittore?🤔🤔
      Perché sono 2 cose tanto diverse!!!😉😉

      CIAOOOOOO!!!!!!!!!!!!👋👋👋

      CI

      • 1
        Tommaso Percivale 29 days ago

        Ciao Raggio!
        Hai ragione, sono due cose tanto diverse ma, nella mia testa, in realtà si somigliano. In entrambe i casi si trattava di trasmettere delle emozioni ed esperienze tramite delle storie.
        Ho lasciato la programmazione perché era “troppo tecnica”, fredda. Invece scrivere è un’attività molto più varia e colorata. Sono ancora un grande appassionato di informatica e tecnologia, ma non scambierei il lavoro dello scrittore con niente altro 🙂

        Ciaoissimo! 😀

  308. 1
    cerbiatto1 ( Folgaria ) 07/03/2019

    Caro Tommaso, il libro mi è piaciuto, moltissimo, mi ha fatto conoscere la vera storia di Alfonsina, prima donna campionessa del ciclismo all’inizio del 900.
    Il libro raccontato con un linguaggio difficile ma adatto alla storia aiuta a pensare che tutto può essere raggiunto se si ha coraggio, passione e determinazione in cui i sogni si avverano come ad Alfonsina che riesce a imporsi contro tutto in un mondo costruito solo per i maschi.

  309. 1
    fiore ( Riva del Garda ) 07/03/2019

    La copertina attira molto i lettori fin dalla prima occhiata. La trama risulta molto intrigante e avvincente, tanto che una volta iniziata la lettura non si riesce più a interrompere……

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Grazie Fiore, la copertina è stata disegnata da Iacopo Bruno, un bravissimo illustratore italiano che a me piace moltissimo. Sono molto orgoglioso di questa copertina 🙂

  310. 1
    Falchetto Felice ( Castel Ivano ) 06/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto per il fatto che Alfonsina era così cocciuta e decisa a raggiungere il suo obiettivo/sogno di diventare ciclista contro il parere degli altri, però questo libro non mi ha entusiasmato tanto. Ciao Tommaso.

  311. 1
    Luna2008 ( Arco ) 06/03/2019

    Questo libro è la prova che se si vuole realizzare un sogno bisogna lottare con tutte le forze per realizzarlo . Alfonsina è riuscita a diventare una grande ciclista anche se ai suoi tempi il ciclismo era solo per uomini

  312. 1
    Tarocchina ( Mezzolombardo ) 06/03/2019

    Ciao Tommaso
    questo libro mi è piaciuto tantissimo .Mi sono rattristata quando ha iniziato a parlare della guerra.
    Spero che continui a scrivere libri come questi.
    Buona serata!!!!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Tarocchina, la guerra è bruttissima! Anche io divento triste quando leggo le storie delle persone in guerra, che siano soldati o civili. Purtroppo, però, il mondo è sempre in guerra e dobbiamo conoscere queste cose per evitare che accadano di nuovo. Dimenticare è facile ma è anche pericoloso!
      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  313. STORM ( Mezzolombardo ) 06/03/2019

    Ciao Tommaso, grazie per avermi risposto.
    Visto che me lo chiedi ho un’altra domanda per te: “ma Alfonsina abita in Emilia Romagna o in Lombardia? Perchè cita molte volte l’Emilia, ma quando è alla Montagnola con Carlo Messori, dice che vorrebbe iscriversi al Giro di Lombardia.” Per favore rispondimi.
    Ciao da Storm. 🙂🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao di nuovo Storm!
      I ciclisti viaggiavano moltissimo per fare le gare, per cui anche un pugliese avrebbe potuto partecipare al Giro di Lombardia. La distanza geografica non era un problema, al massimo caricavano la bici sul treno e partivano per un’avventura.
      Alfonsina ha vissuto per molto tempo coi suoi a Fossamarcia (vicino a Bologna) e poi si è trasferita a Milano.

      Hai qualche altro dubbio? Chiedi pure!

  314. 1
    Hermione Granger ( Lavis ) 05/03/2019

    Signor Tommaso, ho adorato il vostro libro in tutto: linguaggio, scrittura e contenuto!
    L’unica cosa che non mi è piaciuta è stata la parte in cui si parlava della guerra: a mio parere era troppo monotona.

  315. 1
    minnie84 ( Telve ) 05/03/2019

    Mi è piaciuto molto questo libro
    All’ Iniziò è troppo pieno di particolari, quasi volevo smettere di leggerlo.
    Poi andando avanti ha iniziato a piacermi perché parla di persone ricche di forza che non si arrendono mai!!
    Spero che tu mi risponda ciaoooo!!😘

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Anche tu hai trovato la forza di superare tutti quei particolari! 🙂
      Grazie Minnie, e buone letture!

  316. 1
    Boston Celtics ( Lavis ) 05/03/2019

    Caro Tommaso,
    il tuo libro mi ha fatto capire che se abbiamo un sogno dobbiamo fare tutto ciò che possiamo per realizzarlo. Non bisogna mai smettere di lottare, anche se incontriamo difficoltà o le persone attorno a noi ci ostacolano o ci feriscono con i loro giudizi. La vita è nostra e dobbiamo dare tutto noi stessi per realizzarci e riaggiungere i nostri obiettivi.
    Grazie!

  317. 1
    DRAGO123FUOCO ( Lavis ) 05/03/2019

    La storia di Alfonsina secondo me vuole farci capire come una passione che ci portiamo dentro sin dalla nascita (nel suo caso il ciclismo) possa portarci a realizzare i nostri sogni nel cassetto. Ho apprezzato tantissimo questo personaggio per la sua tenacia e determinazione che l’hanno aiutata a diventare un mito in quel periodo in cui le donne non erano ancora valorizzate per tutto quello che facevano. Io non sono un grande lettore ma questo libro è riuscito a catturare la mia attenzione.

  318. 1
    mastro ( Vezzano ) 04/03/2019

    Caro signor Tommaso la storia non mi è piaciuta molto soprattutto all’inizio, forse perchè essendo una storia vera, c’è poco spazio per la mia immaginazione. Comunque valeva la pena leggerlo per conoscere la storia della prima donna che corse in bicicletta.

  319. 1
    Einstein 2008 ( Arco ) 04/03/2019

    Caro Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto. Non bisogna mai arrendersi e dobbiamo credere in noi stessi anche se tutto il resto del mondo dice che quello che vogliamo fare è impossibile; perché nulla è impossibile se ti impegni e se vuoi davvero farlo!
    LE DONNE POSSONO FARE TUTTO QUELLO CHE FANNO GLI UOMINI!!!!!!

  320. 1
    Gattina ( Valle di Cavedine ) 04/03/2019

    ATTENZIONE SPOILER!******
    Ciao Tommaso,
    volevo ringraziarti per aver scritto questo splendido libro, mi hai fatto conoscere la storia di Alfonsina Morini Strada.
    Mi è particolarmente piaciuto leggere che Alfosina aveva partecipato al “Giro d’ Italia”ed è riuscita a concluderlo mostrando ai maschi, che la prendevano in giro, che anche le femmine possono essere forti nel ciclismo.
    Mi è molto dispiaciuto per Alfosina che non era sostenuta dalla sua famiglia e quando i suoi genitori erano venuti a sapere che la loro figlia partecipava alle gare, il suo papà era arrivato a picchiarla dandole addirittura delle cinghiate.
    Sono felice che almeno Emma, sua sorella, abbia capito qual’era il sogno di Alfonsina e abbia cercato di aiutarla.
    Il tuo libro è STUPENDO! Spero che continui a scrivere e a farmi conoscere altre persone speciali come Alfonsina.

    • 1
      Tommaso Percivale 12/03/2019

      Ciao Gattina, grazie per il tuo messaggio!
      Sei stata molto attenta a non rovinare la lettura agli altri. Bravissima!
      E grazie anche per il tuo incoraggiamento: continuerò a scrivere finché ci saranno lettori che vorranno le mie storie 🙂
      Per esempio è uscito da poco un libro con una protagonista che, in un certo senso, somiglia ad Alfonsina. Il libro si chiama Dalla montagna il tuono, e racconta la vita di Tina Merlin, una coraggiosa giornalista che non aveva paura di dire la verità perché attraverso la verità poteva combattere le ingiustizie. Una donna davvero tosta!

  321. 1
    Lorenzo ( Malè ) 04/03/2019

    Il libro non mi é piaciuto perché è noioso perché non ti da la sensazione di essere lì

  322. 1
    Nyke2018 ( Lavis ) 03/03/2019

    Caro Tommaso,
    quando ho visto il periodo storico in cui era ambientato il libro, ero praticamente certa che non mi sarebbe piaciuto: invece è stata una scoperta !
    Ho avuto difficoltà specialmente nel comprendere quante cose siano cambiate nel corso dell’ultimo secolo per il mondo femminile, tutto quello che noi oggi diamo per scontato una volta era una vera conquista e le punizioni che oggi ci danno i nostri genitori sono carezze in confronto a quelle che subivano allora i bambini.
    Alfonsina è stata una grande donna e un buon esempio per tutte noi, ci insegna che bisogna lottare per realizzare i propri sogni.
    un caro saluto da Nyke2018

    • 1
      Tommaso Percivale 07/03/2019

      Ciao Nyke2018, non è bellissimo scoprire le meraviglie di libri che non avremmo mai letto? Succede anche a me ed è una sensazione che adoro!
      Grazie per il tuo messaggio e un carissimo saluto 🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 07/03/2019

      Aggiungo questo: l’ultima “scoperta” è stata Furore di Steinbeck, un libro tristissimo e deprimente che mai e poi mai avrei letto. A me piacciono le storie felici, il lieto fine, il criminale che viene arrestato, etc. In furore la speranza non c’è, le cose vanno sempre peggio, sempre peggio, sempre peggio. Eppure è un romanzo bellissimo, che dice molte cose sull’essere umano e che è particolarmente attuale perché parla di “migranti economici” (come si dice oggi) e cambia un po’ la prospettiva a cui siamo abituati. Me ne sono innamorato!
      Lettura impegnativa per adulti o lettori forti 14+.

  323. 1
    Sara08 ( San Michele all’Adige ) 03/03/2019

    Anche in questo libro come in “Oh, Harriet” viene dimostrato come la donna non sia inferiore rispetto all’uomo e come la forza di volontà faccia vincere tante sfide che sembrano all’inizio impossibili.

  324. 1
    seba2008 ( Riva del Garda ) 02/03/2019

    Caro Tommaso Percivale, il suo libro mi è piaciuto molto perché la storia era interessante e perché maschi e femmine siamo tutti uguali.

  325. 1
    tennisgo2018 ( Ville d’Ananunia ) 02/03/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perchè racconta una bellissima storia di una ragazza che vuole inseguire i propri sogni.Le parti che mi hanno colpito di più sono quando Alfonsina inizia a fare le gare e quando vuole fare il giro d’Italia.

  326. 1
    lepre2008 ( Mezzocorona ) 02/03/2019

    Caro Tommaso, bella storia, mi hai fatto capire che volere è potere. Alfonsina con forza di volontà e tanti sacrifici è diventata una brava ciclista. Partecipare al giro d’Italia le ha fatto onore: non vinse nessuna tappa ma non si arrese mai. Il racconto insegna che se desideri qualche cosa la puoi ottenere.
    Ciao al prossimo libro

  327. 1
    Eli Hermione ( Cavalese ) 01/03/2019

    Gentile Tommaso Percivale,
    mi dispiace,ma il suo libro non mi è piaciuto molto,perchè all’ inizio è noioso e diventa un po’ più bello verso la fine.

  328. 1
    Bepi ( Vermiglio ) 01/03/2019

    Ciao,Tommaso
    devo dire che il tuo libro non mi è piaciuto molto,mi dispiace

  329. 1
    MIKI ( Dimaro Folgarida ) 28/02/2019

    Ciao
    hai scritto un libro davvero bello. Ogni capitolo mi dava l’entusiasmo per passare al successivo. Alfonsina aveva una grande forza e tanto coraggio: dobbiamo imparare da lei.

  330. 1
    MIKI ( Dimaro Folgarida ) 28/02/2019

    Il tuo libro è facile da leggere, è scritto molto bene. Ogni capitolo mi ha entusiasmato per la forza di questa super donna.
    MIKI

  331. 1
    MIKI ( Dimaro Folgarida ) 28/02/2019

    Il tuo libro mi è piaciuto tantissimo
    MIKI

  332. 1
    franchi ( San Michele all’Adige ) 28/02/2019

    Questo libro ci racconta che un tempo le donne non venivano considerate , oggi le donne vengono considerate per molte cose . Complimenti per il libro Tommaso Percivale .

  333. 1
    2.0.0.8.N.N. ( Mezzolombardo ) 28/02/2019

    mi dispiace ma a me questo libro non mi è piaciuto

  334. 1
    Heidi ( Valle di Cavedine ) 28/02/2019

    Caro Tommaso Percivale, ho finito di leggere il tuo libro. E’ bellissimo! Il tuo libro mi ha insegnato a non arrendermi mai!!! Se fossi vissuta nel tempo di Alfonsina avrei tifato per lei! Se una persona ha un sogno è giusto che lo realizzi facendo il possibile!
    Grazie per aver scritto questo libro!!! Mi ha insegnato molte cose…
    Heidi

  335. 1
    Presanella ( Vermiglio ) 27/02/2019

    Buon giorno Tommaso
    Il tuo libro all’inizio non mi piaceva molto, ma dopo alcuni capitoli ha incominciato a piacermi.
    Ho letto dieci capitoli in un giorno senza staccarmi mai!!!
    Tutti i libri mi sono piaciuti, mi dispiace ma il mio preferito non è il tuo.
    comunque buona fortunaaaaaaaa
    Ci vedremo a Trento, cari saluti
    Da Presanella

  336. 1
    marti3006 ( Baselga di Pinè ) 27/02/2019

    Ciao, il tuo libro è bellissimo! Ci insegna che siamo tutti uguali maschi e femmine. Ciao

  337. 1
    Lelle ( Riva del Garda ) 27/02/2019

    Salve autore questo libro mi è piaciuto tanto è il libro più bello che ci sia è semplice da leggere ,mi è bastato pochi giorni per leggerlo e credo che questo libro diventerà il libro più bello al mondo .Ti congratulo buone occasioni .Grazie scrittore percivale

  338. 1
    Icardi09 ( Tione ) 27/02/2019

    Bravissimo

  339. 1
    Icardi09 ( Tione ) 27/02/2019

    Bravissimo sei stato molto bravo e il tuo libro e interessantissimo ti faccio le mie congratulazioni sei fantastico

  340. 1
    gelato ( Malè ) 27/02/2019

    Ciao Tommaso 🙂
    Il tuo libro è bellissimo !!!!!
    Alfonsina è stata molto brava a fare il Giro d’Italia del 1924 è una grande fatica farlo all’ ultima tappa tutti quei giornalisti poi. Alfonsina Strada in quel momento ha detto delle parole stupende!!
    Ti ripeto il tuo libro è BELLISSIMO !! 🙂 🙂

  341. 1
    mca digital ( Cavalese ) 27/02/2019

    Buongiorno Signor Tommaso Percivale,
    volevo chiederle se può darmi qualche anticipazione del libro” Più veloce del vento “, perché un mio compagno di classe deve finirlo e io sono curiosa di leggerlo.
    1. Perché ha voluto scrivere questo libro?
    2. Quando ha cominciato a scriverlo?
    3. Com’ è nata la sua passione alla scrittura?

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Buongiorno a te mca digital. Ecco le risposte alle domande:

      1: Perché la storia di Alfonsina è bellissima, così piena di coraggio, tenacia, colpi di scena… Dovevo raccontarla ad ogni costo.
      2: Ho cominciato nel 2015
      3: Ho capito che volevo fare lo scrittore quando mi sono accorto che attraverso i miei libri potevo cambiare il mondo. Sembra una cosa grossa, vero? Ma a me basta che uno dei miei lettori trovi il coraggio di seguire i suoi sogni dopo aver letto il libro di Alfonsina per essere ripagato di tutta la fatica. 🙂

  342. 1
    Marasialota ( Fiera di Primiero ) 26/02/2019

    Ciao il tuo libro è stupendo lo ho appena finito di leggere però il finale mi ha scoinvolto!buona serata.

  343. 1
    iottac ( Riva del Garda ) 26/02/2019

    Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto e mi ha fatto ridere quando è morta cercando di accendere la moto. Però e stato molto bello perché insegna che siamo tutti uguali e tutti possono fare tutto. Ciao

  344. 1
    Infinito ( Taio ) 26/02/2019

    Buon giorno Tommaso,
    Non le scriverò un poema solo qualche riga ….
    Volevo solo che lei sapesse quanto adoro questo libro,
    Non mi interessa se mi risponda o no ..
    Volevo solo essere sicura di quanto mi piaccia questo libro
    😄😄😄
    Perche non sono le stravaganze che rendono un libro migliore

  345. 1
    felicie08 ( Valle di Cavedine ) 25/02/2019

    ciao TOMMASO.Il tuo libro è meraviglioso!
    all’inizio non mi ha preso molto, poi un giorno mi son detta -voglio leggerli tutti i libri di sceglilibro – e ero arrivata al sesto capitolo mi sono messa a leggerlo e lo letto tutto in un giorno. La cosa bella è che è una storia vera. Non ho niente da aggiungere è sensazionale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao e buona fortuna
    felicie08

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Tutto in un giorno? Accipicchia Felicie08, questo per me è un signor complimento! Grazie mille!

  346. 1
    cate002 ( Cavalese ) 25/02/2019

    Ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto ma l’unica cosa che non mi è piaciuta molto sono i capitoli troppo lunghi tranne alcuni Comunque è un libro bellissimo.Ciao da Cate002🤗🤗

  347. 1
    kiki ( Vermiglio ) 25/02/2019

    Quando Alfonsina taglia il traguardo io mi sono sentita come ispirata e compiaciuta perché se credi nei tuoi sogni li raggiungerai sempre❤️❤️❤️

  348. 1
    kiki ( Vermiglio ) 25/02/2019

    Questo libro per me è giusto perché tutti possono seguire i propri sogni e affrontare le avversità che lo sorprendono

  349. 1
    Fendt2018 ( Pinzolo ) 25/02/2019

    Salve Signor Percivale volevo che sapesse il mio commento per il suo libro. Per me significa molto perchè anch’io ho vissuto una storia un pò come questa, mi è piaciuto molto. Arrivederci e al prossimo libro non vedo l’ora di leggere i suoi libri.

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Grazie Fendt2018, sono felice che tu mi abbia scritto della tua esperienza. Buone letture!

  350. 1
    XoxoLove ( Vezzano ) 25/02/2019

    Caro Tommaso Percivale, il tuo libro è molto emozionante anche se all’inizio non mi ispirava molto…. dopo un po’ mi è iniziato a piacere di più però. Conplimenti e un saluto!! Byee!!
    Xoxolove ❤😁

  351. 1
    icardi08 ( Castel Ivano ) 25/02/2019

    Questo libro mi è piaciuto tantissimo, Alfonsina era proprio una bambina coraggiosa, ha avuto il coraggio di perseguire il suo sogno anche se questo significava molti sacrifici e castighi duri da parte dei genitori.
    Ho imparato che una volta la vita era difficile non c’erano soldi e neppure da mangiare e le malattie molto pericolose…; nonostante tutto lei è riuscita a superare tante difficoltà ma alla fine è stata ripagata con tante soddisfazioni e immensa felicità. Brava

  352. 1
    Pherenikiepew ( Telve ) 24/02/2019

    Egregio signor Tommaso Percivale,
    Il libro che ha scritto é super appassionante. Il fatto che Alfosina usciva di nascosto di notte per usare la bici é sorprendente! Ma la cosa che più mi é piaciuta é che nonostante gli insulti e gli scoraggiamenti Alfosina andava avanti.
    Bel libro, distinti saluti.
    Pherenikiepew

  353. 1
    Wizard ( Cembra Lisignago ) 24/02/2019

    Terza parte:
    Penso che sia stato molto buono e mi
    sono dispiaciuto quando ho letto che gli avevano rubato il progetto della macchina per il caffè.
    Ho scoperto che al museo di Pergine Valsugana è esposto un paracarro rosa in ricordo di Alfonsina
    l’unica femmina che ha partecipato e concluso il giro d’Italia.
    Questo libro mi ha insegnato che bisogna crederci e lottare perché anche il sogno più
    difficile può realizzarsi.
    Potrei fare una domanda?
    Perché e quando ti è venuta l’ idea di realizzare questo libro?

  354. 1
    Wizard ( Cembra Lisignago ) 24/02/2019

    Seconda parte:
    Mi è piaciuto anche
    il modo in cui veniva praticato lo sport, ognuno si allenava come voleva e poi poteva partecipare alle gare e i corridori si aiutavano tra loro e si divertivano molto.
    Anch’io gioco a calcio ma devo andare agli allenamenti due volte alla settimana e lo scopo principale di tutti non mi sembra divertirsi e giocare insieme ma competere e essere i più forti.
    Una cosa però mi ha reso molto molto triste e pensieroso è stata la ingiusta morte di Luigi perché volevo che sopravvivesse assieme ad Alfonsina.

  355. 1
    Wizard ( Cembra Lisignago ) 24/02/2019

    Prima parte:
    questo libro mi è piaciuto molto perché parla dello sport, la cosa che preferisco. Alfonsina Prada mi assomiglia perché è molto tenace ma nello stesso tempo molto altruista.
    Penso che potrei definirla “una guerriera” perché è riuscita da sola e senza l’accompagnamento dei suoi genitori, a realizzare suo sogno
    in un’ epoca in cui per una ragazza correre in bicicletta era proibito e c’erano enormi differenze di trattamento tra i maschi e le femmine.
    Lei è riuscita a confrontarsi con i maschi e anche a superare qualcuno di loro. Sono stato felice quando in re Vittorio Emanuele III le ha regalato 5000 lire e i fiori e lei invece che acquistarsi una bicicletta nuova ha donato tutti i soldi all’ospedale dove era ricoverato Luigi.

  356. 1
    Ermione008 ( Cembra Lisignago ) 24/02/2019

    Sa ho cominciato il libro ma proprio non mi ispira.
    Non è una delle storie fatte per me.

  357. 1
    zeusalba ( San Michele all’Adige ) 24/02/2019

    Mi è piaciuto molto come l’autore racconta la storia, le parole che usa. Consiglio di leggere questo libro perché è una bella storia, avvincente al punto giusto. Alfonsina Morini, eroina del ciclismo, è un personaggio bellissimo, dotato di una grande forza e tenacia.
    Tra i 5 libri proposti, questo è quello che mi ha emozionato di pi

  358. 1
    TikTok108 ( Dimaro Folgarida ) 24/02/2019

    Caro Tommaso Percivale è molto bello “Più veloce del vento”.Poi la mamma non voleva che correva:e sopprattutto non poteva andare in bici.Ma lei è coraggiosa.Grazie che qualcuno fa questi libri.

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Ciao TikTok108, grazie per il tuo messaggio 🙂

      Non temere, continuerò a scrivere libri come questo finché riuscirò a premere i tasti della tastiera! 😀

  359. 1
    Matt24 ( Riva del Garda ) 23/02/2019

    Questo libro non era male, ma lo ho trovato un po’ scontato. Il finale lo avevo già immaginato all’inizio.

  360. 1
    MaRica SILVER 23/02/2019

    Direi che fra i cinque libri proposti anche a noi adulti questo è quello che più mi ha colpito e piaciuto. Questa bimba-ragazza di povera famiglia contadina che risparmia quanto può con la sua abilità di sarta per riuscire nei suoi sogni e intenti, ma è anche ragionevole ed altruista in famiglia. Certo dobbiamo capire i tempi diversi da oggi e i pregiudizi di allora: mi sa tanto che i nostri ragazzi di oggi sono ben lontani anche solo dall’immaginare quelle situazioni…
    Mi rimane vivo il tratto di lettura dove da piccola di statura, la Alfonsina con la grande bici del papà la guidava infilando la gamba sotto la canna. Si, perché anche noi e io da bambina per andare in bicicletta (erano quelle da adulti…) ricordo che infilavo la gamba sotto la canna e cercavo di guidare.

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Cara Marica,
      anche io ho pedalato “storto” per un paio d’estati, e se anche lì per lì non mi piaceva, col tempo si è trasformato in un caro ricordo.

      Grazie per le sue belle parole e buone letture!

  361. 1
    SUPER LIBRI ( Arco ) 23/02/2019

    Questo libro mi sta piacendo molto anche se sono all’inizio. Mi piace questo coinvolgimento durante la lettura che ti fa sentire, vedere quello che vede lei☺

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Ciao SuperLibri, il bello della lettura è proprio questo: che ti fa sentire dentro la storia, anzi, nella testa del/della protagonista!
      Se ci pensi solo i libri lo sanno fare. Un film o un fumetto, per quanto bellissimi, non riescono mai davvero a farti sentire lì.
      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  362. 1
    Daria ( Cembra Lisignago ) 23/02/2019

    ciao Tommaso, il tuo libro mi ha entusiasmato sin da quando il bibliotecario ci ha presentato i libri.
    Perché questo libro è pieno di sentimenti ed emozioni che ti incuriosiscono ad andare avanti a leggerlo.
    Complimenti Tommaso.

  363. 1
    Supergirl ( Ala ) 22/02/2019

    Il suo libro mi è piaciuto molto. Come Alfonsina anche io adoro andare in bicicletta, è meraviglioso. Senti la brezza nei capelli e il vento che ti viene addosso, è una sensazione fantastica. Consiglierei di leggere questo libro perché è meraviglioso, e parla di come le donne possano fare tutto quello che possono fare anche gli uomini, perchè certi uomini si credono i più forti, i più intelligenti ecc…. ma qualche volta non lo sono altre invece sì. Secondo me il personaggio più riuscito è Alfonsina perché ha ispirato molte donne facendole inseguire i loro sogni. Questa storia mi ha tenuto molto in sospeso, non riuscivo più ha staccarmi dalle pagine di questo libro.
    Una frase che mi è rimasta impressa nella mente è: e da donna che era, diventò una leggenda, un’ altra frase che mi è rimasta impressa è la seguente: aveva cambiato il mondo del ciclismo per sempre, e con la sua storia, ancora oggi, ci ricorda che nessun sogno è troppo grande per essere inseguito . E che col lavoro, l’impegno e una passione sconfinata, l’impossibile diventa possibile. Questo libro mi ha insegnato che tutti i sogni si possono realizzare TUTTI nessuno escluso. Mi ha insegnato che bisogna essere sempre forti, altrimenti non potrai realizzare i tuoi sogni. Se dovessi dare un voto a questo libro darei 10 perché è meraviglioso, fantastico e sorprendente. Questo libro è uno tra i miei libri preferiti.

    • 1
      Tommaso Percivale 04/03/2019

      Grazie per il 10 , Supergirl!

      E posso chiederti quali sono gli altri tuoi libri preferiti? Magari ne leggo qualcuno anche io! 🙂

      • 1
        Supergirl ( Ala ) 29 days ago

        alcuni dei miei libri preferiti sono: After, io sono Malala, Wonder, le cronache di Narnia , Spirit Animals ( è una saga) , la storia di Fiordaliso

  364. 1
    GIGI 13 ( Fiera di Primiero ) 22/02/2019

    Hai scritto anche altri libri???????

  365. 1
    amoirinco ( Romeno ) 22/02/2019

    Caro Tommaso Percivale il tuo libro mi è piaciuto molto soprattutto essendo povera ha avuto i soldi e si è comprata una bici il suo sogno.Ciao a presto

  366. 1
    Rompi120 ( Riva del Garda ) 21/02/2019

    Molto carino ma non mi piace la parte in cui una persona eemmhhh……..muore

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Ciao Rompi120, in verità anche a me non piacciono le storie che finiscono con la morte del protagonista. Ma qui si parla della vera storia di Alfonsina Strada, della sua vita intera. Secondo me andava raccontata anche la sua morte perché dimostrava quanto fosse tosta la nostra ciclista 🙂
      Alfonsina ha avuto una vita movimentata ma molto bella, lei per prima non vorrebbe che fossimo tristi a causa sua!

  367. STORM ( Mezzolombardo ) 21/02/2019

    Ciao Tommaso, ho iniziato da qualche giorno il tuo libro. Ho una domanda da farti, perchè gli uomini di una volta chiamavano ”macchina” la bicicletta, se le macchine esistevano già?

    Ciao da Storm.

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Ciao Storm, bella domanda!

      La bici ha cambiato molti nomi e molte “forme” durante la sua storia. Per esempio c’erano la “draisina”, il biciclo o il velocipede. Esisteva perfino “il bicicletto”, al maschile!
      Ma quando la bicicletta è diventata popolare, diciamo famosa, la gente l’ha chiamata semplicemente “macchina”.
      Dopo qualche anno è accaduta la stessa cosa con le automobili.
      Le persone tendono sempre a semplificare 🙂

      Se hai altre domande spara pure, sono qui per questo! 🙂

  368. 1
    Voldemort ( Tione ) 21/02/2019

    Il libro non mi è piaciuto perchè la bambina ha disubbidito al papà

  369. 1
    SaxBrina ( Cembra Lisignago ) 21/02/2019

    il libro mi è piaciuto tanto perché la protagonista è coraggiosa e forte è riuscita ha fare tutto il giro d’italia.
    Il mio capitolo preferito è stato il numero 7

  370. 1
    NIKI123 ( Ville d’Ananunia ) 21/02/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perchè insegna l’importanza di lottare per realizzare i propri sogni senza arrendersi mai!

  371. 1
    Gioia8 ( Riva del Garda ) 21/02/2019

    Mi è piaciuta la parte in cui Alfonsina dice che, anche avendo tante ferite fatte con la bici di suo papà, lei quasi non le sentiva.
    Questo libro può far capire che tanto tempo fa facevano lavorare anche i bambini e Alfonsina anche prendendo pochi soldi è riuscita comunque a prendersi una bici.
    Grazie per questo bel libro!

  372. 1
    dani10 ( Ala ) 21/02/2019

    Il libro mi è piaciuto molto perché questa ragazza già dalla sua prima gara ha sognato di partecipare al Giro d’Italia e lei ha fatto di tutto per seguire il suo sogno.
    Non si è arresa anche se aveva tanti contro; per esempio la madre, i giornalisti e gli avversari.
    Lei ha realizzato il suo sogno e, anche se è arrivata ultima, è riuscita a completare il Giro d’Italia ed è stata orgogliosa di se stessa.

  373. 1
    nico4 ( Ala ) 21/02/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto.
    perché anche a me piace andare in bici e quindi è stato molto scorrevole da leggere.
    Vorrei fare qualche domande :
    lei a quanti anni ha iniziato a scrivere libri?
    in quale anno Ha scritto questo libro?

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Ciao Nico,
      ho cominciato a 28 anni o giù di lì. Il mio primo libro importante è stato Ribelli in Fuga, pubblicato nel 2013. Ho scritto Più veloce del vento nel 2016.

      Se hai altre domande spara senza riserve!

  374. 1
    lore14 ( Ala ) 21/02/2019

    Buongiorno.
    ll Suo libro mi è piaciuto tanto,già dalla prima pagina mi entusiasmava molto.
    All’inizio pensavo che mi avrebbe annoiato però, andando pagina per pagina, non mi passava mai la voglia di leggerlo.
    Il libro mi è piaciuto tanto anche perché parla di uno sport che mi piace molto, cioè l’andare in bici. Il libro lo descrive uno sport molto impegnativo, ma anche molto divertente da fare in compagnia. Mi è piaciuto molto questo libro molto avventuroso. Non vedo l’ora di leggere il Suo prossimo libro.

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Grazie Lore14, il tuo messaggio è per me un grandissimo complimento. Se vuoi leggere altri miei libri chiedi in biblioteca o in libreria, ce ne sono alcuni che parlano di libertà, coraggio e ribellione come nella storia di Alfonsina.

  375. 1
    alice ( Ala ) 21/02/2019

    Questo libro è stato un po’ complicato da capire però, in fondo, mi è piaciuto perché fa capire che anche le femmine possono essere forti quanto i maschi.
    Mi ha colpito la parte del libro in cui Alfonsina, pur di imparare ad andare in bicicletta, si feriva continuando a cadere.☺♥

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Ciao Alice, per imparare qualcosa di nuovo è sempre necessario fare un sacrificio. Ma se ci tieni davvero ogni sforzo sarà ripagato da un’immensa soddisfazione 🙂

  376. 1
    Guido SILVER 20/02/2019

    Conoscevo solo per fugace lettura la figura di Alfonsina Strada, qualcosa forse letto sulla Gazzetta dello Sport in occasione dei vari Giri d’Italia. Io sono da vario tempo “praticante” assiduo della bicicletta, rampichino; non ho mai fatto gare ma mi piace molto fare questo sport per occupare il tempo libero e mantenermi in salute. Vivo in montagna e quindi gli spostamenti e quindi gli spostamenti comportano fatica!
    La nostra Alfonsina doveva avere un fisico e una tempra eccezionali e soprattutto il coraggio di andare contro il pensare comune che voleva la donna al lavoro di casa e a “fare figli”. Un bell’esempio di quanto hanno ottenuto le donne di oggi nel giro di un secolo, donne di oggi che diversamente da Alfonsina dovrebbero invece trovare il coraggio e il sostegno per riprendere a “fare figli” …

    • 1
      Tommaso Percivale 28/02/2019

      Buongiorno Guido, penso che oggi le donne siano molto più considerate rispetto ai tempi di Alfonsina, ma c’è ancora tanta strada da fare.
      Grazie per il suo messaggio!

  377. 1
    scimmietta ( Cembra Lisignago ) 20/02/2019

    ciao Tommaso,
    a me il tuo libro mi ha ispirato molto perché per me che faccio molto sport, mi piace leggere libri di questo genere.
    Spero di poter leggere ancora libri tuoi.

  378. 1
    Matty25 ( Vezzano ) 20/02/2019

    Questo libro non mi è piaciuto perchè: è troppo descrittivo. però una cosa l’ ho imparata se una persona vuole fare una cosa basta aver la voglia e il coraggio di farla

  379. 1
    ERBETTAsoffice ( Sen Jan di Fassa ) 20/02/2019

    Caro signor Percivale, il suo libro mi è piaciuto abbastanza… purtroppo a me non piacciono tanto questo genere di racconti, ma se mi piacessero sono più che sicura che il suo sarebbe stato molto bello. Inoltre raccontava una bella storia interessante e anche divertente ed era scritto benissimo!!! (Non pensi che lo dico solo per farle un piacere perché sono cose vere!)

    Spero che mi risponda presto, ciao ciao!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 25/02/2019

      Ciao ErbettaSoffice, grazie per il tuo messaggio!

      Poco fa ho scritto una risposta a Ivy38 che potrebbe interessarti 🙂

      Buone letture!

  380. 1
    Falco341 ( Cembra Lisignago ) 20/02/2019

    Ciao Tommaso,
    Sto leggendo questo libro e ti devo dire che è bello. Questo libro mi comunica di non smettere di sognare e che tutti possono sognare. Mi sembra molto simile a ‘Il delfino’ è solo che al posto della bici c’è l’onda e al posto di Alfonsina c’è un delfino eccetera. Mi dispiace che abbia perso molte cose e che la sua famiglia sia così severa. Saluti dalla mia famiglia
    😄😄😄🖐️

  381. 1
    gatto207 ( Mezzolombardo ) 20/02/2019

    Ho letto questo libro con poco interesse, mi sembra leggermente noioso ( mia opinione).

  382. 1
    lulu ( Denno ) 20/02/2019

    Ciao Tommaso , il tuo libro mi è piaciuto un sacco soprattutto il capitolo 7. Complimenti è molto bello.

  383. 1
    sofia6 ( Ala ) 20/02/2019

    Caro tommaso, ho letto il suo libro , ed è veramente bello, perchè è pieno di emozioni, come la felicità di Alfonsina quando taglia il traguardo della gara del giro d’ Italia, oppure la tristezza che prova alfonsina quando, le si buca la ruota della bicicletta. E mi piace molto questo lbro anche perchè,parla di questa donna, che è riuscita a realizzare un suo sogno,è una cosa bellissima.
    Questo libro mi ha fatto capire che le donne, possono fare le stesse cose che possono fare anche gli uomini.

    • 1
      Tommaso Percivale 25/02/2019

      Grazie Sofia6, il tuo è il complimento più grande che si possa fare ad uno scrittore!

  384. 1
    Nata per vivere ( Arco ) 20/02/2019

    Ciao ho finito di leggere il libro ieri… all’inizio mi sembrava noioso ma andando avanti coi capitoli è diventato molto interessante e non riuscivo più a smettere la cosa che mi è piaciuta di più è stata quando, alla fine del libro, c’era scritto che era tratto da una storia vera. Sono stata stupita dalla immensa forza di volontà di Alfonsina.

  385. 1
    ivy38 ( Ala ) 20/02/2019

    Salve Tommaso, devo essere sincera: a me non piacciono i libri di questo genere ma ammetto che questo mi ha fatto emozionare. Come si è battuta Alfonsina per realizzare il suo sogno ovvero quello di diventare una ciclista mi ha fatto capire che non bisogna mollare. Anche se sapeva che era donna non si arrese… decise di andare avanti… di realizzarlo… questo libro mi è piaciuto molto. Mi sono sentita la protagonista. Mi sono sentita la donna che ha cambiato il mondo del ciclismo. La donna che anche dopo tutte le prese in giro non ha mollato, non ha lasciato il suo sogno, l’ha realizzato. Devo farle i miei complimenti: il libro è bellissimo.

    • 1
      Tommaso Percivale 25/02/2019

      Ciao Ivy38!

      Il tuo messaggio mi ha colpito e voglio rivelarti un segreto: anche io non sono un grande amante di questo genere. Non seguo molto lo sport e soprattutto non seguo il ciclismo, ma la storia di Alfonsina mi ha colpito così tanto che ho deciso di fare il triplo della fatica per imparare i segreti dei corridori di quegli anni. È stato difficile e bellissimo, e in un certo senso mi sembra che la mia esperienza, come scrittore, sia molto simile alla tua di lettrice.
      Non è bellissimo?

  386. 1
    giuseSILVER 20/02/2019

    Ho letto questo libro della storia di Alfonsina con molta curiosità. Destava in me ricordi di racconti e fatti della vita vissuta dai miei genitori. Miseria e povertà vissuta dai genitori di Alfonsina era più faticosa e amara. Avvenimenti al giorno d’oggi inconcepibili, da non credere. Eppure io l’ho capita e di riflesso anche vissuta. Per questo modo di vivere insostenibile la ragazza molto astuta e determinata voleva uscire da questa situazione cercando l’alternativa! Scoperta la prima “macchina”, come allora chiamavano la bicicletta, si è buttata a capofitto nell’impresa più ardua e imprevedibile, imparando a guidare le due ruote e mettersi in gara per il Giro d’Italia come prima donna, guardata male da tutti i partecipanti, solo maschi. Ha vinto la sua battaglia mettendo a rischio la propria vita! … e scoprire che un altro modo per vivere meglio c’era e l’attendeva.
    Ha dimostrato alla grande che l’impegno e determinatezza portano a risultati insperabili.

    • 1
      Tommaso Percivale 20/02/2019

      Ciao Giuse, grazie per il tuo messaggio! Mi ha dato l’opportunità di riflettere su una cosa.
      Ai primi del ‘900 c’era molta miseria, era per certi versi normale. Oggi le cose vanno molto meglio, ma c’è tantissima povertà che non vediamo, “nascosta” per vergogna o perché segregata.
      Giusto l’altra sera ho sentito Gino Strada che diceva che 11 milioni di Italiani non riescono più ad accedere alle cure della Sanità Pubblica. Cioè non possono permettersi neanche il ticket. È un numero che mi ha fatto davvero impressione e che mi fa pensare che, forse, non conosco poi così bene la situazione della nostra Italia.

  387. 1
    Princy07 ( Telve ) 19/02/2019

    Ciao Tommaso Percivale.
    Mi è piaciuto molto il suo libro, la forza e la bravura di Alfonsina sono proprio le sue caratteristiche, e per questo motivo la finale del libro era da leggere tutto d’ un fiato!
    All’inizio non è stato molto facile iniziarlo ma poi, poco a poco, chilometro dopo chilometro mi ha invitato a finirlo in brevissimo tempo. Un libro che consiglierò.

  388. 1
    Leoncinapelodorokira ( Mezzolombardo ) 19/02/2019

    Il libro e stato bellisimo!!! Non è giusto che le ragazze vengano sottomesse, e per gli amanti della lettura e della bici lo consiglio molto. Io l’ho letto in 2/3 giorni quindi è molto semplice da leggere e da riassumere spero di vederti presto e auguri per il tuo nuovo libro ! 😊

  389. 1
    ire07 ( Ala ) 19/02/2019

    Caro signor Tommaso Percivale il suo libro è strabiliante, ti toglie il fiato. Durante la lettura ho provato emozioni contrastanti. Quando quasi alla fine scoppia la guerra temevo che Alfonsina avrebbe mollato ma ovviamente con il suo spirito da guerriera ha superato i momenti bui e ce l’ha fatta. Spesso si crede che la libertà sia qualcosa di scontato ma se si pensa che neanche tanto tempo fa le donne non potevano neanche andare in bici è impressionante. Alfonsina è riuscita a seguire il suo sogno anche se molti la scoraggiavano, compiere il giro d’Italia ma non per vincerlo ma per dimostrare a tutti che ce la poteva fare. Il momento più triste è quando decide di lasciare suo marito, non ci potevo credere ero sconvolta. Consiglierei questo libro soprattutto perché ti insegna a non mollare i propri sogni e dare tutto per inseguirli.
    Tanti saluti da ire07

    • 1
      Tommaso Percivale 20/02/2019

      Ciao Ire, mi hai lasciato un messaggio proprio bello!

      Quando scrivi che la libertà è qualcosa di scontato mi fai venire in mente una cosa che ho letto: la libertà non si può dare ma si può solo prendere.
      Significa che se qualcuno ti concede una libertà, in realtà non sei libero affatto. L’unico modo per essere liberi davvero è volerlo, desiderarlo con tutte le forze e poi ribellarsi. Alfonsina ha fatto proprio questo: ha combattuto per la sua libertà e la sua battaglia ha un grande significato per le altre donne, sportive o meno.

      Poi mi scrivi del momento in cui decide di lasciare suo marito. Parli di Luigi Strada? Il povero Luigi, un uomo davvero interessante ma molto fragile, quando è finito nell’istituto non era più lui. Schiacciato da una depressione terribile poteva essere aiutato solo da uno specialista. Se Alfonsina gli fosse rimasta vicina più a lungo non avrebbe potuto fare nulla di più.
      Però lo ha amato tutta la vita, di questo sono certo.

  390. 1
    rey ( Arco ) 18/02/2019

    Caro Tommaso il tuo libro mi è abbastanza piaciuto ed è molto interessante!
    Baci rey!

  391. 1
    frappe ( Terres ) 18/02/2019

    Salve signor Tommaso, sono una bambina della scuola primaria di XXX.
    Mi è piaciuto che Alfonsina ha fatto di tutto per realizzare il suo sogno.
    Non mi è piaciuto che suo papà la picchiava.
    Mi sono riconosciuta in Alfonsina perché continua a fare le cose fino a quando non le riescono, un po’ come me.
    Era divertente quando Alfonsina durante una gara gli si era rotto il manubrio e per sostituirlo usò un manico di scopa.
    Vorrei dirle che il suo libro era noioso la prima parte e la seconda era più bello e più emozionante perché parlava delle gare di Alfonsina.
    Del suo libro cambierei il comportamento dei suoi genitori. Scriverei che loro la sostenevano e l’ aiutavano a realizzare il suo sogno di correre in bicicletta.
    Grazie per il bel libro!

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Frappe, grazie per il tuo interessantissimo messaggio!

      Purtroppo non posso cambiare quella parte. I suoi genitori erano davvero così e il fatto che le proibissero di andare in bici rende la sua storia ancora più importante. Quando ha cominciato a correre Alfonsina non aveva niente: non aveva denaro, non aveva conoscenze e non aveva neanche il sostegno dei suoi genitori. In pratica era sola e doveva credere in sé stessa per poter andare avanti.
      Capisci che intendo?

  392. 1
    e-pet.8 ( Castel Ivano ) 18/02/2019

    Caro Tommaso,
    il tuo libro è veramente magnifico, specialmente per me che sono donna dalla testa ai piedi, benché dalla testa ai piedi non ci sia ancora molta distanza!
    Mi è piaciuto che questa ragazza abbia superato tutti i pregiudizi e sia riuscita ad avverare il suo sogno.

    • 1
      Tommaso Percivale 25/02/2019

      Ciao e-pet.8 (questo è un nome da androide!) ,

      io sono fermamente convinto che ciascun essere umano abbia il diritto di vivere la vita come desidera. Ne abbiamo una sola, e per di più è corta e fragile. Dobbiamo cercare di usarla al meglio, anche sbagliando. L’importante è dare sempre il massimo!

  393. 1
    fedz07 ( Lavis ) 17/02/2019

    Il libro mi è piaciuto perché raccontava la vita intera di Alfonsina e le difficoltà che ha dovuto affrontare per finire il giro d’Italia in quanto donna.

  394. 1
    FLESHINO_SNIPER ( Riva del Garda ) 17/02/2019

    “Più veloce del vento” è un libro assai avvincente, ma con alcuni punti morti che annoiano il lettore. Bella comunque l’ idea di raccontare le difficoltà che c’ erano a quei tempi per le donne che non volevano stare chiuse in casa, ma volevano vivere la propria vita!

  395. 1
    ert ( Mezzocorona ) 17/02/2019

    ottimo libro

  396. 1
    Jennifer ( Folgaria ) 17/02/2019

    Mi è piaciuto quando Alfonsina, nel quarto capitolo “Ago e filo”, impara a ricamare: ha utilizzato delle parole complesse ed articolate, complimenti! Inoltre, in quel momento, mi sembrava di essere lì con i protagonisti e ricamare insieme a loro, quindi tornare a quell’epoca e conoscere meglio le usanze del tempo. Ho imparato che si possono fare molte cose all’aperto, invece che starsene rinchiusi in casa, per esempio fare una passeggiata con le amiche. Un saluto da Jennifer

    • 1
      Tommaso Percivale 25/02/2019

      Ciao Jennifer, una curiosità: una volta gli pneumatici delle biciclette erano nastri di seta con una striscia di gomma i quali venivano cuciti intorno alla camera d’aria. Quando si bucava una gomma bisognava scucire una parte del nastro, riparare la camera d’aria, e poi effettuare una nuova cucitura. Era un lavoro che richiedeva molta precisione e esperienza. Quasi tutti i ciclisti non sapevano come fare perché non avevano mai preso in mano un ago in vita loro. Alfonsina, invece, faceva la ricamatrice, per cui lo trovava facilissimo. Tra i corridori, era diventata famosa per questa sua capacità e spesso riparava anche le gomme degli altri 🙂

      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  397. 1
    Zaffirolunare ( Mezzolombardo ) 17/02/2019

    Ciao Tommaso,
    sono venuta a farti un salutino ! Come va ???

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Zaffiro, grazie per essere ripassata!
      Ho cominciato a scrivere un libro che uscirà in estate per Mondadori e sono molto indaffarato, ma quando scrivo sono felice.

      E tu che mi dici? Hai letto qualche libro interessante?

      • 1
        Zaffirolunare ( Mezzolombardo ) 18/02/2019

        Non c’è problema…
        Sono felice per te ! Puoi dirmi come si chiamerà il libro ??? Così vado a prendermelo in biblioteca st’estate !
        Comunque nell’ ultimo periodo nella lettura mi sono dedicata soprattutto alla lettura di Sceglilibro, di solito leggo più di un libro insieme perchè lo trovo divertente ! Anche quando leggevo il tuo libro ho fatto così !!!

        • 1
          Tommaso Percivale 25/02/2019

          Il libro si intitola “Il caso del villaggio scomparso”, ed è il seguito de “Il caso dei sessantasei secondi” che invece uscirà ad aprile. Come vedi non mi posso mai fermare!

          Davvero leggi più di un libro per volta? Io non ce la farei, mi devo concentrare su uno solo e finché non l’ho finito, o abbandonato, non penso ad altro. È lo stesso anche come scrittore, devo concentrarmi su un progetto per volta, mentre ci sono altri scrittori che riescono a gestire più libri insieme.
          Mio commento: siete matti! 😀

  398. 1
    Salsa piccante ( Terres ) 16/02/2019

    Non mi è piaciuto per niente perché era noioso
    😴💤

  399. 1
    agnellino ( Roncegno ) 16/02/2019

    ciao tommaso mi è piacuto il tuo libro ma c’èrano delle parole che non capivo

  400. 1
    Cavallo07 ( Arco ) 16/02/2019

    a me è piaciuto quando ce l’ha fatta. Quello che non mi è piaciuto è quando il papà voleva un maschio invece di una femmina.

  401. 1
    Lollo08 ( Cavalese ) 14/02/2019

    Ciao Tommaso, ho letto il tuo libro, e ti posso affermare che è veramente stupendo: pieno di emozioni e sentimenti, ad esempio la felicità di quando Alfonsina taglia il traguardo del giro d’Italia oppure la tristezza di quando le si buca una ruota.
    Ti volevo riferire che ho digitato il nome di Alfonsina Morini su internet e sono risultate le sue fantastiche foto e avventure.
    COMPLIMENTONI TOMMASO.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Lollo08, hai visto che tipa tosta che era la nostra Alfonsina?
      Anche io ho frugato internet da cima a fondo, perché avevo bisogno di tantissimi documenti per poter scrivere il romanzo. Forse la ricerca è la parte della lavorazione che mi piace di più perché scopro sempre cose nuove e interessanti.
      Grazie per il tuo messaggio e a presto!

  402. 1
    Stiwi ( Valle di Cavedine ) 14/02/2019

    Il tuo libro è bello, ma la prima parte non mi è piaciuta molto la fine invece mi è piaciuta tantissimo ciao.

  403. 1
    Frutta21 ( Cembra Lisignago ) 14/02/2019

    Il più veloce del vento mi è piaciuto molto perché parla di una bambina che è diventata famosa.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Frutta21, a me piace la storia di Alfonsina perché lei è diventata felice 🙂

  404. 1
    Marasialota ( Fiera di Primiero ) 13/02/2019

    Ciao Tommaso Percivale ho adorato il tuo libro soprattutto all’inizio quando Carlo non è contento che è nata Emma!Ci vediamo.

  405. 1
    annabellissima ( Valle di Cavedine ) 13/02/2019

    Sto per iniziarlo spero che mi piaccia

  406. 1
    farfalla1 ( Riva del Garda ) 13/02/2019

    Complimenti vivissimi! Devo proprio dire che il libro che ha scritto è molto interessante. Parlare di questa donna,che mettendoci tutta la sua volontà,è riuscita a realizzare il suo sogno,in un periodo in cui le signore non potevano comportarsi come gli uomini, mi ha fatto fare un viaggio nel passato. Un fantastico a fianco di Alfonsina e la sua bicicletta! Mi è sembrato di essere con lei durante le sue imprese! Questa lettura mi ha permesso di scoprire quanto coraggio possono mostrare le persone che cercano di inseguire il loro sogno,pur facendomolti sacrifici.
    Davvero un’ esemplare storia al femminile!! Spero ne scriverà altre così! 🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Farfalla1, grazie mille!!!

      Per uno scrittore non c’è niente di più importante del trasmettere le emozioni ai propri lettori 🙂

      Ho già scritto altri romanzi come Più veloce del vento, per esempio Ribelli in fuga e Dalla montagna il tuono. Tutti parlano di giustizia, coraggio, ribellione e di quanto sia importante fare la scelta giusta. Spero che ti piaceranno!

  407. 1
    Aurel05122007 ( Folgaria ) 13/02/2019

    Caro Tommaso Percivale ho letto il tuo libro “Più veloce del vento”, mi è piaciuto moltissimo perché racconta la storia di una ragazza molto coraggiosa, che non aveva paura di fare quello che riteneva giusto nonostante la contrarietà di sua madre, che gli diceva : “non puoi andare in giro con i pantaloncini corti perché sei una donna e le donne non possono andare in giro con i pantaloncini corti.” Mi e piaciuta soprattutto la parte in cui Alfonsina ha voluto dimostrare tutta la sua forza di volontà. Complimenti.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie per il tuo messaggio Aurel. A volte i nostri genitori ci vogliono proteggere da tutto e tutti ma così facendo ci impediscono di crescere e di diventare ciò che desideriamo. Non è colpa loro ma in certi casi, come quello di Alfonsina, bisogna proprio ribellarsi 🙂

  408. 1
    serpente ( Arco ) 13/02/2019

    Ciao Tommaso, questo è quasi sicuramente il libro che mi ha entusiasmato di più per tutte le sfide fatte da Alfonsina fino ad arrivare al giro d’Italia. È stato bello leggere le sue imprese sulla bicicletta e il modo in cui se l’è procurata. È uno dei libri più avvincenti che abbia mai letto, spero ne farai tanti altri il più presto possibile.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie Serpente, io scrivo tutti i giorni, non mi fermo mai!
      Ma se ti è piaciuto questo magari ti possono piacere gli altri miei romanzi che parlano di libertà, giustizia ed uguaglianza. Per esempio Ribelli in fuga o Dalla montagna il tuono.
      Grazie per il tuo messaggio!!!

  409. 1
    Boai SILVER 13/02/2019

    Ho letto con interesse questo libro, dice che una persona che si prefigge di raggiungere una meta se è costante il suo impegno spesso ciò si avvererà.

  410. 1
    cagnolina123 ( Ville d’Ananunia ) 13/02/2019

    ciao all inizio il tuo libro non mi è piaciuto tanto ma sono andata avanti e mi è piaciuto perchè Alfonsina è stata la prima a fare il giro d Italia

  411. 1
    sciorni ( Sen Jan di Fassa ) 13/02/2019

    Caro Tommaso Percivale, non ho ancora cominciato il tuo libro ma credo che avrà un bellissimo significato
    come gli altri 4 libri che ho letto finora.

  412. 1
    Gattina Bianca ( Roncegno ) 13/02/2019

    Ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto tutto però ci sono 2 cose che non capisco la prima se è una storia vera e la seconda se il nome Alfonsina lo hai inventato tu.

    Un super bacione da Gattina Bianca

  413. 1
    St007 ( Riva del Garda ) 12/02/2019

    Ciao Tommaso. Ho letto il tuo libro e non mi ha preso. Se fossi stata un po’più grande, la trama mi sarebbe piaciuta, ma non è stato così.
    Magari ero solo io.
    Ci vediamo alla prossima

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Chissà St007, magari tra qualche anno lo riprenderai in mano e riuscirà a conquistarti 🙂

  414. 1
    Pesciolina ( Vezzano ) 12/02/2019

    Mi è piaciuto molto il libro, anche se all’inizio non capivo molto

  415. 1
    Cupcake ( San Michele all’Adige ) 11/02/2019

    Caro Tommaso,
    Hai scritto un libro meraviglioso,io ho trovato il tuo libro molto istruttivo perché mi ha insegnato(attraverso la storia di Alfonsina) che tutto è possibile e che se vuoi realizzare un sogno basta continuare a lottare contro ogni ostacolo..
    .. Ancora complimenti per questo libro stupendo!!!
    Ciaooo😀

  416. 1
    GreenX ( Cles ) 11/02/2019

    Il libro tuo libro mi è piaciuto molto, all’inizio era noioso, poi la storia si è fatta sempre più interessante.
    Alla prossima.
    😁🥇

  417. 1
    Chiocciolina14 ( Arco ) 10/02/2019

    Papalo, la protagonista di questo libro, Alfonsina, è veramente esistita; infatti nel libro “Storie della buona notte per bambine ribelli (100 vite di donne straordinarie)”, è contenuta la storia della mitica Alfonsina Strada.
    Chiocciolina14.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      È vero Chiocciolina. Puoi trovare la sua storia anche nella graphic novel “Cattive ragazze” oppure nel saggio “Gli anni ruggenti di Alfonsina Strada”, che è stata una delle fonti che ho consultato per scrivere il mio romanzo.

  418. 1
    rob2007 ( Riva del Garda ) 10/02/2019

    All’inizio non capivo molto la storia ma andando avanti l’ ho capito e alla fine mi è piaciuto molto

  419. 1
    papalo ( Mezzolombardo ) 10/02/2019

    All’ inizio facevo fatica a capire la storia ma andando avanti con il libro ho cominciato a capirla e alla fine mi sono appassionata così tanto al libro che non riuscivo a chiuderlo. Molto bello!

  420. 1
    papalo ( Mezzolombardo ) 10/02/2019

    Buongiorno, volevo chiederle se Alfonsina Morini-Strada è esistita realmente o è un personaggio usato per raccontare una storia vera.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Papalo,
      Alfonsina è vissuta davvero e io ho raccontato fedelmente la sua vita. Mi sono inventato qualcosa qui e là per esigenze narrative, soprattutto quando lei è una bambina (per esempio Iacopo è una mia invenzione) ma per il resto è tutto vero 🙂

  421. 1
    Montagna di rapaci ( Lavis ) 09/02/2019

    Caro Tommaso,
    mi è piaciuto molto il tuo libro ,ma anche molto lungo e per questo è stato complicato per me leggerlo. Mi ha stupito che Alfonsina è stata la prima donna che ha fatto il Giro d Italia.
    CIAO!

  422. 1
    Autunno ( Riva del Garda ) 09/02/2019

    Mi è piaciuto molto questo libro perchè mi appassiona il volere di Alfonsina a realizzare i propri sogni anche se i suoi genitori non vogliono che lei vada in bicicletta ma vogliono che sia una signorina per bene e che ricami come tutte le signorine.

  423. 1
    Frost Walker ( Mezzolombardo ) 09/02/2019

    Amo il tuo libro e bello ma non lo ho trovato stupendo

  424. 1
    modric ( Telve ) 08/02/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perché sono un appassionato di bicicletta e perché ho capito che bisogna credere nei propri sogni. Secondo me Lei ha usato un lessico un po’ difficile ma originale. Credo di aver imparato tante prole nuove leggendo questo libro.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie Modric, leggere serve anche a questo: imparare cose nuove.
      Ma per me la cosa più importante di tutte è la storia, che deve meravigliare ed affascinare.
      Grazie per il tuo messaggio, a presto!

  425. 1
    lucy ( Riva del Garda ) 08/02/2019

    Ciao Tommaso,
    ho letto il tuo libro e mi è piaciuto tanto!!!!
    all’inizio ho fatto fatica a capire il passaggio da bambina a adulta.
    ma poi mi sono regolata subito.
    non avrei mai voluto smettere di leggere il tuo stupendo libro perché non avrei mai pensato che Alfonsina avrebbe potuto avverare il suo sogno.
    Vai avanti cosi perché i tuoi libri sono favolosi e fanno venire voglia di leggere.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie per il tuo messaggio Lucy, continuerò a scrivere ancora tantissimi libri: PROMESSO!!!

  426. 1
    ABC ( Arco ) 08/02/2019

    Ciao Tommaso Percivale, il tuo libro mi è piaciuto molto anche se all’inizio ho avuto qualche difficoltà a partire perché il contesto era molto diverso da quello che conosco visto che al giorno d’oggi le donne possono fare tutte le cose che fanno gli uomini. Ma ho capito che è proprio grazie a donne come Alfonsina se noi abbiamo queste possibilità. Alfonsina è una ragazza molto determinata che lotta contro tutti per inseguire i suoi sogni senza mollare mai. Mi piacerebbe essere come lei.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao ABC, vorresti essere come Alfonsina? Io penso che sia possibile. La ricetta è: avere un sogno, desiderarlo immensamente, impegnarsi fino in fondo senza contare le gocce di sudore o le cadute. Con tenacia, talento e fortuna è possibile raggiungere i sogni più grandi!

  427. 1
    Marghe SILVER 08/02/2019

    Questa ragazza Alfonsina Strada rimane un mito nel mondo del ciclismo italiano dei primi Novecento. Nella famiglia di contadini dove era nata ci voleva forza di braccia e coraggio per lavorare la terra. Anche per questo lei è tenace nelle sue idee: vuole correre in bici, col lavoro di sarta riesce a comperarsene una e poi non la ferma più nessuno: lotta per il suo obiettivo, per le contrarietà della famiglia, contro la derisione dei maschi. E alla fine credono nella sua forza e capacità. Una vera “Principessa a due ruote”.
    Grazie del tuo impegno di scrittore!

  428. 1
    Piera SILVER 08/02/2019

    Il libro mi è piaciuto molto: questa storia di una donna ciclista che ha cominciato per passione fino a gare nazionali e internazionali. Ha aperto la strada del ciclismo alle donne! Questa vera vicenda ci racconta anche del Giro d’Italia 1924: il primo traguardo di Alfonsina non era vincere ma partecipare.

  429. 1
    ktm 450 ( Romeno ) 08/02/2019

    Caro Tommaso Percivale, purtroppo, a me il tuo libro non è piaciuto molto, non è riuscito a creare in me l’entusiasmo e la “golosità” nella lettura. Mi dispiace tantissimo…. ciao e grazie

  430. 1
    Davi07 ( Dimaro Folgarida ) 07/02/2019

    È molto bello questo libro perché dice che anche una femmina può andare in bicicletta ed essere molto brava .
    Quindi grazie 🥰

  431. 1
    PERVINCA ( Fiera di Primiero ) 07/02/2019

    Ciao Tommaso,
    ho letto il tuo libro e devo dire che è bellissimo!!
    Mi è piaciuto perchè parla di sport (e a me piace molto) e perchè il tuo libro fa capire che le donne possono fare le stesse cose degli uomini. Il tuo libro finora è quello che mi piace di più!!
    ciao e buona giornata.
    Pervinca

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Pervinca, anche io credo fermamente che questo mondo non sarà giusto finché le donne saranno considerate inferiori agli uomini.

      Buona giornata a te!

  432. 1
    VeRa goSvi ( Arco ) 06/02/2019

    Caro Tommaso
    Ispirata al suo libro e al mio commento precedente mi è venuta in mente questa frase di Baden Powell: “quando la strada non c’è inventala ! “ 🏕🏕🏕🏕

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao di nuovo!

      Anche io sono un grande fan di Sir Baden Powell! Anni fa ho scritto un libro sugli scout (Ribelli in fuga) e ho studiato i suoi libri. Era un uomo davvero grande!

  433. 1
    Picciqu ( Riva del Garda ) 06/02/2019

    Ciao
    Il libro mi piace tantissimo
    All’inizio non mi ha ispirato così tanto poi man mano che leggevo mi ha intusiasmato molto di più
    Io faccio tanto sport come Alfonsina e mi piace molto che anche il libro parli un po’ di questo insieme al sacrificio.
    Ciao 🙂

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie Picciqu, hai proprio ragione: per uno sportivo il sacrificio è una parte importante della sua vita 🙂

  434. 1
    Mila ( Arco ) 06/02/2019

    La fine è davvero molto emozionante; mi sembrava di essere Alfonsina. Che coraggio!!!!!!

  435. 1
    SigmoidOsprey92 ( Romeno ) 06/02/2019

    Ciao Tommaso.Il tuo libro all’inizio non mi piaceva ma a mano a mano che leggevo il libro si è fatto interessante.
    A che posizione del giro d’Italia è arrivata Fonsina?
    Ciao, NON VEDO L’ORA DI INCONTRARTI A TRENTOOOOOOOO!!!!!!!!!!!

  436. 1
    IMLM ( Vezzano ) 05/02/2019

    Ciao… il libro non mi ha colpito molto ho fatto un po’ di fatica a capire l inizio e poi ero un po’ in confusione…

  437. 1
    VeRa goSvi ( Arco ) 05/02/2019

    Caro Tommaso,
    credo che il suo libro sia pazzesco (almeno per me): leggendo pagina per pagina, capitolo dopo capitolo, la voglia di leggere il suo libro mi è aumentata sempre di più e mi sembrava di sentire la fatica e lo sforzo che provava Alfonsina quando pedalava.
    Mi piace molto anche che nel suo libro si parli di sport e sacrificio assieme; io concordo che lo sport è un sacrificio ma allo stesso tempo ti regala delle emozioni bellissime.
    La stessa cosa però la posso dire anche della lettura, perché quando leggi sembra di partire e andare via lontano in posti non ancora ben conosciuti, che ogniuno può interpretare come vuole.
    La ringrazio quindi molto di avermi fatto fare questo bellissimo viaggio assieme ad Alfonsina Strada🗺

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Grazie Vera Gosvi!

      In quanto scrittore vedere che il mio libro ti ha emozionato tanto mi riempie di gioia!

  438. 1
    Anguilla ( Riva del Garda ) 05/02/2019

    Ciao Tommaso, all’inizio il tuo libro non mi piaceva perché il passaggio da Alfonsina adulta a bambina mi ha confuso, ma poi ho iniziato a capire la storia e ha cominciato a piacermi. La cosa che mi è piaciuta di più di questo libro è che una bambina qualunque aveva un sogno che ha portato avanti fregandosene di quello che dicevano le altre persone, diventando una ciclista provetta. Il tuo libro mi è piaciuto molto. Un saluto da Anguilla.

  439. 1
    BICCHI ( Tione ) 05/02/2019

    Mi è piaciuto leggere questo libro perché è bello e interessante

  440. 1
    vikiki ( Riva del Garda ) 04/02/2019

    Caro Tommaso Percivale questo libro è bello anche se ha alcune parole un pò complicate. Comunque mi è piaciuto perchè parla di una ragazza che ha un sogno e lo vuole raggiungere nonostante tutte le difficoltà che incontra ad esempio i suoi genitori che non vogliono che lei vada in bicicletta. Ma alla fine riesce a raggiungere il suo sogno e lo fa diventare realtà. In più non solo si avvera il suo sogno ma lei lo continua nel senso che non smette di andare in bici e migliora vincendo gare. Alla fine è un pochino triste ma è molto bello.

  441. 1
    Pattinatrice ( Lavarone ) 04/02/2019

    Io ho letto il tuo libro perché mi ispirava e mi sembrava molto ricco e chiaro con delle parole molto chiare. Sei molto bravo a fare lo scrittore, continua così.

  442. 1
    Pattinatrice ( Lavarone ) 04/02/2019

    Buongiorno vorrei comunicare che il tuo libro è molto bello.
    Ti consiglio se è questa la tua passione continua a portarla avanti secondo me.
    Questo libro per me ha un significato suo e capisce solo chi legge con attenzione

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Grazie Pattinatrice, è proprio la mia passione e continuerò a portarla avanti. Ho già scritto molti libri ma non mi bastano mai, sono sempre al lavoro su un nuovo romanzo! 🙂

  443. 1
    sushi07 ( San Michele all’Adige ) 04/02/2019

    Quando ho visto le proposte dello sceglilibro, sono subito rimasta catturata dal titolo “PIÙ VELOCE DEL VENTO”.
    Così lo ho letto e devo dire che mi è piaciuto moltissimo.
    Alfonsina mi ha conquistato con la sua determinazione e il modo in cui non permetteva a niente e a nessuno di ostacolare il suo sogno .
    A lei non importava ciò che la gente pensava di lei perché era una femmina.
    Anche io, come lei, penso che per raggiungere i propri obbiettivi nella vita le uniche chiavi siano la determinazione e la costanza.
    Non importa se la strada è in salita, passo dopo passo, con costanza, impegno e sacrificio ognuno può raggiungere i propri sogni.
    Basta volerlo

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Bravo/a Sushi07!

      Le piramidi sono state costruite una pietra per volta, e così vanno costruiti anche i sogni 🙂

  444. 1
    I LOVE GINNASTICA ( Mezzocorona ) 04/02/2019

    PIU’ VELOCE DEL VENTO
    Già da questo titolo ho capito che questo libro faceva per me.
    Mi è piaciuto un sacco soprattutto perché parla di una ciclista di nome Alfonsina Morini che affronta una serie di avventure molto interessanti che mi fanno un po’ ridere, ma alcune avventure sono serie.
    Quelle che mi fanno ridere: Alfonsina entra nel negozio e il negoziante non si accorge che era Alfonsina Morini; la più brava ciclista donna e poi il negoziante le chiede di farle un autografo sul muro.
    Mi rattristava invece quando gli altri ciclisti la prendevano in giro perché era una donna.
    Ciao caro Tommaso Percivale ci vedremo alla festa.

  445. 1
    flora35 ( Riva del Garda ) 04/02/2019

    Questo libro non mi è piaciuto molto nella 1 parte.
    ma nella 2 e 3 è iniziato a diventare molto più interessante.

  446. 1
    Teodolinda love ( Mezzocorona ) 04/02/2019

    Salve signor Tommaso Percivale .Il libro che ha scritto mi ha sinceramente colpito perché me lo aspettavo come un libro monotono e che non mi sarebbe piacito. Al contrario delle mie aspettative “Più Veloce del Vento” è un libro bello e che ti insegna l’importanza della perseveranza nel cercare di raggiungere i propri obbiettivi e che nessun sogno è troppo grande per essere inseguito.
    Detto questo ho una domanda da farle: perché Virginia non era orgogliosa di Alfonsina neanche dopo che personaggi molto importanti (come lo Zar di Russia e il re d’ Italia) le avevano fatto i complimenti e perfino mandato delle somme in danaro?? Se era solo perché le sue compaesane chiamavano Alfonsina “Il diavolo in gonnella” e la prendevano in giro, allora era proprio sciocca.
    Io , al suo posto , sarei stata orgogliosa di mia figlia.
    Cari saluti Teodolinda Love
    Ps. mi piacerebbe davvero tanto ricevere una tua risposta. Grazie.

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Ciao Teodolinda!
      Grazie per questa domanda, mi hai dato l’occasione di riflettere su una cosa importante 🙂

      Virginia non ha mai capito Alfonsina perché viveva in un mondo completamente diverso fatto di duro lavoro nei campi e di poche soddisfazioni. Per Virginia l’unica vita possibile era quella “tradizionale”, con la moglie casalinga che assisteva il marito e accettava le sue decisioni. Sua mamma (la nonna di Alfonsina) aveva fatto così. La nonna aveva fatto così, e così via indietro tra le antenate. Una donna indipendente e libera nel mondo di Virginia non è mai esistita, per cui non può proprio concepirla.
      Quando Alfonsina sceglie una strada diversa Virginia cerca di impedirglielo perché lo vede come un errore pericoloso e cerca di proteggerla.
      Per Virginia, Alfonsina sta facendo qualcosa di impossibile, di folle, di ridicolo e, quindi, di criticabile.

      (continua)

    • 1
      Tommaso Percivale 18/02/2019

      Nel romanzo non si capisce bene, ma dopo un po’ mamma Virginia comincia ad accettare la situazione. Si rende conto che per lei è incomprensibile ma vede che le cose vanno bene, che Alfonsina ha superato i pericoli e sta vivendo la sua vita. Soprattutto capisce che è felice.
      A questo punto diventa anche orgogliosa di sua figlia, perché è stata brava.

      Io penso che questo atteggiamento sia normale. I nostri genitori cercano di proteggerci ma, in questo modo, limitano la nostra libertà. In un certo senso la famiglia è un nido caldo ma che ci impedisce di diventare noi stessi. Per questo, ad un certo punto, è giusto seguire la nostra strada.

      • 1
        Teodolinda love ( Mezzocorona ) 18/02/2019

        Grazie per la sua spiegazione !! Avevo capito che Virginia era una mamma affettuosa e preoccupata per sua figlia e quello che lei mi ha scritto mi conforta molto. Io spero che nelle scelte della mia vita sarò sempre sostenuta dai miei genitori che per me sono un importante punto di riferimento.
        Grazie
        Teodolinda Love

  447. 1
    pippetto ( Arco ) 04/02/2019

    Caro Tommaso, ho letto il suo libro con interesse: è stato di mio gradimento, anche perché lei ci racconta la storia delle donne del ‘900 e questo mi ha suscitato attrazione verso il suo libro. Mi è piaciuta soprattutto l’ultima parte dove lei consiglia a tutti di seguire i propri sogni a testa alta superando tutti gli ostacoli presenti nel cammino. Grazie di cuore

  448. 1
    biatleta07 ( Peio ) 04/02/2019

    Il tuo libro non mi è piaciuto

  449. 1
    fragio ( Castel Ivano ) 04/02/2019

    Ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto molto perchè Alfonsina è una ragazza che non si è mai arresa.
    Sono felice che l’abbiano messo fra i cinque libri.
    Aspetto un tuo saluto. Ciao

    • 1
      Tommaso Percivale 13/02/2019

      Ciao Fragio! Se credi davvero in qualcosa non ti devi arrendere mai. Io ne sono convinto!

  450. 1
    gaga24 ( Castel Ivano ) 04/02/2019

    Ciao Tommaso,
    mi dispiace molto ma il tuo libro non è riuscito ad appassionarmi anche se è molto bello.
    Ho apprezzato l’amicizia sincera fra i due bambini.
    Anch’io ho un’amica del cuore quindi capisco cosa significa avere un amico.

  451. 1
    panda ( Castel Ivano ) 04/02/2019

    Ciao Tommaso,
    ho provato più di cinque volte a iniziare il tuo libro ma non riesco ad andare avanti.
    Penso che il libro sia un po’ difficile.
    Cordiali saluti

    • 1
      Tommaso Percivale 13/02/2019

      Ciao Panda, non abbatterti!
      Io credo che ci sia un “momento giusto” per leggere un libro, e forse quel momento non è ancora arrivato. Divertiti leggendo altri romanzi e poi, se ti sarà rimasta la curiosità di scoprire i segreti di Alfonsina, potrai tornarci sopra. Un abbraccio!

  452. 1
    Lupetto09 ( Ala ) 03/02/2019

    Caro autore, il tuo libro mi è piaciuto perché parla di una ragazza coraggiosa che per realizzare il suo sogno ha dovuto faticare molto, raggiungendo alla fine grandi risultati.👍🏻

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Caro Lupetto, più è difficile ottenere una cosa e più è grande la soddisfazione che ne deriva. Questo vale per tutto: dal prendere dei bei voti a ottenere il lavoro dei nostri sogni.
      Grazie per il tuo messaggio!

  453. 1
    SEBA08 ( Mezzolombardo ) 03/02/2019

    Caro Tommaso Percivale,
    ho letto con molto interesse il suo libro, che mi ha fatto conoscere com’erano diverse le condizioni di vita delle donne all’inizio del 900 rispetto ad oggi. Mi ha colpito molto il fatto che Alfonsina per inseguire i suoi sogni abbia sfidato anche i suoi genitori oltre che le usanze della società del tempo. Complimenti per il suo libro!

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Grazie Seba, hai visto com’è stata coraggiosa? Non è facile ribellarsi ai propri genitori e ancora più difficile è lottare contro l’intera società! Ma lei ci è riuscita, quindi vuol dire che si può fare 🙂
      Grazie mille e buone letture!

  454. 1
    ondina08 ( Roncegno ) 03/02/2019

    Il tuo libro è davvero bello perché Alfonsina si impegna tanto per realizzare il suo sogno di diventare ciclista. Questo ci insegna che tutte le persone dovrebbero fare come Alfonsina – impegnarsi sempre.

  455. 1
    Micio ( Roncegno ) 03/02/2019

    Ciao Tommaso,
    Mi è piaciuto molto il tuo libro e l’impegno che ci ha messo Alfonsina, è stata una ragazza molto coraggiosa… Spero che scriverai altri libri che parlano di passione e di coraggio. Ciao!

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Micio, ne ho già scritti alcuni e ne scriverò sicuramente altri. Il coraggio, la giustizia, la libertà, sono tutti temi a me molto cari.
      Buone letture!

  456. 1
    carota ( Riva del Garda ) 03/02/2019

    ciao Tommaso non trovo più il mio commento quindi lo rifaccio, mi è piaciuto tanto il tuo libro perchè Hai saputo raccontare che tanto tempo i dominatori del mondo erano i maschi però Alfonsina non ascoltò gli altri che li dicevano che è uno sport di maschi e non è per una femmina ma Alfonsina andò avanti per la sua strada e il suo sogno si avverò. Complimenti

  457. 1
    pec07 ( Telve ) 02/02/2019

    Buongiorno,
    Io ho fatto fatica a leggere questo libro perché non mi è piaciuto.
    Mi spiace 😞

  458. 1
    Odo ( Ville d’Ananunia ) 02/02/2019

    Buongiorno Tommaso Percivale. Il tuo libro che parla di Alfonsina, una ragazza che combatte per vincere e gareggiare con la bicicletta non mi è piaciuto tanto, perchè secondo me non spiega bene certe parti della storia e quindi non le ho capite. Nonostante questo il tuo libro fa capire che fra donne e uomini non si dovrebbero fare distinzioni anche se nel passato ed in certe parti del mondo ci sono ancora. Secondo me queste distinzioni sono” stupidissime “. Ciao Tommaso Percivale.
    Odo.

  459. 1
    Lorenzino ( Riva del Garda ) 02/02/2019

    Mi piace molto come si impegna Alfonsina a usare la bici e tutto quell’entusiasmo che ci mette

  460. 1
    Pinkbook ( Riva del Garda ) 02/02/2019

    Non ho mai visto una cosa simile ! Mi è piaciutontanto il tuo libro perché nessuno deve smettere mai di inseguire i propri sogni o desideri 😁 ! Io di solito leggo Harry Potter o Percy Jakson cose di questo tipo però quando ho iniziato a leggere il tuo libro mi veniva voglia di andare avanti per l’ eternità ! Perciò ti faccio i complimenti perché si capisce che sei nato con il sogno di rallegrare i cuori della gente con i tuoi magici racconti !!!!! 😍

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Pinkbook! Grazie mille!!! È proprio quello il mio sogno!

      E anche a me piacciono molto Harry Potter e Percy Jackson 🙂

  461. 1
    Heidi ( Valle di Cavedine ) 01/02/2019

    Caro Tommaso Percivale, ho iniziato il tuo libro e mi sta piacendo!

    Heidi

  462. 1
    ale11 ( Riva del Garda ) 01/02/2019

    Ho trovato il libro molto interessante soprattutto quando ci spieghi che, come Alfonsina, se tu hai un sogno, continui a crederci e a non arrenderti prima o poi si avvererà e fa anche capire come sia stato difficile per lei farsi trattare uguale ai maschi,anche in famiglia, ma trovo giusto che alla fine ci sia riuscita. Il libro era un po’ lunghetto, ma era scritto in maniera capibile.

  463. 1
    xoxo07 ( Pinzolo ) 01/02/2019

    Ciao Tommaso,
    questo libro mi è piaciuto fin dall’inizio, infatti l’ho letto in pochi giorni.
    Mi è piaciuto molto come hai descritto la protagonista e come hai curato ogni dettaglio.
    Questo libro ti fa capire che non bisogna mai arrendersi e continuare sulla propria strada. Complimenti

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Xoxo! Sono felice che tu abbia notato tutti quei dettagli. Per mesi, mesi!, ho studiato come vivevano le persone nei primi anni del 1900, come erano fatte le bici, chi erano i corridori più famosi e quali erano i loro segreti… ma per fortuna non è stato inutile 🙂
      Grazie mille e buone letture!

  464. 1
    Simonino ( Moena ) 01/02/2019

    questo libro mi è piaciuto moltissimo perché racconta di una ragazza molto coraggiosa ,che non aveva paura di quello che riteneva giusto.Consiglio questo libro ai miei compagni perché come detto precedentemente mi é piaciuto moltissimo

  465. 1
    Swedish girl ( Valle di Cavedine ) 31/01/2019

    Le donne sono pari agli uomini e essi pari alle donne

  466. 1
    Swedish girl ( Valle di Cavedine ) 31/01/2019

    Ciao Tommaso,il tuo libro mi è piaciuto molto!La storia di una donna che ha rivoluzionato lo sport:Alfonsina Morini .
    Una donna fantastica esistita realmente.
    Con questo romanzo hai mandato a noi ragazzi un messaggio molto importante cioè che ,maschi e femmine,dobbiamo seguire le nostre passioni e andare fino ai limiti dell’ impensabile perché i sogni sono delle cose che vanno assolutamente seguite.Questo libro è un capolavoro!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Swedish Girl, grazie per il tuo messaggio! Sei stata gentilissima.

      Tu hai un sogno da inseguire? Stai correndo verso i limiti dell’impensabile?

  467. 1
    lupo120 ( Ville d’Ananunia ) 31/01/2019

    Ciao Francesco d’ Adamo, il tuo libro mi è piaciuto molto perché è scritto benissimo e molto chiaro. La storia di Alfonsina mi ha colpito perché, pur di seguire i suoi sogni va contro la volontà della madre e del padre, anche facendoli star male. Adesso, grazie a lei le donne possono praticare li stessi sport degli uomini senza il rischio di essere derise e possono seguire i propri sogni.

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Lupo, hai ragione quando dici che le scelte di Alfonsina hanno fatto star male i suoi genitori. A volte i nostri genitori sognano per noi un futuro che però noi non vogliamo. Che cosa sarebbe giusto fare? Deluderli e seguire la nostra strada oppure assecondarli vivendo una vita che non è la nostra?
      È una domanda difficile. Alfonsina ha preferito seguire i suoi sogni. Tu che faresti?

  468. 1
    benjamina ( Tione ) 31/01/2019

    Caro Tommaso Percivale , questo libro mi ha fatto capire che non bisogna mai arrendersi ma sempre provarci fino in fondo, proprio come Alfonsina. Lei,con la sua passione per la bicicletta, vedendola nelle mani di suo padre ha iniziato ad allenarsi provandoci tante volte. La forza e il suo impegno l’hanno aiutata in un Giro d’Italia dove ha avuto una vittoria importante. Questo racconto è stato bello e utile per la vita. Complimenti!!🤩

  469. 1
    ELENA ( Ville d’Ananunia ) 31/01/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro inizialmente era noioso, ma poi, continuando a leggere mi è piaciuto abbastanza.
    Di questo libro non mi è piaciuta tanto la storia perché secondi me era un po’ noiosa.

  470. 1
    clarenz6 ( Predazzo ) 31/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perché l’argomento si tratta di ciclismo ed io amo molto lo sport infatti pratico molte discipline. Mi ha fatto capire che non bisogna mai arrendersi anche quando ti ritrovi da solo. Bisogna sempre combattere anche nella vita per ottenere quello che si desidera. E’ stato un bel esempio quello di Alfonsina, in più sapere che è una storia vera!

  471. 1
    Farfalla07 ( Arco ) 30/01/2019

    Ciao Tommaso Percivale!! Inizialmente io il libro lo trovavo noioso e triste ma dopo, quando Alfonsina ha avuto il coraggio di intraprendere la carriera ciclistica, il libro ha cominciato a appassionarmi. È una cosa bellissima la decisione di Alfonsina perché lei è riuscita a far cambiare mentalità alla maggior parte delle persone di quel tempo . Grazie a lei e a tutte le altre ragazze anche al giorno d’oggi tutti gli sport praticati dagli uomini possono essere praticati anche dalle donne. È stato bello anche “vedere” che all’arrivo del giro d’Italia Alfonsina ha trovato i suoi genitori.

  472. 1
    gatto a macchie ( Predazzo ) 30/01/2019

    Ciao Tommaso,
    sono a metà del tuo libro ,mi piace moltissimo e non vedo l’ora di finirlo, anche se sto provando a finirlo gli impegni me lo impediscono.
    La parte che mi è piaciuta di più è quella in cui Alfonsina e Jacopo fanno la gara per prendere la granatina.
    Ciao.

  473. 1
    cagnolino ( Riva del Garda ) 30/01/2019

    Caro Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto molto,Soprattutto quando Alfonsina usa la bici di suo papà per allenarsi e diventare più brava per andare a fare il Giro d’Italia. Mi ha emozionato anche quando hai raccontato che aveva il suo amico Iacopo che pensava di essere più veloce di lei in bici, ma, in realtà, non era così.
    Ciao!!!!!!

  474. 1
    ricki e nicki ( Pinzolo ) 30/01/2019

    Il libro più veloce del vento mi è piaciuto molto. Tocca dei temi molto profondi, mi ha colpito molto la tenacia e la caparbietà della protagonista. E’ stata la pioniera del ciclismo femminile, in un periodo storico in cui non c’era la parità dei diritti. Ho imparato che a lottare per un’ideale, esso si può raggiungere. A lei non importava vincere ma partecipare, come per tutti noi bambini dovrebbero essere.

  475. 1
    Little Pink Shark ( Riva del Garda ) 30/01/2019

    Caro Tommaso, questo libro mi è piaciuto molto perché insegna che per realizzare i nostri sogni dobbiamo “pedalare”.
    Sei riuscito a descrivere il carattere, la forza e la tenacia di Alfonsina in maniera straordinaria.
    Mia mamma dice che è molto difficile che un uomo riesca a cogliere così bene la personalità di una donna.
    Ti faccio i miei complimenti, è davvero un libro bellissimo!

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Little Pink Shark, grazie per il tuo messaggio e un grande saluto anche alla mamma 😉

  476. 1
    Parix ( Castel Ivano ) 30/01/2019

    libro che insegna a non mollare mai il proprio sogno e inseguirlo fino alla fine
    e come in questo caso Alfonsina dopo tanti ostacoli lei non molla mai e riesce a raggiunge il suo sogno.
    mi piace un sacco è un libro che coniglio a tutti i lettori.
    voto: ***** su 5

  477. 1
    Roxythebest ( Cavalese ) 30/01/2019

    Gentile autore,
    le scrivo per suggerirle dei cambiamenti per il libro:nella prima parte del libro spiegava più lentamente, mentre in seguito quasi troppo velocemente, sarebbe meglio se andasse con la giusta velocità. La descrizione di Alfonsina le consiglierei di cambiarla.
    In generale il racconto mi è piaciuto molto. Questa storia è veramente bella e mi ha incuriosita molto!!! la protagonista è molto forte e coraggiosa!! Spero che questo libro vinca il concorso!
    Ho trovato molto bella la parte in cui Alfonsina fa il giro di Italia e quando usa di nascosto la bicicletta del padre per diventare più brava!
    La ringrazio per aver scritto una storia di avventura, amicizia e passione!!

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Roxythebest, prendo nota di tutto.
      Però non posso cambiare la descrizione di Alfonsina perché non sono io che l’ho inventata. È realmente esistita e, per questo, devo descriverla com’era realmente 🙂

  478. 1
    Kira-Bernardo ( Mezzocorona ) 30/01/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto molto, mi è piaciuta anche l’ iniziativa di scrivere dei consigli in fondo alla pagina come di stare dritti con la schiena, ma sulla conclusione del libro, secondo me, sei stato un po’ meno chiaro e ho dovuto rileggerlo più attentamente.
    Il libro è molto costruttivo ma in alcune parti poco chiaro.
    Ciao

  479. 1
    Busabomber ( Castel Ivano ) 30/01/2019

    Questo è il libro che mi è piaciuto di più, perché è una storia vera e non inventata. All’inizio non mi piaceva molto perché è un po’ ripetitivo, poi quando ho iniziato a leggerlo con più voglia sono riuscito a capire il senso del libro. Più veloce del vento mi ha fatto capire che anche se le cose si fanno difficili non bisogna mai arrendersi, proprio come Alfonsina.
    Anch’io vado tutti i giorni in bici in estate ma in inverno la tengo nella cantina.

    • 1
      Zuzzu22 ( Arco ) 31/01/2019

      Ciao Tommaso, il libro l’ho trovato molto bello, insegna che bisogna seguire i propri sogni.
      Alfonsina ha dovuto lottare per andare in bicicletta mentre per noi oggi è una cosa normalissima.
      Molto tempo fa c’erano sport per femmine (danza) e per maschi (calcio) oggi anche i maschi fanno danza, e le femmine possono fare calcio!
      Comunque tornando al libro è molto interessante, come a tutti anche a me è piaciuta la parte in cui Alfonsina ha fatto il GIRO D’ ITALIA!
      Il libro era molto interessante!!!
      Lo consiglio a tutti i lettori.
      Buona lettura a tutti.

  480. 1
    Pomodoro7 ( Cembra Lisignago ) 30/01/2019

    Caro Tommaso
    complimenti, il tuo libro mi ha entusiasmato tantissimo. Credere in qualcosa e riuscire a realizzarlo è quello che ha fatto Alfonsina….c’è da imparare tanto da lei…..

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Pomodoro, Alfonsina ha moltissimo da insegnarci ma sta a noi mettere in pratica i suoi insegnamenti, a me per primo!

  481. 1
    mecontrote ( Mezzocorona ) 29/01/2019

    Caro Tommaso Percivale il tuo libro mi ha entusiasmato molto perchè parla di una bambina di nome Alfonsina che pur essendo una femmina ha superato molti ostacoli che a parere mio i maschi non potrebbero superare. E’ determinata,forte e coraggiosa, la prima volta che ha vinto la sua prima gara del suo sport preferito ovvero il ciclismo mi ha fatto ridere molto perchè quando è tornata a casa con il maialino legato sulla schiena mi sono immaginata la faccia dei genitori , dunque il tuo libro mi è piaciuto moltissimo e spero che vinca…ci vediamo a Trento xoxo

  482. 1
    pica_27 ( Egna ) 29/01/2019

    Più veloce del vento: una storia molto commovente.
    Questa donna ha davvero un sacco di forza; è una storia che mi rimarrà sempre in mente.
    Bisogna prendere esempio da Alfonsina.
    Veramente tanti complimenti.
    Cordiali saluti!

  483. 1
    zefiro ( Castel Ivano ) 28/01/2019

    Questo libro era molto bello e Alfonsina era molto coraggiosa

  484. 1
    sgmpg ( Pinzolo ) 27/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto.
    Secondo me Alfonsina è molto abile, coraggiosa, determinata e dura anche se non è uomo.
    Ti aspetto con grande piacere a Trento.
    Bravo, bel libro!😃😃

  485. 1
    luna ( Valle di Cavedine ) 27/01/2019

    Questo libro é meraviglioso e cattura il cuore appena lo inizi a leggere.
    Spero con tutto il cuore che questo libro vinca

  486. 1
    cassetto ( Tione ) 27/01/2019

    ciao
    il tuo libro mi è piaciuto molto perchè ho ammirato molto il coraggio di Alfonsina mentre si ribellava e cercava di realizzare il suo sogno. Secondo me Alfonsina vuole farci capire che realizzare il proprio sogno NON E’ IMPOSSIBILE.

  487. 1
    Fortunella ( Cles ) 27/01/2019

    il libro mi è piaciuto molto, complimenti Tommaso Percivale
    mi è piaciuto in particolare il fatto che Alfonsina abbia sfidato e vinto i maschi e soprattutto le idee che la gente aveva a quel tempo sulle donne.

  488. 1
    chicchetto ( Arco ) 27/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto perchè racconta la storia di una bambina che è riuscita, nonostante le difficoltà, a realizzare il suo sogno di correre in bicicletta. Mi ha fatto ridere molto il racconto della sua vittoria alla prima gara quando aveva vinto un maialino e lo aveva portato a casa legato sulla schiena. Ho immaginato la scena e le facce stupite della sua mamma e del suo papà quando l’hanno vista arrivare nel cortile.
    Vi consiglio di leggerlo perchè è un libro divertente e molto entusiasmante.

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Grazie Chicchetto, mi hai fatto venire un’idea: magari riusciamo a convincere gli organizzatori dello Sceglilibro a dare in premio un maialino. Sarebbe divertente, no? 😀

  489. 1
    liwy2008 ( Folgaria ) 26/01/2019

    E’ il racconto della vita di Alfonsina Strada, un personaggio esistito realmente, vissuta nei primi anni del ‘900. E’ la prima donna a cavallo di una bicicletta, pur sapendo che allora il ciclismo era solo per gli uomini.
    Ma a lei non importava: era convinta che donne e uomini avessero gli stessi diritti. Quindi con i suoi capelli alla bebè e con il suo carattere forte e testardo sfidò l’opinione pubblica dell’epoca e con grande fatica e tenacia riuscì a realizzare il suo sogno. Con coraggio ammirevole riuscì a partecipare al Giro d’Italia.
    Non vinse ma per Alfonsina era importante arrivare fino in fondo, non vincere.
    Penso che l’autore voglia trasmettere un messaggio molto chiaro: le donne hanno gli stessi diritti degli uomini.
    Del libro mi è piaciuto in particolare il linguaggio: ho imparato tantissime parole nuove. E’ perfetto per la classe quinta.
    Anche la storia è molto interessante ed entusiasmante, ero curiosa di sapere come andava a finire. E’ stupendo!

  490. 1
    carota ( Riva del Garda ) 26/01/2019

    ciao Tommaso mi è piaciuto tanto il tuo libro perchè hai saputo raccontare che un tempo i dominatori del mondo erano i maschi e le femmine (Alfonsina) voleva imparare ad andare in bici ma i maschi dicevano che le femmine non possono fare uno sport di maschi e che era di forza ma Alfonsina non ascoltava i maschi e fa di testa sua e impara a da andare in bici

    • 1
      Tommaso Percivale 05/02/2019

      Ciao Carota, è proprio così! Uomini e donne devono essere liberi di fare ciò che desiderano dando loro le stesse opportunità e la stessa fiducia 🙂

  491. 1
    rossonero ( Andalo ) 26/01/2019

    ciao Tommaso Percivale io sto per leggere il suo libro e penso che sia molto bello il libro più veloce del vento perchè a me piace andare in bicicletta e anche a me piacerebbe essere la più veloce del vento

  492. 1
    Elisa2008 ( Arco ) 25/01/2019

    È un bellissimo libro…..un po’ difficile da leggere ma è consigliabile; in poche parole è molto bello🐈

  493. 1
    gigigi ( Arco ) 25/01/2019

    E’ bello sapere che prima le femmine non andavano in bicicletta e ora vanno; comunque bellissimo

  494. 1
    ciao ( Baselga di Pinè ) 25/01/2019

    ciao Tommaso come va?
    non ho ancora finito di leggere il tuo libro però posso dire che è molto interessante non vedo l’ora di finirlo

  495. 1
    Tartosso47 ( Mezzocorona ) 25/01/2019

    Bel libro Tommaso.Perchè ho capito che le persone di quel tempo erano più povere di noi e che si accontentavano di una bici sgangherata.Mi è piaciuto quando Alfonsina non voleva mai arrendersi durante il giro d’Italia. Ciao da Tartosso47

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Tartosso47, il tuo messaggio mi ha fatto riflettere.
      Domenica scorsa sono andato a fare un’escursione lungo un torrente che scorre tra le mie colline. Ad un certo punto si forma un piccolo laghetto e ho passato almeno mezz’ora a far saltellare le pietre sul pelo dell’acqua. Non mi viene in mente un divertimento più povero di questo ma io mi sono divertito un sacco e anche adesso vorrei essere lì a tirare quei sassi 🙂
      Mi sono “accontentato” perché non potevo fare altro? Certamente no.
      Quindi io penso che il divertimento non abbia un prezzo.
      Tu che ne pensi?

  496. 1
    mogli ( Cavalese ) 25/01/2019

    Gentile autore la ringrazio per la bella storia che ha scritto .Ho trovata molto bella la parte in cui Alfonsina fa il giro d’Italia in bicicletta mi e piaciuto moltissimo . LA RINGRAZIO PER AVER SCRITTO QUESTO LIBRO

  497. 1
    miaobau ( Tione ) 24/01/2019

    Mi è piaciuto perché Alfonsina ha dimostrato, che uno sport da ragazzi, può essere praticato con impegno e determinazione anche dalle femmine.

  498. 1
    Orso ( Cles ) 24/01/2019

    Caro Tommaso, il suo libro era molto bello e riflessivo anche se il linguaggio era po’ difficile.❤💗💝❤

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Orso, grazie per il tuo messaggio.
      Se l’hai trovato difficile ma l’hai letto lo stesso hai raggiunto un grande traguardo e ora sei un po’ più bravo a leggere. Bravissimo! 😉

  499. 1
    trek ( Lavis ) 24/01/2019

    Buongiorno Tommaso, ho scelto questo libro perchè faccio ciclismo e mi piace la velocità. Mi piacciono inoltre le storie dei ciclisti di una volta e conoscere i campioni. Questa ciclista non l’avevo mai sentita nominare e la sua vicenda mi ha colpito perchè ho percepito la sua voglia di partecipare al Giro d’Italia (che è anche il mio sogno!!) e la fatica che ha fatto per poterlo fare. Mi sono stupito molto di quanti chilometri facessero in una tappa: oggi tutti quei chilometri non li fanno, anche se hanno bici moderne, molto più leggere e veloci!Mi ha impressionato il coraggio di questa ciclista. L’unico aspetto negativo del libro sono stati i pezzi di articoli di giornale e le lettere scritti in quel carattere (corsivo e più piccolo): ho fatto fatica a leggerli. In conclusione il libro mi è piaciuto molto!!

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Trek!
      Sai che anche io faccio un po’ fatica a leggere quando i libri sono scritti troppo piccoli o con caratteri diversi? Dobbiamo sforzarci!
      Grazie del tuo messaggio e buone letture!

  500. 1
    Raccio Paccio ( Valle di Cavedine ) 24/01/2019

    Non mi é piaciuto molto, soprattutto l’inizio, forse può piacere a qualcuno interessato di ciclismo

  501. 1
    LASABRI02 ( Castel Ivano ) 24/01/2019

    Per me “Più veloce del vento” è un libro che fa molto riflettere soprattutto quando Alfonsina combatte per andare in bicicletta, cosa per noi normale.
    E’ molto significativo perché io di Alfonsina non avevo mai sentito parlare e non conoscevo questa figura femminile; mi ha veramente commosso la sua storia.
    E’ un libro non come gli altri cioè è un libro che ti trascina, è come se io fossi stata lì presente con lei .
    Oggi il ciclismo femminile è uno sport molto popolare ed è perfino una disciplina olimpica.
    Se lei adesso fosse qui sarebbe orgogliosa di quello che ha fatto. Le cose sono molto cambiate da quando lei era piccola.
    Alfonsina non si scoraggiava mai soprattutto se le dicevano che non ce l’avrebbe fatta. Questo è il carattere che deve avere una persona che si sente dire queste cose.

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Lasabri02,
      anche io sono sicuro che se Alfonsina fosse ancora tra noi sarebbe orgogliosa di ciò che ha fatto e… cercherebbe qualche nuova avventura 🙂
      Grazie per il suo messaggio!

  502. 1
    Nana ( Lavarone ) 24/01/2019

    Molto, molto, molto, molto, molto bello!!!

  503. 1
    Clarinetto007 ( Mezzolombardo ) 24/01/2019

    caro Tommaso Percivale, inizialmente il tuo libro non mi piaceva per niente facevo fatica a capire la trama vista la presenza di troppi personaggi. Da quando però Alfonsina iniziò a usare la bici del padre il libro mi ha appasionato sempre di più:è ricco di colpi di scena e sopratutto narra una storia vera che non immaginavo.

  504. 1
    liegen ( Vermiglio ) 24/01/2019

    complimenti complimenti
    Un libro mai letto in mia vita, una ragazza che aveva un sogno e lo realizza
    lo consiglio a tutti.
    bel lavoro ma proprio bello.

  505. 1
    ceolanemm ( Egna ) 24/01/2019

    Buongiorno signor Percivale “Più veloce del vento”è il libro più lungo che ho letto fin ora. Non è stato difficile perché fin dall’inizio la storia mi ha coinvolta.
    Il personaggio di Alfonsina mi è piaciuta molto perché ci insegna che nella vita è bello avere dei sogni e che nessun sogno è troppo grande per essere inseguito,anche perché Alfonsina è una bambina determinata e combattiva che riesce con il suo impegno e la passione a fare uno sport che a quei tempi lo facevano solo gli uomini. Cosi il libro ci insegna che non esistono sport solo per uomini ma anche le donne possono fare tutto come loro.
    Alfonsina mi ha insegnato che non devo mai smettere di sognare e lottare per realizzare i miei sogni!
    Perchè ha scritto questa storia?
    Grazie
    Emma.

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Ceolanemm (gasp!),
      sono felice che ti sia piaciuto il mio luuuunghiiiiiiissssiiimoooooo romanzo. Anche io diffido un po’ dei libri lunghi. Per esempio ho appena letto Il Conte di Montecristo, che è così lungo che l’hanno diviso in DIECI volumi. Prima di iniziare una storia così bisogna pensarci bene. E se poi non ti piace? Però poi quando trovi il libro giusto è un’esperienza bellissima che ti resta nel cuore.
      Perché ho scritto la storia di Alfonsina?
      Perché adoro le storie di coraggio, i personaggi anticonvenzionali e i grandi sogni, e lei mi ha permesso di scrivere un romanzo con tutti questi ingredienti. 🙂

  506. 1
    ianasta52 ( Mezzocorona ) 24/01/2019

    Ciao Tommaso Percivale. Il libro sinceramente mi è piaciuto molto ma in particolar modo mi è piaciuto di più il capitolo 17: l’allungo decisivo. Parla della gara in bici che vince vittoriosamente Alfonsina, una ragazza coraggiosa, come il vento che corre finché non si stanca, finché ha forza. Bravissimo Tommaso! 💙👍😘💗💛💜💓💞💖💘😍🖤❤️❣️💙✌️🤞

  507. 1
    Lina SILVER 23/01/2019

    Mi è piaciuto molto questo libro, che racconta la storia vera di Alfonsina Morini, la prima donna italiana a disputare il Giro d’Italia in bicicletta. Vissuta agli inizi del ‘900, quando la parità tra uomini e donne era ancora lontana, con la sua caparbietà e il suo forte carattere è riuscita a superare le numerose difficoltà che le si sono presentate e a inseguire e raggiungere i propri sogni. Questo è anche un importante messaggio da ricordare e mettere in pratica nella nostra quotidianità.

  508. 1
    Pinkbook ( Riva del Garda ) 23/01/2019

    Oh , io adoro andare in bicicletta! Vorrei tanto poter vivere le avventure di Alfonsina ! Il tuo libro a trasmesso proprio le emozioni della magica protagonista ! 😀

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Pinkbook, davvero lo vuoi? È più facile di quanto pensi! In moltissime città ci sono associazioni sportive dedicate al ciclismo aperte anche ai giovani. Ti basta cercare un po’ su internet e in men che non si dica ti ritroverai a pedalare come una locomotiva!

  509. 1
    gio_2007 ( Mezzocorona ) 23/01/2019

    Per me la trama di questo libro è stata un po’ noiosa ma l’ insegnamento è bellissimo perchè se ti impunti su un obbiettivo si può fare di tutto!!!!!!!

  510. 1
    Tiger ( Valle di Cavedine ) 23/01/2019

    ciao sono a pagina 10 fin ora mi sembra bello

  511. 1
    Nicole ( Folgaria ) 23/01/2019

    Ciao, il tuo libro mi è piaciuto molto, leggendo questo tuo libro la mia passione per la lettura aumenti

  512. 1
    Nana ( Lavarone ) 23/01/2019

    Ciao Tommaso questo libro è molto affascinante ti fa riflettere molto sulla vita delle donne a quei tempi

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      Ciao Nana, allora ti racconto una cosa.
      Quando ero bambino ho scoperto che la televisione non era sempre esistita ma era un’invenzione recente. All’epoca Internet non c’era per cui tutti, ma proprio tutti, guardavano la TV. Allora mi sono fatto raccontare quali altre grandi invenzioni recenti avevano cambiato il mondo. Gli aerei, la radio, il telefono… Tutte cose che, come la televisione, mi sembravano lì da sempre perché quando sono nato erano di uso quotidiano.
      Ma per mia nonna no. Quando è nata lei, nel 1929, molte di queste cose non c’erano, oppure se le potevano permettere solo i più ricchi.
      I bambini sono curiosi, e dunque le ho chiesto: “nonna, qual è stata l’invenzione più importante per te?”
      Lei mi ha dato una risposta che mi ha spiazzato e che mi ricorderò tutta la vita: “La lavatrice, senza dubbio”.
      Cioè tra l’aviazione, il telefono, perfino la TV la cosa che ha avuto un impatto più grande nella sua vita è stata la lavatrice. Ma come mai?

    • 1
      Tommaso Percivale 01/02/2019

      “Quando ero bambina dovevamo lavare tutto a mano. A volte al fiume, a volte nei lavatoi che c’erano nelle piazze o nelle contrade. Ogni giorno dovevamo spendere ore per lavare i panni di tutti mentre gli uomini erano nelle campagne. Negli anni ’50, quando abbiamo comprato la prima lavatrice, mi sono trovata improvvisamente più libera, più indipendente. La lavatrice mi ha cambiato la vita”.
      La sua risposta mi colpì moltissimo e mi fece riflettere sulla vita delle donne a quei tempi. Per questo sono molto felice che il mio libro ti abbia fatto riflettere nello stesso modo 🙂
      Grazie per il tuo messaggio e buone letture!

  513. 1
    PIERGI ( Pinzolo ) 23/01/2019

    Questo libro non mi è piaciuto

  514. 1
    LUDOFOX23 ( Arcivescovile ) 23/01/2019

    Grazie mille Tommaso per il complimento anch’io penso che anche le ragazze possano fare gare maschili. A presto.😀

  515. 1
    agonistica123 ( Pinzolo ) 23/01/2019

    Ciao Tommaso,
    mi è piaciuto un sacco questo libro anche se all’inizio ho fatto un po’ fatica e non mi piaceva molto.
    La parte che ho preferito è quando Alfonsina prendeva la bicicletta di nascosto di suo padre e andava a farsi dei giri.

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Agnostica, anche a me piace molto quella parte! Ma la mia preferita è la corsa per la granatina, mi sono divertito tantissimo a scriverla 🙂

  516. 1
    miglieus68 ( Ala ) 23/01/2019

    Ciao Tommaso Percivale la storia di Alfonsina Morini, soprannominata poi Alfonsina Strada è come un sogno si possa realizzare, nonostante tutte le avversità che ha dovuto affrontare. Come la voglia di arrivare al traguardo di ogni gara superi le tradizioni e l’ignoranza alle persone di quel tempo. Il capitolo 19 mi ha colpito molto, perché dopo tante disavventure ha incontrato il suo futuro marito Luigi. Il capitolo che mi ha messa ha disagio è quando litiga con sua mamma.

  517. 1
    Franzyboom ( Lavis ) 22/01/2019

    Il libro era tutto molto bello tranne quando il papà dava le cinghiate ad Alfonsina, e mi piaceva molto quando il pubblico la tifava.

  518. 1
    LUDOFOX23 ( Arcivescovile ) 22/01/2019

    Grazie mille Ona0830 per i bei complimenti. Ti consiglio di leggere PIÙ VELOCE DEL VENTO perché è meraviglioso e con quel libro impari anche tante cose. A presto

  519. 1
    liegen ( Vermiglio ) 22/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto perché mi ha dimostrato che niente è impossibile.
    Complimenti, bel lavoro.

  520. 1
    Nabri 07 ( Tione ) 22/01/2019

    Il libro mi è piaciuto molto perché era scritto in modo interessante e perché capivo alcune parole difficili.

  521. 1
    happy201819 ( Riva del Garda ) 22/01/2019

    non mi è piaciuto molto

  522. 1
    Gufo307 ( Arco ) 22/01/2019

    Bell’argomento, ma il libro è brutto.

  523. 1
    PIERGI ( Pinzolo ) 22/01/2019

    QUESTO LIBRO TI SPIEGA LA FATICA CHE FACEVANO LE DONNE .BELLO

  524. 1
    panda07 ( Tione ) 21/01/2019

    Ciao,
    ho letto il suo libro e devo dire che mi è piaciuto molto, perché fa capire che non bisogna arrendersi mai, come fa la protagonista Alfonsina.
    L’unica cosa che non mi ha entusiasmato è stata la prima parte dove parlava della nascita di Alfonsina, perché non riuscivo a capire cosa stava accadendo.
    Per il resto è un bellissimo libro che consiglio di leggere a tutti!

  525. 1
    ingera ( Pinzolo ) 21/01/2019

    Caro signor Percivale, ho letto il suo libro “Più veloce del vento” e l’ho trovato molto interessante, anche per come è scritto e perchè mentre leggevo entravo nella storia.
    Però alcune parole erano difficili e non le ho capite.
    Cari saluti.

  526. 1
    gioia ( Fiera di Primiero ) 21/01/2019

    quando leggevo il libro mi sembrava di essere nella storia

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Credo che questo sia il più complimento più grande che mi si possa fare 🙂
      Grazie Gioia!

  527. 1
    lady ( Denno ) 21/01/2019

    Caro Tommaso Percivale, il tuo libro tra quelli che ho letto dello “Sceglilibro ” é quello che mi é piaciuto di più , perché è una storia realmente accaduta.Mi auguro che piaccia a tante altre persone e spero di vederti alla festa finale!!!

    Ciao!!!

  528. 1
    Jane Granger ( Lavis ) 21/01/2019

    Caro Tommaso Percivale,
    ho letto il tuo libro con entusiasmo (e in soli 3 giorni!).
    Ho pensato che a quel tempo le donne erano molto sottovalutate.
    Mi è piaciuto il modo di fare di Alfonsina anche perchè non era come tutte le altre che, se non avevano i capelli a posto, si vergognavano e non volevano farsi vedere. Alfonsina era tutto l’opposto, aveva i capelli corti e sempre arruffati eppure era amata da tanti; ma quello che mi è piaciuto di più di lei è il suo spirito ribelle.
    Mentre leggevo il suo libro ho provato diverse emozioni tra cui rabbia, felicità e soprattutto orgoglio perchè questa ragazza è riuscita a realizzare il suo sogno nonostante le difficoltà.
    Ciao e grazie per avermi fatto vivere tante emozioni.
    JANE GRANGER.

  529. 1
    gschnellfab ( Egna ) 21/01/2019

    Caro signor Percivale sono Fabian , ho letto il suo libro “Più veloce del vento” e l’ho trovato davvero straordinario. E’ stata un emozione leggere le difficoltà che la protagonista ha dovuto affrontare per raggiungere il suo scopo.
    Lo consiglierei sicuramente ad altri bambini perché questa storia mi ha insegnato ad inseguire i miei sogni senza arrendermi mai.
    Cordiali saluti.
    Fabian.

  530. 1
    zanottisar ( Egna ) 21/01/2019

    Buongiorno signor Percivale sono Sara, ho letto il suo libro:”Più veloce del vento” e la storia di questa bambina mi è piaciuta moltissimo. La protagonista ha fatto di tutto per inseguire e realizzare il suo sogno,quello di diventare una campionessa di ciclismo. Ha avuto una grande forza di volontà!
    Da cosa ha preso esempio per scrivere questa storia?

    Grazie
    Sara.

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Sara, grazie per il tuo messaggio.
      La storia di Più veloce del vento è la vera vita di Alfonsina Strada. Io ho inventato qualcosa qui e là ma per il resto si tratta della vera storia di una donna eccezionale.

  531. 1
    mittergio ( Salorno ) 20/01/2019

    Buongiorno!
    Scusa in ritardo!!!
    Il libro é stato bellissimo mi ha insegnato tante cose e anche parole nuove che poi ho chiesto ai miei genitori.
    Volevo farti 2 domande:
    1) Cosa ti ha spinto ad scrivero questo libro?
    2) Questa storia é come la tua vita?
    perché quello che racconti sembra una storia vera!

    • 1
      mittergio ( Salorno ) 07/03/2019

      scusa Tommaso ma perchè non mi rispondi ti ho fatto 2 domande e vorrei la risposta
      grazie ( ma te lo scritto da un mese e passa) perchè penso di non aver scritto una brutta cosa
      ciao aspetto la tua risposta

  532. 1
    ali2007 ( Arcivescovile ) 19/01/2019

    Ciao Tommaso
    Il tuo libro mi è piaciuto molto,specialmente nella parte in cui Alfonsina ha iniziato a partecipare alle gare, sconfiggendo tanti maschi che la prendevano in giro. Mi ha molto colpito il personaggio di Alfonsina, per la forza e l’impegno che ha messo per poter realizzare il suo sogno, contro tutto e tutti,anche contro i suoi genitori.
    Leggendo questo libro ho capito che tutti devono provare a realizzare i propri sogni,impegnandosi in quello che si fa e credendo nelle proprie capacità.

  533. 1
    Mirty ( Ville d’Ananunia ) 19/01/2019

    Caro Tommaso,
    nonostante non mi piaccia leggere, questo libro mi ha incuriosito molto. La storia di Alfonsina mi ha fatto capire come una ragazza per esaudire i propri sogni lotta finchè non arriva alla propria meta. Anche con un solo tifo, con qualcuno che sta dalla tua parte Alfonsina è riuscita a superare i propri ostacoli diventando una leggenda nella storia, è riuscita a far valere le donne e per questo le siamo grati.
    GRAZIE !!!!!!
    Questo libro mi è piaciuto molto.

  534. 1
    LEONE 10 ( Tione ) 19/01/2019

    CIAO,TOMMASO PERCIVALE, Il suo libro mi è piaciuto molto anche perché sono riuscito a immaginarmi la storia nella mia testa e anche perché Alfonsina non si aspettava una vita così bella.

    Ma anche perché io seguo molto il ciclismo e lo pratico anche.

  535. 1
    MEMY08 ( Coredo ) 19/01/2019

    Ciao Tommaso, all’inizio il libro mi sembrava noioso e molto triste perché la famiglia di Alfonsina era povera. Dopo un po’ però ero curiosa di sapere come andava avanti e ho continuato a leggerlo. Mi ha colpito molto l’ultima frase che può essere d’esempio nella vita di tutti i giorni. Se si ha un sogno, mai smettere d’inseguirlo: “Aveva cambiato il mondo del ciclismo per sempre, con la sua storia, ancora oggi, ci ricorda che nessun sogno è troppo grande per essere inseguito. E che con il lavoro, l’impegno e una passione sconfinata, l’ impossibile diventa possibile.”

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Memyo, grazie per questa tua riflessione. Io credo che le storie ci dovrebbero ispirare per la nostra vita quotidiana. I protagonisti vengono messi alla prova da ostacoli e difficoltà. Per superarli devono crescere, diventare più forti, più astuti, più coraggiosi.
      Non è ciò che facciamo nella vita di tutti i giorni?

  536. 1
    PV27 ( Predazzo ) 19/01/2019

    Alfonsina nata in campagna e priva della sua libertà è una donna molto forte e coraggiosa che avendo un marito in depressione non si ferma ancora e dopo pericoli e incidenti riesce a completare il giro d’Italia non prima ma con una grande soddisfazione per non aver mai mollato

  537. 1
    4bacco ( Valle di Cavedine ) 19/01/2019

    la parte iniziale non mi è piaciuta. dal titolo mi aspettavo di meglio.la parte finale mi è piaciuta di più perchè è più coinvolgente.

  538. 1
    Ermione008 ( Cembra Lisignago ) 19/01/2019

    salve tommaso percivale ho cominciato a leggere il suo libro r devo dire che è molto interessante .

  539. 1
    Sushi gag ( Ala ) 18/01/2019

    Non mi è piaciuto perchè, mi era difficile capirlo… .

  540. 1
    LOVE horse ( Ala ) 18/01/2019

    Caro Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto perché per Alfonsina non era importante contro chi gareggiare ma riuscire a realizzare il suo sogno, ed è stata così determinata che ci è riuscita. Questo racconto mi ha insegnato che per raggiungere i propri obiettivi bisogna metterci, sempre, tutto l’impegno che si ha. Solo così saremo soddisfatti del nostro risultato, indipendentemente dalla vittoria.

  541. 1
    PATO08 ( Lavis ) 18/01/2019

    Il libro non mi è piaciuto perchè la storia non mi coinvolgeva.

  542. 1
    Cleopatra ( Pinzolo ) 18/01/2019

    Alfonsina aveva un sogno e non ha mai mollato finché non lo ha realizzato! Questa storia mi è piaciuta davvero molto, perché mi ha insegnato che se voglio davvero una cosa la posso fare, che ci devo credere fino in fondo anche se qualcuno mi deride e mi dice di lasciar perdere. Spero che tu continui a scrivere libri con questi insegnamenti e che ci siano sempre più Alfonsine tra di noi!

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Cleopatra, continuerò a scrivere libri che parlano di libertà e ribellione perché sono temi per me molto importanti. E sai perché li scrivo? Proprio perché spero di spingere le mie lettrici e i miei lettori a realizzare i loro sogni, a lottare per i loro ideali. Voglio che diventino i protagonisti della loro storia 🙂

  543. 1
    spelacchio2008 ( Cembra Lisignago ) 18/01/2019

    Caro Tommaso Percivale ho appena finito di leggere il tuo appassionante libro😀😀.
    Mi é piaciuto tantissimissimo questo racconto😍😍😍😍😍😍😵😵😵.
    I capitoli che mi hanno colpito di più sono gli ultimi cioé dal 23 al 25.
    Alfonsina era una donna sempre pronta a tutto,non si attendeva mai,non ascoltava le idiozie degli altri perché essere intelligenti non vuol dire fare cose sciocche ma vuol dire pensare con la propria testa e credere nei propri sogni .
    CaroTommaso ti vorrei chiedere una cosa:tu quando ai iniziato a scrivere?-e quanti libri ai scritto fin ora? (per favore fammelo sapere)
    Spero di incontrarti presto ciao e alla prossima!!!! 🤗🤗🤗🤗🤗

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Spelacchio,
      hai ragionissima: bisogna pensare con la propria testa! È una cosa importante ma anche molto difficile perché bisogna impegnarsi molto, studiare e capire com’è fatto il mondo.

      Io ho iniziato a scrivere poco più di dieci anni fa e non ho mai smesso. È diventato quasi subito il mio lavoro, anche se il mio romanzo più importante (Ribelli in fuga) è uscito nel 2013.
      Credo di aver scritto più di trenta libri ma sono diventato famoso grazie a Ribelli in Fuga, Più veloce del vento e Messaggio dall’impossibile, i tre romanzi che affrontano i temi della libertà, la ribellione, la lotta contro le ingiustizie…
      Anche io spero di incontrarti alla festa. Grazie per il tuo messaggio e se hai altre domande scrivimi ancora!

  544. 1
    Cavallopazzo ( Baselga di Pinè ) 18/01/2019

    Ciao Tommaso più veloce del vento all’inizio non era un gran che ma dato che io ho una grande passione per le bici dopo un ‘po era diventato un sogno era bellissimo! Congratulazioni

  545. 1
    DolphinLoveYouC9 ( Arco ) 17/01/2019

    Caro Tommaso Percivale,
    il suo libro mi è piaciuto molto perché parla di una storia realmente accaduta, e lei me l’ha raccontata in modo semplice e coinvolgente.
    Conoscevo già la storia di Alfonsina ma, con il suo libro, ho scoperto molte più cose sulla sua vita.
    Mi ha colpito molto quando arrivò la guerra, però alla fine sono contenta che Alfonsina abbia tagliato il traguardo dell’ultima tappa del Giro d’Italia, perché aveva aperto anche il traguardo dei sogni delle donne.
    Ciao

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Grazie DolphinLoveYou, anche io resto sempre molto colpito quando leggo le storie di guerra. Le persone che vivono queste esperienze devono avere un coraggio da leoni. E purtroppo, nel mondo, le guerre non mancano mai.

  546. 1
    Luminosa08 ( Castel Ivano ) 17/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto molto. Lo ho trovato molto interessante e devo dire che Alfosina si dimostra molto coraggiosa! Al suo posto mi sarei arresa

    • BiblioCastel-Ivano 18/01/2019

      Ciao Luminosa08! Grazie mille per il tuo commento. Approfitto per dire a tutti i ragazzi e ragazze che partecipano a Sceglilibro sotto Castel Ivano: GRAZIE! Infatti, grazie anche ai vostri numerosissimi commenti e la vostra entusiasta partecipazione che il sito Sceglilibro ha superato i 4000 commenti (http://www.sceglilibro.it/siamo-oltre-quota-4000-commenti/)! Grandissimi!!!! 😉 Avanti tutta!

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Luminosa! Non dire che ti saresti arresa! Noi conosciamo noi stessi solo nelle difficoltà, solo quando devi davvero prendere una decisione importante e difficile. Se ti convinci di non essere all’altezza ancora prima di metterti alla prova parti già con un grosso svantaggio. Credi in te stessa, abbi fiducia nelle tue capacità. E se poi le cose andranno male ci riproverai ancora e ancora. È l’unico modo per vincere le sfide più grandi.

      E poi guarda, grazie al tuo messaggio abbiamo superato i 4000 commenti! Evviva!

  547. 1
    banana2008 ( Arco ) 17/01/2019

    Questo libro non mi è piaciuto molto perchè è una storia che non mi ha dato particolari emozioni

  548. 1
    alice20 ( Riva del Garda ) 17/01/2019

    Ciao Tommaso. E’ un libro molto bello con un linguaggio semplice. E’ un libro che racconta le difficoltà che le le donne del ‘900 dovevano affrontare e della differenza tra uomini e donne. Il coraggio di Alfonsina è un esempio per tutte le ragazze che hanno un sogno; non smettere mai di impegnarsi, non arrendersi davanti alle difficoltà e credere nelle propri capacità.
    L’ idea dedicata al ciclismo è fantastica! Grazie di avermi entusiasmato con queste pagine.

  549. 1
    Aurel05122007 ( Folgaria ) 17/01/2019

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo perché racconta la storia di una ragazza molto coraggiosa, che non aveva paura di fare quello che riteneva giusto.

  550. 1
    FENDT209 ( Valle di Cavedine ) 17/01/2019

    Ciao Tommaso. Complimenti per il tuo libro. All’inizio non mi piaceva molto; poi il mio parere è cambiato perchè, pure io sono uno sportivo che frequenta il mondo del nuoto e, quando Alfonsina inizia ad avere successo con la bici e a diventare famosa, ho capito che valeva la poena proseguire con la lettura. Detto e fatto, l’ho letto tutto in un giornoi…e devo dire che l’ho ritenuto un libro bellissimo!!! Spero di poter diventare coraggioso come lei nell’affrontare il mondo sportivo….ciao

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Fendt209,
      sono sicuro che dentro di te ci sia tutto il coraggio di cui hai bisogno. Devi solo tirarlo fuori quando serve!
      Buone nuotate!

  551. 1
    la sagra del paese ( Pinzolo ) 17/01/2019

    secondo me il tuo libro è molto bello perchè quando Alfonsina è andata al giro d’Italia ,nonostante le proteste delle persone,è arrivata fino in fondo e credeva in sè stessa

  552. 1
    ginobuonvino ( Folgaria ) 17/01/2019

    ciao Tomasso, il suo libro mi è piaciuto moltissimo, complimenti!!
    perché alfonsina è riuscita a realizzare il suo sogno, è una vera lottatrice perché è diventata una ciclista famosa!
    Però potevi evitare la morte della protagonista.
    però di faccio ancora i miei complimenti mi hai fatto leggere un libro, meraviglioso!!!

  553. 1
    Holly love 07 ( Mezzolombardo ) 16/01/2019

    Ciao Tommaso, questo libro mi é piaciuto moltissimo, complimenti!!
    Mi é piaciuto soprattutto perché Alfonsina riesce a realizzare il suo sogno che nessuna donna era riuscita a fare!
    Alfonsina é una raggazza MOLTO CORAGGIOSA! Ciao!

  554. 1
    sofi7 ( Ala ) 16/01/2019

    Ciao Tommaso, il libro era stupendo sopratutto Alfonsina è coraggiosa e intrepida. La parte iniziale non l’avevo capita molto ma proseguendo ho capito tutto. Alfonsina mi ha ispirato a non arrendermi davanti alle difficoltà perché in questo mondo ce ne sono tante. Gli uomini giudicavano le donne sull’essere deboli ma non si giudica un libro dalla copertina.BELLISSIMO il libro ci vediamo a Trento. Vorrei farle una domanda: ma lei da piccolo aveva già la passione per la scrittura?

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Sofi, hai proprio ragione: non si giudica un libro dalla copertina! 🙂

      Io da piccolo non avevo la passione per la scrittura. Pensavo che quello dello scrittore fosse un mestiere difficile e inarrivabile e che non avrei mai potuto diventarlo. Adesso ti posso dire che il mestiere dello scrittore è effettivamente difficile, ma con tenacia e caparbietà (e un pizzico di talento) ci si può arrivare. Anche io, come Alfonsina, lotto ogni giorno per il mio sogno.
      Anche per questo ho voluto scrivere Più veloce del vento!

  555. 1
    Volley2018 ( Ala ) 16/01/2019

    Caro Tommaso Percivale, il tuo libro “PIU’ VELOCE DEL VENTO” mi è piaciuto molto perché parla di una ragazza (ALFONSINA) che vuole inseguire i propri sogni ad ogni costo e cioè, diventare una ciclista e correre “IL GIRO D’ITALIA”. Non correva per vincere ma per arrivare fino in fondo alla sua sfida e per essere fiera di se stessa per aver finito e per aver resistito alla fatica e allo sforzo di quella competizione!! Nei primi capitoli mi sono annoiata un po’ ma andando avanti, la storia diventava sempre più divertente ed emozionante. Sono molto contenta che Alfonsina, alla fine sia arrivata fino in fondo al GIRO malgrado tutte le difficoltà incontrate lungo quel terribile percorso.Complimenti TOMMASO il tuo libro è fantastico e spero che incontrerò altri libri scritti da te !!!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Volley, grazie mille per questa magnifica recensione!
      Se vuoi incontrare gli altri miei libri chiedi in biblioteca o in libreria. I temi della libertà, della ribellione, la lotta contro le ingiustizie sono per me importantissimi per cui li troverai sempre.
      A presto e buone letture!

  556. 1
    alberto11 ( Ala ) 16/01/2019

    bellissimo libro bravo

  557. 1
    nabbo-14 ( Arcivescovile ) 16/01/2019

    Caro Tommaso, il tuo libro all’inizio è stato noiosissimo; potevi anche evitare nel finale la morte della protagonista… Comunque potevi mettere un po’ più di azione.

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Nabbo, mi dispiace che ti sia annoiato. Ho voluto descrivere la morte di Alfonsina perché secondo me era importante. Lei, che ha voluto vivere libera e con il vento in faccia è morta a cavallo della sua moto.
      Siamo abituati a considerare la morte come un evento triste, eppure è l’unica cosa di cui siamo certi quando nasciamo. Per me, quindi, la morte di Alfonsina è solo l’ultimo episodio di una vita speciale.

  558. 1
    LUDOFOX23 ( Arcivescovile ) 16/01/2019

    Caro Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto in particolare quando Alfonsina Morini è riuscita a realizzare il suo grande sogno di diventare una famosissima ciclista. Mi ha commosso molto perché anche se una persona non ha molti soldi per vivere i suoi desideri si possono sempre avverare. Questo libro mi è piaciuto molto. Con questo racconto ho capito molte cose importanti, ad esempio, come anche le ragazze possano partecipare alla gare di ciclismo e non solo i ragazzi. Questo libro è stato davvero fantastico. Non vedo l’ora di leggere un altro libro scritto da te.

    • 1
      Ona0830 ( Arcivescovile ) 17/01/2019

      Mi ha sorpreso il tuo commento LUDOFOX23 lo leggerò sicuramente

    • 1
      Tommaso Percivale 23/01/2019

      Ciao Ludofox, grazie per il tuo messaggio! Anche io penso che le ragazze possano fare tutto ciò che fanno i maschi. Perché non dovrebbero?

  559. 1
    Tank ( Arcivescovile ) 16/01/2019

    Caro Tommaso, all’inizio il tuo libro non mi ispirava granché, però a partire della seconda parte devo dire che non riuscivo più a staccarmi dalla lettura ,saltando la merenda pomeridiana e addirittura il pranzo. Avrei anche una domanda da farti: non ho ancora capito in che posizione arriva Alfonsina nel “Giro d’Italia”. Il tuo libro mi è piaciuto molto e penso potrei rileggerlo all’infinito!

    • 1
      Ona0830 ( Arcivescovile ) 17/01/2019

      Mi ha ispirato molto il tuo commento Tank leggerò ” Più veloce del vento” sicuramente!

    • 1
      Tommaso Percivale 22/01/2019

      Ciao Tank, saltavi addirittura il pranzo? Forse questo è il complimento più bello che abbia mai ricevuto! Però devi mangiare o resterai senza forze e non potrai leggere più! 🙂

      Alfonsina non ha nessun posto ufficiale in classifica perché è fuori gara da parecchie tappe, ma quello che conta è che sia riuscita a correre per tutti i terribili chilometri del Giro d’Italia senza mollare mai. È questo il grande miracolo, il rivoluzionario risultato sportivo: finalmente una donna aveva dimostrato di saper correre le “gare degli uomini”.

      Grazie per il tuo messaggio e scrivimi ancora se hai delle altre domande!

  560. 1
    Th3 noob of Fortnit3 ( Arcivescovile ) 16/01/2019

    Ciao Tommaso, a me è piaciuto molto il libro e sono contento che Alfonsina sia riuscita a inseguire il suo sogno.

  561. 1
    Ste-ste08 ( Arco ) 15/01/2019

    È un libro meraviglioso, ti invoglia a leggerlo sempre di più, il carattere di Alfonsina è veramente coraggioso e ambizioso, ti fa capire che tutti i sogni si possono avverare con impegno e la forza della volontà! 😉

  562. 1
    ginobuonvino ( Folgaria ) 15/01/2019

    ciao tommaso , il suo il libro mi è piaciuto molto perché mi ha insegnato che bisogna eseguire i propri sogni, grazie per avermi fatto leggere questo bel libro

  563. 1
    superlettore ( Riva del Garda ) 15/01/2019

    Caro Tommaso , devo dire che il tuo libro non mi è piaciuto sia per la trama sia per la lentezza che c’era nei capitoli ad raccontare la storia .
    Questo libro però ti insegna che bisogna credere nei propri sogni e di continuare a ” combattere”(se non sbaglio).
    Spero di non essere stata troppo cattiva .
    Ciao, Il vostro superlettore 🤗👋👏

  564. 1
    Cricetina ( Andalo ) 15/01/2019

    Ciao Tommaso Percivale, il tuo libro non mi è piaciuto però sono felice che Alfonsina è riuscita a inseguire il suo sogno.Ciao

  565. 1
    Pattinatrice ( Lavarone ) 15/01/2019

    Più veloce del vento mi ha fatto capire che anche se una cosa non la sai fare si impara cadendo e provando ore e ore cadendo.
    Ti do’ un 10 e lode

  566. 1
    Giulinda SILVER 15/01/2019

    Leggendo queste pagine non si puo’ non rimanere colpiti dalla determinazione, dalla caparbietà e dalla sana testardaggine di una donna semplice ma assolutamente autentica. In tutti i suoi tratti dimostra che non ci sono strade precluse alle donne, mettendo in evidenza l’importanza di non darsi mai per vinte nonostante gli sgambetti e le delusioni incrociate lungo il percorso.
    Bello davvero!!!

    • 1
      Tommaso Percivale 22/01/2019

      Grazie per il tuo messaggio, Giulinda. Anche io sono rimasto affascinato dalla vita di Alfonsina. Più studiavo la sua biografia, più ero colpito dal coraggio delle sue scelte e dalla sua infinita caparbietà. Una donna davvero inarrestabile!

  567. 1
    Antonio_SILVER 15/01/2019

    Sono arrivato a metà del mio “compito”: ho appena finito di mangiare il terzo libro. Me lo sono letteralmente “gustato” con soddisfazione.
    Scritto in un perfetto linguaggio, chiaro e “corretto” che è un piacere ad ogni pagina… Tratta di un “riscatto umano”, di una Donna che, all’inizio del ‘900 non ha rinunciato ai suoi sogni. Alfonsina Morini, nata il 16 marzo 1891 a Fossamarcia nel Bolognese da famiglia di mezzadri. La sua infanzia, in questo libro, l’autore la dipinge come un quadro “Caravaggesco”, la sua vita mi conduce al famoso cinema di Ermanno Olmi: L’albero degli zoccoli. La vita di casa, a scuola, il lavoro da “sarta” addirittura a 10 anni, le scorribande con la bici di papà, gli amichetti… le fughe in bicicletta (anche all’ora di Messa!)
    Con i primi “guadagni” del ricamo (75£) si compera, da Luigi Strada “inventore” che poi, nel 1915 diventerà suo marito, una bicicletta usata da 16 kili: tutta sua.
    Con Jacopo (figlio del panettiere) sbarca a Bologna alla Montagnola, dove conosce Carlo Massori: “corridore” professionale e e… fa bella figura. E’ “arruolata” nel club da Antonio Pezzoli: allenatore e direttore di gara
    Giovanni Meazzo, meccanico di biciclette, le trova anche un provvidenziale lavoro da sarta a Bologna.
    La vicenda si snoda tra alti e bassi, in cui l’Autore si sbizzarrisce in descrizioni poetiche e intriganti che coinvolge il lettore in emozioni suggestive.
    Trovo nella descrizione, anche alcuni vocaboli “strani” come ad esempio a pagina 62: …al lavatoio …cullato dallo SCIABORDIO e dal profumo di sapone
    A pagina 63: …pedalando nel suo modo STORTAGNATO… e altri ancora…
    Quando pedalo io sono il vento…! ma questa è poesia !
    L’ avventura dell’Alfonsina arriva lontano: al Valentino di Torino vince la corsa femminile. Addirittura in Russia, a soli diciannove anni, a San Pietroburgo riceve la medaglia dalle mani dello Zar Nicola.
    Commovente la lettera di Fonsina alla sorella Emma che Tommaso Percivalle ci propone a pagina 140. Anche alcuni originali articoli di giornale: “Gazzetta dello sport” “La bici sportiva” e “Guerin sportivo” illuminano l’Alfonsina di meritata gloria e grande saggezza.
    A pagina 161 si parte con il giro d’Italia 1924. Alzata alle tre e mezza di sabato 10 maggio per la prima tappa Milano-Genova 300 kilometri (!) di strada bianca. Alfonsina porta il numero 72. Ha “rotto” ma arriva… tra gli applausi stanchissima e felice. La seconda: Genova-Firenze: massacrante sfida di quasi 400 kilometri, con arrivo in centro accolta da un trionfo incredibile. Guadagna posizioni…
    Firenze-Roma: altri 285 kilometri con buon piazzamento e …sorpresa in locanda le arriva un gigantesco mazzo di rose e un “mancia” da un suo ammiratore: sua Maestà il Re Vittorio Emanuele terzo, ben 5000 lire (mai immaginate prima..)
    Dopo oltre tremila kilometri di pedali l’Alfonsina arriva al sognato traguardo di Milano da dove venti giorni prima partì con tanto entusiasmo e volontà. Partì con il vestito dell’avventura e arriva avvolta nella leggenda.
    L’Autore, ci coinvolge e trascina dentro il racconto in maniera totale, da renderci partecipi e quasi coprotagonisti nella vicenda.
    Alfonsina Morini-Strada è realmente esistita negli anni più secchi della fame e della miseria. La sua gioventù al cavallo del diciannovesimo secolo è stata torturata dalla situazione mezzadrile della sua famiglia (suo padre la voleva maschio), la grande guerra, la situazione politica del fascismo… poi, la famosa crisi del ’29… tempi difficili.!
    Non lasciamo nel dimenticatoio queste pagine della nostra storia: sempre ci insegnano l’importanza dei veri Valori da apprezzare ogni giorno.
    Non è un libro “fuori tempo” consiglio la lettura a tutti: sia ai giovani rampanti che ai “giovani stagionati”.

    • 1
      Tommaso Percivale 16/01/2019

      Grazie Antonio, ho letto la sua recensione con attenzione e orgoglio.
      Anche io sono convinto che la storia di Alfonsina sia attualissima. Da appassionato di storia vedo che l’homo sapiens sapiens è sempre uguale da duecentomila anni a questa parte. Ha le stesse necessità, gli stessi desideri, gli stessi sogni. Non è difficile trovare episodi che si ripetono sempre uguali nella storia. È la ragione per cui possiamo emozionarci con le vicende dell’Odissea, di Gilgamesh o dei Ribelli del lago.
      È sempre bello, per me, scoprire fatti del passato che possono rivelare l’essenza del presente. È un’occasione di crescita per l’autore e per l’uomo. E spero che questa esperienza dia una forma inconfondibile ai miei libri.
      Grazie ancora per la sua recensione e buone letture!

  568. 1
    mercurio2.0 ( Arco ) 14/01/2019

    Caro Tommaso Percivale il tuo libro é molto commovente e insegna parecchio.
    Grazie di queste emozioni.

  569. 1
    NUTELLA ( Baselga di Pinè ) 14/01/2019

    ciao Tommaso,questo libro è veramente fantastico mi è piaciuto moltissimo e non vedo l’ ora di leggerne altri ciao

  570. 1
    LUNA2011 ( Telve ) 14/01/2019

    ciao Tommaso,
    volevo dirti che ho finito il tuo libro in una SETTIMANA ,devo ammettere che il tuo libro è proprio bellissimo,ma un po’ difficile per me.
    Spero che un giorno tu inventerai un nuovo libro .
    Grazie di avermi ascoltato,e ciao anche a te e anche a tutti

    • 1
      Tommaso Percivale 16/01/2019

      Ciao Luna2011!
      Sei stata davvero velocissima!
      Le cose più difficili da ottenere sono quelle che danno maggiori soddisfazioni, e io sono molto orgoglioso perché adesso sei pronta a leggere libri ancora più difficili!

      Per quanto riguarda me, sono sempre al lavoro. Finito un libro mi riposo un poco e poi mi butto in un nuovo progetto. È un modo di lavorare che mi piace moltissimo 🙂

  571. 1
    zampabianca_12 ( Denno ) 14/01/2019

    Ciao Tommaso ,
    Il tuo libro è molto bello, originale e essendo appassionato del ciclismo lo consiglio vivamente.
    Grazie per le emozioni che mi hai fatto provare
    complimenti

  572. 1
    Spirito Libero ( Castel Ivano ) 13/01/2019

    A me questo libro ha davvero messo i brividi. MI è PIACIUTO DAVVERO MOLTISSIMO. Ogni volta che leggevo un capitolo di questo libro me ne innamoravo sempre di più ! Lo consiglio a tutti .

  573. 1
    CF7 JUVE ( Folgaria ) 13/01/2019

    Ciao 👋 Tommaso
    Il tuo libro 📖 è molto bello. Mi ha colpito il carattere di Alfonsina che ci insegna ad inseguire i propri sogni senza arrendersi, solo così si possono realizzare… anch’io ci proverò !Grazie mille per il bel libro 📖!!!😄😄

    • 1
      Tommaso Percivale 16/01/2019

      Ciao CF7 JUVE, hai colto nel segno! Se ti impegnerai al massimo e non ti lascerai abbattere dalle difficoltà riuscirai senza dubbio ad andare lontano. In bocca al lupo!

  574. 1
    Black Panter ( Vezzano ) 13/01/2019

    Questo libro mi ha spaventato un po’, perche con tutto quel picchiarsi era un pochino traumatico, però mi è piaciuto molto lo stesso.

  575. 1
    lupetta08 ( Malè ) 13/01/2019

    Ciao Tommaso il libro mi è piaciuto molto ……. e mi ha insegnato che i sogni possono sempre diventare realtà e che un sogno non è mai troppo grande per essere realizzato. Forse ho fatto un po’ di ripetizioni ma non sapevo spiegarlo però spero che hai capito.

  576. 1
    Mr.Fortnite ( Valle di Cavedine ) 13/01/2019

    non mi è piaciuto molto

  577. 1
    Dance08 ( Ala ) 13/01/2019

    Il tuo libro è stato stupendo, mi sono divertita tanto a leggerlo. Come voto ti do un bel 10 con lode. Complimenti

  578. 1
    Princess10 ( Malè ) 13/01/2019

    Ciao Tommaso il tuo libro mi è piaciuto molto perché parla di una ragazza con un forte carisma che fu la prima donna a partecipare al giro ď Italia.
    Il tuo libro mi è piaciuto anche perché racconta che ogni sogno non è mai troppo grande per essere realizzato.

  579. 1
    kelly2010 ( Mezzocorona ) 12/01/2019

    caro Tommaso , ho letto il tuo libro, e mi è piaciuto fin dal inizio per la determinazione di Alfonsina ed il suo coraggio. Quando ho finito di leggere il tuo libro mi sono emozionata . Il libro che hai scritto è veramente eccezionale.

  580. 1
    miracolina ( Baselga di Pinè ) 12/01/2019

    E’ il primo libro che ho letto. All’inizio non ero molto entusiasta, avrei preferito leggere altro. Poi però cominciando a leggerlo, pagina dopo pagina, mi sono innamorata. Aspettavo con ansia il giorno dopo per continuare la lettura. Parla della forza delle donne, di quello che siamo in grado di fare e mi ha fatto capire che se una casa ti piace puoi farla, contro tutto e contro tutti.

  581. 1
    viprino ( Moena ) 12/01/2019

    Buongiorno TOMMASO il suo libro è stupendo ……..mi appassionata fin dalla prima pagina.La storia di Alfonsina è MOLTO bella, il libro mi ha insegnato che nella vita ogni cosa è possibile ma serve molto impegno e coraggio per realizzarla.Non vedo l’ ora che esca il suo nuovo libro!!!

  582. 1
    Kika ( Cavalese ) 12/01/2019

    Ciao Tommaso il tuo libro mi ha fatto capire che tutto è possibile e che bisogna arrivare ai propri obbiettivi!!!♡

  583. 1
    farfallablu07 ( Riva del Garda ) 11/01/2019

    Inizialmente il libro mi sembrava noioso, perchè parlava più della vita di Alfonsina e dei rimproveri della madre anzichè parlare del suo grande sogno: correre in bicicletta. La seconda parte è invece molto emozionante, in quanto Alfonsina per inseguire e raggiungere l’obiettivo di comperarsi una bicicletta e diventare una campionessa ha lavorato molto duramente e lottato contro i giudizi e pregiudizi di tanti che cercavano di demotivarla in quanto DONNA. Secondo me la donna e l’uomo devono avere le stesse possibilità e gli stessi diritti. Nel mondo invece esistono ancora molte realtà dove la donna è considerata come un essere inferiore o peggio un oggetto.

    • 1
      Tommaso Percivale 16/01/2019

      Ciao farfallablu07, capisco cosa intendi. Volevo che il lettore entrasse nella vita di Alfonsina conoscendo i suoi genitori e il posto in cui viveva. È un aspetto importante della sua vita perché fa capire quanto fosse misero il suo punto di partenza. Non aveva nulla, né denaro, né fiducia, né futuro. Non aveva conoscenze, non aveva il permesso dei suoi… non sapeva neppure andare in bici! Eppure è diventata una star dello sport e un esempio da seguire.
      Per raccontare tutto questo c’è bisogno di un po’ di spazio all’inizio del libro. Senza questo spazio il romanzo sarebbe un poco più brutto, almeno secondo me.

  584. 1
    libri08 ( Mezzocorona ) 11/01/2019

    Ciao Tommaso Percivale sono libri08 ,il suo libro in poche parole è favoloso, con il coraggio e la passione di Alfonsina che non mancava mai. Questo libro mi ha fatto riflettere su molte cose , una di queste è che non serve essere maschio per fare delle cose o femmina per farne altre, basta inseguire i propri sogni! Mi è piaciuta molto la parte dove Alfonsina fa il giro d’Italia, con tutte quelle cadute che ha subito, lei non si è mai scoraggiata. Alfonsina è una delle persone più coraggiose che conosco ,anche se fa parte di un libro .Io non mi tuffo facilmente in un libro ,ma con questo ci sono riuscito, già dalla prima pagina è incominciato a piacermi ,quando lo finivo rileggevo le parti più emozionanti e che mi piacevano di più.Le volevo fare una domanda: come le è venuta l’ ispirazione di questa ragazzina coraggiosa e forte? Spero di leggere altri dei suoi libri!! Arrivederci! dalla sua libri08

    • 1
      Tommaso Percivale 16/01/2019

      Ciao Libri08, molte grazie per il tuo messaggio!

      Perché ho voluto scrivere la sua storia? Perché adoro le storie di coraggio, i personaggi anticonvenzionali e i grandi sogni. Era un romanzo che doveva essere scritto 🙂

  585. 1
    Cocacola ( Riva del Garda ) 11/01/2019

    Caro Tommaso Percivale da questo libro ho imparato che il talento non si conosce da subito ma bisogna scoprirli con il tempo e che possono averli tutte le persone brutte e belle e che bisogna crederci fino alla fine e non mollare mai.

  586. 1
    PeterPan1 ( Telve ) 11/01/2019

    Caro autore ho letto il tuo libro ma mi dispiace dirti che non mi è piaciuto perchè il lessico era troppo complesso per me.

  587. 1
    GIGI 13 ( Fiera di Primiero ) 11/01/2019

    Questo libro è BELLISSIMO: è piaciuto anche a mio papà!!!!!!

    CIAO DA GIGI 13!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 🙂 🙂 🙂 😉

  588. 1
    X007 ( Taio ) 11/01/2019

    Buongiorno Tommaso, questo libro l’ho letto molto volentieri… mi ha appassionato e soprattutto mi ha insegnato una cosa molto importante della vita, per un nostro sogno non dobbiamo mai arrenderci ma continuare a sperare e a confidare nella nostra passione! Spero di leggere altri tuoi libri… Buon proseguimento…
    🤗😉

  589. 1
    Hermione10 ( Lavis ) 11/01/2019

    Ciao Tommaso,
    il tuo libro mi è piaciuto davvero tantissimo! Stupendo, avvincente, fantastico, meraviglioso…
    Alfonsina parte da un contesto non molto semplice perchè:
    è una donna e la famiglia è molto povera ma nonostante questo lei non si scoraggia e va avanti fin quando non si innamora della bicicletta e da lì mi è piaciuto sempre di più.
    A me piacciono tantissimo i libri che parlano di un sogno da avverare e soprattutto se il protagonista è una femmina… Io amo le donne coraggiose e che fanno vedere quanto valgono (spesso di più degli uomini)
    La parte che mi è piaciuta di più è la fine quando percorre il Giro d’ Italia e anche se non ha vinto è riuscita ad arrivare fino alla fine… Davvero una donna magnifica da cui imparare
    Non riuscivo più a smettere di leggere questo libro me lo sono letteralmente mangiato.
    É il libro più bello che io abbia mai letto!
    PS: come mai hai voluto proprio scrivere questa storia?
    Ciao e buona fortuna
    Hermione10

  590. 1
    GIGI 13 ( Fiera di Primiero ) 11/01/2019

    Ciao, a Trento mi potresti fare un autografo??????? Grazie, GIGI 13. 🙂 🙂

  591. 1
    bluino ( Ala ) 11/01/2019

    Egregio signor Tommaso Percivale il suo libro è assolutamente favoloso: il coraggio di un sogno senza precedenti, una donna che corre in bicicletta mi ha seriamente emozionato e mi ha fatto riflettere sulla cocciutaggine nel raggiungere i propri sogni nonostante gli insulti e i rimproveri che riceve Alfonsina.
    Questo libro lo consiglierei a chi si vuole ribellare a qualcosa di ingiusto e fare qualcosa fuori dal comune, come nel caso del suo libro: una donna che corre in bicicletta. Secondo me il personaggio meglio riuscito è Iacopo, perché riflette esattamente il tipo di amico che non ti abbandona mai: ne è un esempio la parte in cui erano bambini e Iacopo ha difeso Alfonsina nello scontro con Pezzoli.
    Nel complesso i personaggi della storia sono ben descritti. Una piccola imprecisione nella trama, che secondo me deve venire detta, è che non si capisce chi è Tano Belloni, perché Afonsina gli parla come se fosse un amico ma nella storia non viene spiegato chi è.
    (continua..)
    La storia è molto avvincente, e mi ha anche incollato alle pagine, ogni giorno che arrivavo da scuola appena avevo un momento libero leggevo il suo meraviglioso libro e non glielo dico per gentilezza ma perché è la verità!Il momento secondo me più avvincente è quando Alfonsina corre nel Giro d’Italia, perché le piste sono sempre più difficili e maggiori sono anche le cadute ma Alfonsina non si scoraggia. Se fossi io a dover correre su delle piste così difficili dopo la prima tappa mi sarei già ritirato.Questo libro mi ha fatto riflettere sul fatto che le donne al giorno d’oggi sono molto più fortunate delle donne di un tempo perché hanno molti più diritti: per esempio possono votare e appunto andare in bicicletta . Mi ha fatto anche riflettere sul fatto che siamo più fortunati di alcune famiglie di un tempo;

    • 1
      Tommaso Percivale 11/01/2019

      Ciao Bluino, grazie per il tuo messaggione!

      All’inizio tutti pensano che ogni ostacolo sia insormontabile, ma anche gli ostacoli più difficili si superano un passo dopo l’altro, facendosi coraggio lungo la via. Così in un attimo ti trovi ad aver raggiunto il traguardo e capisci che tutti quegli ostacoli facevano solo parte del viaggio.

      Buon viaggio dunque, e che ti porti là dove vuoi andare.

    • 1
      GIGI 13 ( Fiera di Primiero ) 11/01/2019

      Hai ragione bluino.
      Un’ altra cosa che possono fare le donne (al giorno d’oggi) è avere un lavoro: una volta potevano solo stare a casa a fare le casalinghe.

  592. 1
    lory07 ( Ala ) 11/01/2019

    PIÙ’ VELOCE DEL VENTO

    Ciao Tommaso Percivale sono lory07 e ho letto il tuo libro ”più veloce del vento“, mi è piaciuto tanto quando Alfonsina non si arrendeva mai, che ci ha provato continuamente a insistere su quello che le piaceva tanto fare e alla fine c’è riuscita a correre in bicicletta. Questa ragazza è di esempio per noi che dobbiamo imparare a non arrenderci mai al primo ostacolo; scrivi molto semplice e chiaro.
    Complimenti da lory07!!!
    Votazione da 1* a 5*
    Voto: * * * * *

  593. 1
    CARABINIERE ( Mezzolombardo ) 10/01/2019

    Caro Tommaso questo libro parla di un argomento importante ,diciamo un argomento attuale.Purtroppo, in molte nazioni straniere le donne hanno difficoltà a raggiungere i propri sogni e i propri desideri.Ma la cosa che mi ha colpito maggiormente la grande forza di volontà ,il grande desiderio di realizzare il proprio sogno .Bisogna essere combattivi come la protagonista Alfonsina. Ciao dal tuo Carabiniere

    • 1
      Tommaso Percivale 11/01/2019

      Ciao Carabiniere,
      ciò che scrivi è giusto e profondo, ma voglio aggiungere che le donne vivono ingiustizie anche qui, nella nostra Italia. Vuoi un esempio? A parità di lavoro le donne guadagnano circa il 30% in meno dei loro colleghi maschi. Ti sembra giusto?
      E questo è solo un esempio, purtroppo c’è ancora molto da fare perché uomini e donne abbiano gli stessi diritti e gli stessi doveri.
      Ci dobbiamo impegnare tutti ma ce la faremo!

  594. 1
    luis 1 ( Riva del Garda ) 10/01/2019

    La storia in sé non mi ha entusiasmato molto, ma l’autore ha saputo raccontarla in modo da coinvolgere il lettore, in modo da farlo sentire proprio all’interno della storia stessa.
    Quindi ringrazio l’autore di avermi fatto apprezzare un racconto non molto interessante per me.

    firmato, Luis 1

  595. 1
    Richy08 ( Cavalese ) 10/01/2019

    Caro Tommaso,il tuo libro mi è piaciuto perche’ ha descritto Alfonsina come ragazza forte e determinata e che ogni obiettivo, con questa passione può essere raggiunto. Cari saluti

  596. 1
    ERMIONE2018 ( Mezzocorona ) 10/01/2019

    Ciao Tommaso Pervicale
    ho da poco finito il suo fantastico libro!!!!
    Le parti che più mi hanno colpitosono state quando Alfonsina era piccola e aveva la voglia di andare in bicicletta anche se non poteva solo perchè era femmina e poi quando era grande perchè era riuscita a finire il Giro d’ Italia nonostante le ferite sanguinanti. Questo libro mi a insegnato che bisogna inseguirei propri sogni anche se sono quasi impossibili e pieni di difficoltà.
    Spero che vinca lei! A presto,
    ERMIONE2018

  597. 1
    Miusik ( Predazzo ) 10/01/2019

    ho finito il tuo libro è stato bello ed emozionante

  598. 1
    Gattina Bianca ( Roncegno ) 10/01/2019

    ciao Tommaso, il tuo libro mi è piaciuto perché parla di una bambina di nome Alfonsina che aveva una vita molto difficile. Il tuo libro non mi è piaciuto molto in certi capitoli perché c’erano parole delle quali non si capiva il significato e poi l’inizio non aveva senso. Però bravo perchè ti sei impegnato molto a scriverlo e farcelo leggere.

  599. 1
    Cat of night ( Arco ) 10/01/2019

    Ciao Tommaso, il tuo libro per me è stato un po difficile come significato, ma ho capito che bisogna andare sulla propria strada verso il futuro.
    Mi è piaciuto tantissimo!!!!

  600. 1
    MONSTER2008 ( Castel Ivano ) 10/01/2019

    Ciao Tommaso il tuo libro non mi è piaciuto, ma è stato bello leggere di Alfonsina, che con la sua tenacia è riuscita a essere la prima donna a partecipare al giro d’Italia.
    ciao e grazie

  601. 1
    MikeJames 2 ( Arco ) 09/01/2019

    Ciao Tommaso , l’inizio del libro non mi è piaciuto molto .
    Spero che il resto del libro sia bello !!!!!!!!
    THE 🔚

  602. 1
    Fil097 ( Andalo ) 09/01/2019

    Questo libro non mi è piaciuto molto, pero sono felice che Alfonsina è riuscita a partecipare al giro di Italia.Questo libro ci insegna che tutti dobbiamo cercare di realizzare i nostri sogni e per questo non bisogna mollare mai come a fatto Alfonsina.

  603. 1
    robyy15 ( Predazzo ) 09/01/2019

    Ciao Tommaso
    il tuo libro mi è piaciuto molto!!!
    mi ha insegnato che bisogna inseguire sempre i propri sogni, qualunque sia l’ostacolo.
    roby15 😉 😉 😉 😉 😉 😉 😉

  604. 1
    cenerentola ( Telve ) 09/01/2019

    Ciao Tommaso , il tuo libro mi è piaciuto molto, anche a me come Alfonsina piace andare in bicicletta! Ciao

  605. 1
    Gini ( Riva del Garda ) 09/01/2019

    Ciao, il tuo libro mi piace molto perché parla di una storia vera, mi ha ispirato tanto a non mollare e ad seguire i propri sogni e desideri.

  606. 1
    ritmicasr10 ( Riva del Garda ) 09/01/2019